Afghanistan, Biden dietro l’angolo prova a difendersi: “Addio dopo essersi liberati di Al-Qaeda”. Ma il Pentagono: “I terroristi ci sono ancora”

Joe Bidenfortemente criticato per aver gestito il ritiro dall’Afghanistan – si presenta davanti alle telecamere per spiegare agli americani e al mondo quale sarà il ruolo degli Stati Uniti nell’evacuazione dei civili accorsi all’aeroporto della capitale afghana dalla caduta di Kabul nelle mani – armati di mitra – i talebani. Una conferenza stampa tesa si è conclusa con i giornalisti che hanno continuato a fare domande mentre l’inquilino della Casa Bianca lasciava la stazione. “Mettiamola in prospettiva. Quali interessi abbiamo in questo momento in Afghanistan con Al Qaeda non c’è più? Siamo andati in Afghanistan con l’obiettivo di sbarazzarci di Al Qaeda in Afghanistan e di Osama bin Laden, e lo abbiamo fatto – ha detto Biden – Conoscete la mia posizione da molto tempo. Era ora di porre fine a questa guerra”. Ma in pochi minuti, le agenzie hanno rilasciato una dichiarazione concisa dal portavoce del Pentagono. John Kirby: “Sappiamo che Al-Qaeda e Isis sono ancora presenti in Afghanistan”. A conferma della grande difficoltà incontrata dal democratico in patria.

La promessa di Biden – Il presidente – circondato dal segretario alla Difesa Lloyd Austin, dal segretario di Stato Antony Blinkin, dal vicepresidente Kamala Harris e dal consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan – ha promesso che ogni americano che vorrà tornare a casa sarà riportato a casa. mille difficoltà. . “Dal 14 agosto, gli Stati Uniti hanno evacuato circa 13.000 persone dall’Afghanistan e facilitato altri voli charter”, ha detto alla Casa Bianca, indicando che gli Stati Uniti avevano quasi 6.000 soldati a terra. Gli Stati Uniti sono l’unico paese al mondo che può organizzare una simile evacuazione e onora i propri impegni“. Biden ha ammesso che gli Stati Uniti non sanno esattamente quanti americani rimangono in Afghanistan o dove si trovano. E che il risultato finale delle operazioni non può essere garantito. Il presidente, come già riportato nei giorni scorsi, ha anche detto che se i talebani attaccano, si farà uso della forza. La risposta sarà quindi armata. “I checkpoint talebani consentono il passaggio ai titolari di passaporto statunitense. Ma un altro problema è chi c’è tra la folla: ieri e il giorno prima abbiamo lasciato l’aeroporto e abbiamo portato 69 americani. La domanda ora è come gestire la folla. Ci sono così tanti afgani che ci hanno aiutato e ora vogliono venire in America, e faremo di tutto per aiutarli. Abbiamo un accordo con i talebani e faranno passare gli americani dai posti di blocco”.

READ  La Francia dichiara guerra agli islamisti, `` abbastanza è abbastanza ''

“Questa settimana è stata straziante. Abbiamo visto immagini scioccanti di persone in preda al panico che agiscono per disperazione. Questo è comprensibile. Loro sono spaventati. Loro sono tristi. Non sanno cosa accadrà. Sento questo dolore a livello umano”, ha detto Biden che ha spiegato che per avere un riconoscimento internazionale i talebani dovranno rispettare”condizioni difficili e dipenderà da come trattano le donne e le ragazze e da come trattano i loro cittadini“.

“I nostri alleati hanno accettato” – Operazioni di evacuazione dell’aeroporto di Kabul”continueranno nei prossimi giorni, faremo tutto il possibile per garantire un’evacuazione sicura per gli americani e gli afgani che sono in pericolo perché hanno cooperato con le forze straniere. Vi assicuro che mobiliterò tutte le risorse necessarie. Siamo dentro contatto costante con i talebani, mantieni gli americani e i civili al sicuro. E sono stato chiaro: qualsiasi attacco alle operazioni aeroportuali avrà una risposta immediata”. Il presidente, rispondendo a una domanda, ha ribadito che gli Stati Uniti non hanno più alcun interesse nazionale in Afghanistan dopo la sconfitta di Al Qaeda, elencando anche le varie voci di spesa della presenza a stelle e strisce. “Mettiamola in prospettiva. Che interessi abbiamo in questa fase dell’Afghanistan con Al Qaida che non c’è più? Siamo andati in Afghanistan con l’obiettivo di sbarazzarsi di Al Qaeda in Afghanistan e di Osama bin Laden, e l’abbiamo fatto. Conosci la mia posizione da molto tempo. Era ora di porre fine a questa guerra. L’America sta guidando il mondo. E i nostri alleati hanno accettato. Prima di prendere questa decisione, ero nel G7 e ho incontrato i nostri partner della NATO. Ho raccontato loro tutto, tutti sapevano e concordavano con la decisione che ho preso di porre fine, di porre fine al nostro impegno in Afghanistan”.

READ  "Era Daesh, ne pagherà il prezzo"

Gli alleati degli Stati Uniti non sollevano “la questione della nostra credibilità”. A casa il clima è molto diverso. Dopotutto, la linea di Biden sembra oscillare, tra immagini infernali di Kabul e indiscrezioni che rafforzano la tesi di un’amministrazione americana consapevole di quanto stava accadendo, con l’avanzata rapida e inarrestabile dei talebaniil. Tesi che getta un’ombra sulla Casa Bianca, e alimenta più del sospetto che il presidente non abbia detto tutta la verità. La versione ufficiale dei fatti – ripetuta più volte anche dal Pentagono, dal Dipartimento di Stato e dai vertici delle forze armate – nessuno aveva previsto un epilogo così devastante, con la conquista di Kabul da parte dei talebani in soli undici giorni.

Il cavo pubblicato dal WSJ. Biden: “La mia responsabilità” – Ma a confutare tale resoconto arriva uno scoop del Wall Street Journal, che ha diffuso un drammatico cablogramma inviato il 13 luglio direttamente al Segretario di Stato. Antoine Blink da venti diplomatici dell’ambasciata americana a Kabul. Ed è proprio sulla nota che il presidente si assume tutta la responsabilità. “Abbiamo ricevuto tutti i tipi di cavi, tutti i tipi di avvisi – ha detto in conferenza stampa – Ho preso la decisione, la responsabilità finisce con meBiden ha cambiato il suo piano oggi e, invece di soffrire per la casa di famiglia nel Delaware, ha deciso di rimanere tutto il weekend alla Casa Bianca per essere costantemente aggiornato nello Studio Ovale e seguire di persona gli sviluppi dalla Situation Room. Lo ha detto Joe Biden in una conferenza stampa alla Casa Bianca. “Sarà il momento di criticare, ma ora sono concentrato sul completamento di questo lavoro – ha detto Biden – useremo tutte le risorse per salvare i nostri concittadini e alleati afgani e quando lo faremo, completeremo il ritiro”. Dopo la conferenza stampa, il rilascio del Pentagono.

READ  Otto e Mezzo, Enrico Mentana "terrorizzato" di Lilli Gruber? Ultimi clamorosi secondi del TgLa7 - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *