Altre storie di stupri in Russia, “Il mondo ha bisogno di sapere”

Iryna Dovhan ha una pila di scatole tra le braccia. Pacchi alimentari, destinati ai circa 1.000 abitanti di Andriivka, un villaggio situato a circa 60 chilometri a ovest di kyiv. Fu occupata dai russi per trenta giorni. Difficilmente hanno visto operatori umanitari qui. “Quando distribuisco il cibo, sento le storie delle persone. È terribile quello che è successo qui”.

Il villaggio è nel caos, molte case sono state completamente distrutte. Questo è il danno visibile. Quello che è successo dietro le porte d’ingresso delle case ancora in piedi di solito rimane nascosto. Dovhan raccoglie testimonianze di vittime nei villaggi dove i russi si sono ritirati. Sembra che i soldati russi abbiano violentato le donne ucraine su vasta scala.

Esperienze

Lo stesso Dovhan è stato vittima dei russi nel 2014, quando è scoppiata la guerra nella regione orientale del Donbass. È stata tenuta prigioniera e violentata, ha detto.

“È successo anche qui. Conosco almeno tre casi. Una donna cercava suo figlio. Un ragazzo, che aveva appena compiuto 23 anni. È andata a prenderlo al quartier generale russo, nella scuola in fondo alla strada. . È stata violentata lì. Poi sono andati a casa sua e hanno preso sua figlia di 20 anni. Anche lei è stata violentata. Indica una casa un po’ più in là. “Ecco dove è successo. “

READ  Carenza di piccole banconote in Kenya da parte di politici corrotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.