Anche il gigante petrolifero ExxonMobil si sta ritirando dalla Russia

Anche il gigante petrolifero ExxonMobil si sta ritirando dalla Russia

Quanto vale quell’interesse, dice la compagnia non nel comunicato stampa annunciando la decisione. Nell’ultima relazione annuale dal 2020 Le attività russe sono valutate 4,6 miliardi di dollari (4,1 miliardi di euro).

Nel il consorzio che possiede Sakhalin-1 ci sono due filiali della russa Rosneft, di cui insieme detengono il 20%. L’altra metà è posseduta per il 30% da un gruppo di società giapponesi e per il 20% da una società energetica indiana.

Nessun nuovo investimento

Nella dichiarazione, il colosso petrolifero ha condannato “l’azione militare russa che viola l’integrità territoriale dell’Ucraina”. “Siamo profondamente rattristati dalla morte di persone innocenti e sosteniamo la forte risposta internazionale. Stiamo collaborando pienamente con qualsiasi sanzione”, promette l’azienda.

ExxonMobil inizierà immediatamente a prendere provvedimenti per ritirarsi dal progetto. Inoltre, la società non investirà più in nuovi progetti in Russia.

Non sono partito subito

ExxonMobil potrebbe essere lontana dalla Russia per un po’, poiché la società “ha il dovere” di mantenere le persone al sicuro e proteggere l’ambiente. “Il nostro ruolo di esecutore testamentario va oltre quello di investitore”, ha affermato la società.

La decisione di ExxonMobil arriva pochi giorni dopo gli annunci di concorrenti come guscio e BP vogliono anche ritirarsi dalla Russia. Lo ha annunciato solo ieri il francese Total senza nuovi investimenti altro da fare in Russia.

READ  Le sovvenzioni statunitensi e il piano Biden stanno dando una spinta ai mercati azionari. Milano il migliore (+ 1,1%), chiuso sopra i 25mila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *