Blog dal vivo |  I sistemi patriottici olandesi arrivarono in Slovacchia

Blog dal vivo | I sistemi patriottici olandesi arrivarono in Slovacchia

Blog dal vivo |  I sistemi patriottici olandesi arrivarono in Slovacchia

È il 53° giorno di guerra in Ucraina. I missili patriottici olandesi sono arrivati ​​in Slovacchia. L’UE ora prende di mira le banche russe e la Russia lancia un ultimatum ai difensori di Mariupol.

Draghi: l’Europa può ridurre più rapidamente la sua dipendenza dal gas russo

12:35 | L’Europa può ridurre la sua dipendenza dal gas russo più velocemente del previsto. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi in un’intervista al Corriere della Sera. Le compagnie energetiche italiane hanno firmato accordi con Egitto e Algeria all’inizio di questa settimana per importare più gas da quei paesi.

Il gruppo italiano di petrolio e gas Eni ha firmato un accordo con l’Egitto per importare più gas naturale liquefatto (GNL) dal Paese nordafricano. Eni spera anche di pompare più gas in Libia. In precedenza, Draghi ha firmato un accordo con l’Algeria.

L’Italia è il secondo importatore di gas naturale nell’Unione Europea dopo la Germania, riferisce l’agenzia americana per l’energia EIA. Il paese dipende dalla Russia per circa il 40% delle sue importazioni di gas. L’Italia ha cercato alternative dall’invasione russa dell’Ucraina. Inoltre, agli italiani viene chiesto di consumare meno energia, ma Draghi non si aspetta che gli effetti di questo abbiano un impatto importante.

La Russia afferma di aver distrutto una fabbrica di munizioni fuori Kiev

11:40 | Il ministero della Difesa russo afferma di aver bombardato domenica una fabbrica militare fuori Kiev. “Stanotte, missili aerei ad alta precisione hanno distrutto una fabbrica di munizioni vicino a Brovari, vicino a kyiv”, ha detto il ministero in una dichiarazione a Telegram.

Il sindaco di Brovari aveva già riferito domenica mattina che le infrastrutture erano state danneggiate nella città, a una ventina di chilometri dalla capitale ucraina. Non ha detto nulla sull’entità del danno o delle vittime.

La situazione è stata relativamente calma a Kiev di recente dopo il ritiro delle truppe russe dalla città. Negli ultimi giorni, però, le forze russe hanno effettuato diversi attacchi alle fabbriche dentro e vicino alla capitale ucraina.

L’Ucraina afferma che a Sumi sono stati trovati resti di armi chimiche

11:30 | Il sindaco di Trostianets, una città nella regione di Sumi, nell’Ucraina settentrionale, ha affermato che le autorità hanno trovato resti di sarin in un villaggio un tempo occupato dalle truppe russe. Lo riporta il canale di notizie di Al Jazeera.

READ  Nuovi appuntamenti per le prime dosi a rischio - Corriere.it

“Abbiamo trovato resti di armi chimiche nel villaggio di Bilka: sarin e altre sostanze. Abbiamo scoperto le vesciche. Il servizio di sicurezza dell’Ucraina ci sta attualmente lavorando. È possibile che gli occupanti volessero usare questa sostanza chimica per attaccare Kiev, Poltava o altre città”, ha detto il sindaco Yuri Bova alla radio ucraina.

Non ci sono stati commenti immediati da Mosca sull’ultima accusa e Al Jazeera non è stato in grado di verificare in modo indipendente il rapporto.

kyiv: domenica non sono possibili evacuazioni nell’Ucraina orientale

10:45 | Nell’Ucraina orientale e in altre aree duramente colpite dalla guerra, domenica non sarà possibile evacuare le persone, riferisce Kiev. Le evacuazioni sono quindi sospese per tutto il giorno. Secondo il governo ucraino, non è stato possibile raggiungere un accordo con le truppe russe sulle vie di evacuazione.

“Questa mattina, 17 aprile, non siamo in grado di concordare un cessate il fuoco con gli occupanti sulle vie di evacuazione. Pertanto, sfortunatamente, oggi non possiamo aprire corridoi umanitari”, ha dichiarato il vice primo ministro ucraino Irina Vereshchuk in una dichiarazione sui social media.

Secondo Vershchuk, le autorità ucraine hanno chiesto, tra l’altro, una via di evacuazione per i civili ei feriti dalla città portuale assediata di Mariupol. Il ministero della Difesa russo ha riferito sabato scorso che la città era in gran parte in mano russa. Gli ultimi difensori si sarebbero trincerati in un’enorme ferriera a est della città, sul Mar d’Azov. Secondo la Russia, sono membri del battaglione nazionalista Azov e mercenari stranieri.

Il ministero ha invitato i restanti difensori ad arrendersi, secondo l’agenzia di stampa statale russa TASS. In cambio, le loro vite sarebbero state risparmiate.

L’UE dedicherà all’Ucraina altri 50 milioni di euro

10:10 | L’Unione Europea sta stanziando ulteriori 50 milioni di euro per aiuti umanitari alle vittime della guerra in Ucraina. Lo ha annunciato domenica l’UE in una dichiarazione.

“Mentre i combattimenti aspri e gli attacchi missilistici continuano a distruggere le infrastrutture civili, i bisogni umanitari in Ucraina rimangono molto elevati. Nonostante gli ostacoli all’accesso e alla sicurezza, l’UE sta fornendo assistenza ai nostri partner umanitari per le persone vulnerabili in diverse regioni dell’Ucraina”, si legge nella dichiarazione.

READ  Chi vincerà il Fruit Logistica Innovation Award?

Di questo importo, 5 milioni di euro andranno alla Moldova. Circa 420.000 rifugiati sono arrivati ​​nel paese di 2,6 milioni di persone dall’invasione russa dell’Ucraina.

In totale, il budget del fondo da cui vengono erogati gli aiuti umanitari ammonta ora a 143 milioni di euro.

Von der Leyen: nuove sanzioni europee prendono di mira le banche

05:35 | Il nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia che l’UE sta preparando si concentra principalmente sul settore finanziario. In un’intervista al quotidiano tedesco Bild am Sonntag, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che la principale banca russa Sberbank era un obiettivo primario. L’UE sta anche lavorando a “meccanismi intelligenti” per consentire un boicottaggio petrolifero, ha affermato.

Finora l’UE ha tenuto Sberbank fuori dalle sanzioni, poiché gran parte dei pagamenti europei per petrolio e gas passa attraverso questa banca. Lo stesso vale per l’altra grande banca russa, Gazprombank. Secondo von der Leyen, Sberbank rappresenta il 37% del settore bancario russo.

Nel precedente pacchetto di sanzioni, il quinto, erano già stati presi provvedimenti nei confronti del presidente del consiglio di amministrazione di Sberbank, Herman Gref. I suoi beni sono stati congelati e gli è stato vietato l’ingresso nell’UE.

Il presidente del comitato ha affermato che lo scopo delle sanzioni era ridurre le entrate del presidente russo Putin. Ecco perché, dice, è così difficile gestire le importazioni russe di petrolio e gas. “Quello che non dovrebbe accadere è che Putin possa ottenere prezzi ancora più alti in altri mercati per forniture che altrimenti andrebbero all’UE”, ha detto von der Leyen.

Russia: abbattuto un aereo carico di armi occidentali

04:00 | Sabato, le difese aeree russe hanno abbattuto un aereo da trasporto che trasportava armi dall’ovest vicino alla città ucraina di Odessa. Un portavoce del ministero della Difesa ha detto all’agenzia di stampa statale russa TASS che si trattava di un grosso carico. Non ha fornito altri dettagli tranne che si trattava di un aereo dell’aeronautica ucraina.

Il messaggio non può essere verificato in modo indipendente.

L’Ucraina ha ricevuto massicce spedizioni di armi dagli alleati occidentali dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio. Sabato sera il presidente Volodimir Zelensky ha affermato che per vincere la guerra erano necessarie molte più armi.

READ  Un neonato in Italia non riceve più automaticamente il nome del padre

L’unità dei patrioti olandesi è arrivata in Slovacchia

02:00 | Sul posto è arrivata l’unità dei patrioti olandesi che sta contribuendo a rafforzare la difesa aerea in Slovacchia. Secondo il ministero della Difesa, l’ultimo convoglio è arrivato a destinazione intorno alla mezzanotte. Sabato sera erano già arrivati ​​altri due convogli. L’unità ora preparerà i Patriot il prima possibile.

Uno dei tre convogli è stato coinvolto in un tamponamento sabato mattina nella Repubblica Ceca. Cinque veicoli nella colonna si sono scontrati in condizioni di scarsa visibilità e su una strada scivolosa. Quattro auto sono state così danneggiate che non possono essere utilizzate immediatamente. La difesa sta inviando attrezzature sostitutive dai Paesi Bassi.

Il sistema di difesa aerea è accompagnato da 150 uomini e donne del personale di supporto. L’unità rimarrà in Slovacchia per sei mesi. I Paesi Bassi uniranno le forze con i tedeschi per rafforzare le difese aeree del Paese. Gli americani hanno annunciato alla fine della scorsa settimana che avrebbero inviato anche un’unità Patriot in Slovacchia dopo che il governo di Bratislava ha donato il suo sistema di difesa aerea russo S-300 all’Ucraina.

Con un missile Patriot, missili balistici, elicotteri e aerei possono essere lanciati dal cielo. Un sistema Patriot è costituito da un radar, un centro di controllo del fuoco e diversi sistemi di lancio di missili. I Paesi Bassi hanno i Patriots dal 1987 e in precedenza li hanno schierati in Israele e Turchia.

La Russia lancia un ultimatum ai difensori del Mariupol

01:00 | La Russia invita alla resa gli ultimi difensori del porto ucraino di Mariupol. Se depongono le armi alle 6:00 (ora di Mosca) di domenica mattina, avranno tempo fino alle 13:00 per arrendersi e le loro vite saranno risparmiate, ha riferito l’agenzia di stampa russa TASS.

Sabato sera, il ministero ha affermato che Mariupol era in gran parte in mano russa. Gli ultimi difensori si sarebbero trincerati in un’enorme ferriera a est della città, sul Mar d’Azov. Secondo la Russia, sono membri del battaglione nazionalista Azov e mercenari stranieri. I difensori non avrebbero praticamente acqua né cibo e vorrebbero arrendersi, ma il governo ucraino a Kiev non vuole permetterlo, hanno detto i russi.

Il presidente ucraino Volodimir Zelensky ha definito la situazione a Mariupol sabato sera nel suo videomessaggio quotidiano “semplicemente disumana”. Non ha risposto alle affermazioni secondo cui la città era stata presa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *