Ancora caos a Schiphol: “Stiamo qui come bestiame” |  Interno

Ancora caos a Schiphol: “Stiamo qui come bestiame” | Interno

Se guidi nell’area dell’aeroporto verso mezzogiorno di lunedì, vedrai già le persone in coda all’ingresso del “parcheggio per soste brevi”. I viaggiatori si spostano lì passo dopo passo. Molti sono in coda da almeno un’ora.

La frustrazione è quindi alta tra i passeggeri in attesa. “Stiamo qui come bestiame”, dice Armand van Veen. Va in vacanza a Creta con i figli Max, Mignon e Isabel. “Se possiamo farlo”, sospira. “Siamo in coda qui da più di un’ora e in realtà non ci siamo ancora. Adesso sono quasi le 13:00 e il nostro aereo decolla subito dopo le 3:00. Siamo arrivati ​​qui con 3,5 ore di anticipo. Dovrebbe bastare, pensi.

Fa spallucce. “Ecco com’è. Ora dobbiamo solo fare la coda servilmente e sperare obbedientemente che non sia troppo male. Non puoi fare di più.

Il testo continua sotto la foto.

spiacente

Nell’area esterna, proprio di fronte all’ingresso della sala partenze, sono state erette tende bianche sotto le quali possono sostare i viaggiatori. Ma al culmine della folla, questi sono tutt’altro che sufficienti e la gente sta a centinaia di metri fuori dalla tenda. Un testimone oculare sul posto, che visita spesso Schiphol, è sbalordito. “Normalmente le persone possono facilmente arrivare qui due ore prima del volo, ora devi essere lì almeno tre o quattro ore prima o perderai il volo. Non ho mai visto queste code qui. E non è ancora alta stagione”.

Paulien Hageman, che sta viaggiando in Islanda con suo marito, ha solo un’ora e mezza per prendere il volo. “È davvero scandaloso”, dice. “Siamo arrivati ​​con quasi cinque ore di anticipo solo per sicurezza! Abbiamo dovuto aspettare quasi un’ora e mezza per le valigie ed è già ora che facciamo la fila qui. E non ci siamo ancora. »

Spera che vada tutto bene. “Sento più persone qui che devono prendere lo stesso volo e se l’aereo è mezzo vuoto, anche la compagnia aerea non serve?! Quindi spero che l’aereo stia aspettando.

Hageman ora si rammarica della sua scelta di volare da Schiphol. “Abbiamo anche avuto l’opportunità di viaggiare prima a Düsseldorf e di salire sull’aereo lì. Avremmo dovuto farlo, perché non riesco a immaginare che sia così mal organizzato lì come lo è qui”.

Il testo continua sotto la foto.

“Comunque è pazzesco”

Una volta all’interno della sala partenze, all’interfono risuona un messaggio regolare che chiede ai viaggiatori di “capire” i tempi di attesa più lunghi dovuti alla mancanza di personale.

Martijn van Winkel non ce l’ha. “Nessuna possibilità”, risponde con fermezza, alla domanda su cosa pensa della situazione nel più grande aeroporto del nostro Paese. Va anche in Islanda ed è in fila da oltre un’ora. “Ero lì con quattro ore di anticipo ma non sono riuscito a fare il check-in dei bagagli. Il bancone ha aperto solo un’ora dopo e stavamo già aspettando un’ora e mezza. Anch’io lo trovo troppo strano. Non lo sanno ci sono già molti guai?”

Martin van Winkel:

Martijn van Winkel: “Nessuna possibilità”

Van Winkel dice che non sa cosa può fare ora. “Sì, posso presentare un reclamo all’aeroporto, ma mi chiedo se ha senso. E ovviamente la prossima volta potrei andare in un altro aeroporto, ma se devo guidare molto più lontano, non è una soluzione per anche a me. Non è assurdo che tu non possa essere aiutato qui in un tempo ragionevole?!

READ  Il crisantemo olandese e il tulipano finiscono sempre sulla tavola russa | Economia

Il testo continua sotto il tweet.

Piovere

Van Veen capisce che questa è una situazione difficile per Schiphol. “Certo, capisco che non puoi semplicemente evocare personale da qualsiasi luogo. Ma poi, come aeroporto, potresti anche organizzare meglio le cose per i viaggiatori. Voglio dire: siamo qui fuori ora, piovendo bagnati! ho bisogno di montare molte più tende, in modo da essere almeno all’asciutto in coda. Penso ancora che sia strano, ma almeno è un po’ meno brutto. Ho notato che qui sono tutti molto cinici e scontrosi.

Le linee si estendono lontano.  Armand van Veen (R), Max van Veen, Mignon e Isabel cercano di trarne il massimo.

Le linee si estendono lontano. Armand van Veen (R), Max van Veen, Mignon e Isabel cercano di trarne il massimo. “Ho notato che tutti qui sono molto cinici e scontrosi.”

Inoltre è sempre meno interessato a un volo da Schiphol. “Non si diverte in questo modo. Il parcheggio è costoso, devi camminare di più in aeroporto per arrivare al tuo gate e anche lì aspetti all’infinito.”

Van Veen vede un punto luminoso. „Quando arriviamo su una Creta meravigliosamente soleggiata, il contrasto non potrebbe essere maggiore! Sarà ancora più divertente.

Conversazioni

Mercoledì scorso c’è stata una consultazione tra Schiphol ei sindacati sulla risoluzione del carico di lavoro. Il sindacato FNV aveva precedentemente annunciato che sarebbe intervenuto se non ci fosse stato un accordo tra l’aeroporto e i sindacati entro il 1 giugno. Il CEO di Schiphol Dick Benschop non era presente personalmente ai colloqui di mercoledì. A causa della mancanza di personale in aeroporto tra guardie di sicurezza e addetti ai bagagli, sono previste nuovamente lunghe file di passeggeri in attesa, come negli ultimi tempi.

READ  L'Aia consulta il Suriname prima delle scuse per la schiavitù | ADESSO

Il testo continua sotto la foto.

Dopo i colloqui con i sindacati, Schiphol ha annunciato di essere stato costruttivo e che c’era un obiettivo comune per raggiungere un accordo prima del 1 giugno. Lunedì è previsto un altro incontro.

Ci sono state molte persone in aeroporto dall’inizio delle vacanze di maggio. Il primo fine settimana delle vacanze di maggio, sabato 23 aprile, scoppia il caos a seguito di uno sciopero selvaggio degli addetti ai bagagli. Nel frattempo, c’è anche una grave carenza di guardie di sicurezza, a causa della quale recentemente le persone hanno dovuto fare la fila per ore e talvolta persino perdere il volo.

L’aeroporto di Groningen Eelde può gestire fino a venti voli al giorno da Schiphol nel prossimo periodo. Così dice il manager dell’aeroporto Meitje de Groot. Dice che ne sta discutendo con Schiphol e le compagnie aeree. A causa della folla in aeroporto, Schiphol vuole, tra le altre cose, spostare i voli verso gli aeroporti regionali.

“Possiamo facilmente aumentare per la stagione estiva se sappiamo in tempo”, afferma De Groot. “Dobbiamo esaminare insieme come risolvere questo problema”, afferma anche come presidente della Dutch Airports Association (NVL). De Groot ritiene che anche il ruolo di Schiphol a lungo termine dovrebbe essere preso in considerazione. “I voli cargo o festivi possono essere gestiti perfettamente nella regione”.

I problemi di personale affrontati da Schiphol sono meno significativi all’aeroporto di Groningen Eelde. De Groot riceve ancora abbastanza risposte ai posti vacanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *