“Anima gemella? Solo amici. Non sono uno che combatte per il dentifricio” – Corriere.it

Franco Battiato, uno dei maestri della musica italiana, è scomparso oggi 18 maggio 2021. Aveva 76 anni. La cronaca della sua scomparsa è qui; il ricordo che Mario Luzzatto Fegiz fa di lui – musica, spiritualità – invece è qui. Ecco l’articolo sulla malattia, vissuto in silenzio. Ripubblichiamo di seguito l’intervista rilasciata dal Corriere nel 2015.

il femore rotto? “L’unico problema è che all’aeroporto mi urlano: come sta la mia gamba? Per il resto sto bene ”. I tuoi settanta a marzo? “Volevano che facessi una festa: Ho un pubblico che mi adora e che mi dispiace perché devo corrispondereQualche impegno per l’estate? “In vacanza con mia nipote Cristina ei suoi due figli a Donnafugata.” E poi i concerti, da Parma (stasera) a Vittoria (tutte le date su www.battiato.it ).

Franco Battiato è un uomo arguto e gentile. Musicista, cantante, regista, scrittore, finora nella vita ha interpretato molti ruoli. Tuttavia, l’espressione con cui si sente maggiormente risuonato lo è spiritualità: “Il resto non ha molta importanza. Credo di aver letto tutto sull’argomento adesso, ho iniziato negli anni ’70 con i mistici indiani ”.

Con la spiritualità, cerca di “stabilire contatti” ogni giorno attraverso la meditazione.

“Mi sveglio molto presto, oggi per esempio alle tre e mezza, non avere paura! Ascolto il musica classica su Radio 3, per un’ora o due. Poi vado al mio portico meditare. Ho davanti un panorama incredibile, da Taormina a Siracusa, un cielo e un mare meravigliosi e poi una vegetazione ricchissima di pini secolari, alcuni così inclinati che quasi toccano terra, alberi giapponesi che danno piccoli mandarini, pompelmi e arance rigogliose nonostante siamo a 800 metri di distanza. Rose selvatiche gialle, rosse o lilla crescevano spontaneamente intorno alle palme. E c’è l’orto, con lattuga, pomodori, patate, abbiamo anche piantato i cocomeri. Ma guardo, ci sono quattro giardinieri che se ne occupano, ma ne pago solo uno: è una famiglia molto unita ”.

READ  Maurizio Principato, il popolare giornalista radiofonico morto dopo essere caduto sulla sua bicicletta

Riti della giornata

Questo piccolo paradiso è un Milo, sul versante orientale dietna.

“Prima di acquistare la casa da nobili siciliani venuti a passarvi l’inverno, ho passato tre notti a pensarci, e poi ho sentito che potevo farlo. Era la fine degli anni Ottanta. Non ci vivo da solo, non vorrei: ho dei domestici che mi aiutano, una famiglia marocchina molto discreta vive nella dependance. E poi ho il cuoco, che cucina in modo divino ”.

Alle 12:30, infatti, la telefonata è stata interrotta per il pranzo. Mezz’ora dopo, puntualissimo, il professore racconterà di aver mangiato la pasta con i broccoli, gli asparagi “magri” dell’orto con quelli “più grandi” che ha comprato. Altro che pasti frugali e insapore. “Ascolta, tutti quelli che vengono a trovarmi sono piacevolmente sorpresi. Sono vegano, ma non stretto. Mangio alla mediterranea: vado matto per il gazpacho, la pasta all’aglio, olio e peperoncino e la pasta siciliana con polpa di pomodoro e melanzane ”.

Colazione alle 7: “Sempre dopo la meditazione. Questa mattina ho preso il tè con dei cornflakes, una fetta di pane integrale tostato con marmellata e, non ultimi, i biscotti che mi prepara Anna, la cameriera. ”



Poca TV e “atterraggi di emergenza”

La sera va a letto presto, a letto fa un po ‘di zapping (“Sì, Ho la TV in camera da letto, sei sorpreso? »), Si ferma su Sky Channel 138 se c’è un bravo musicista, poi si addormenta. “Non è rimasto quasi nulla da guardare sulle nostre reti. Quanto ai talk show con i politici, non voglio essere infastidito da certi personaggi che denunciano e offendono questa straordinaria donna siciliana (il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini, ed ) che da solo vale tutta la Lega insieme ”.

READ  schiaffi volano e Stefano piange per la prima volta

Sceglie lentamente la parola quando parla di “irritazione” per le reazioni ai continui sbarchi di emergenza: “Avevamo 20 milioni di italiani che andavano dappertutto in cerca di fortuna, compreso mio padre Salvatore, Turi per tutto il mondo. Alcuni sì, altri no: avevo uno zio a cui dedicavo anche un disco, Joe Patti, che era diventato molto ricco in Florida con una compagnia che pescava ed esportava pesce; e un altro che, anche senza mendicare, viveva a New York con pochissime entrate ”.

Distanze dai sentimenti umani

Ha scritto Battiato la colonna sonora della nostra vita.

Tuttavia, se gli ricordiamo il successo a cui siamo arbitrariamente più legati, Prospettiva Nevsky, è quasi sorpreso nel ricordare la sua genesi: “L’avevo composto per pianoforte e voce senza sapere da dove provenisse il testo. Scrivo cose perché sono legate a qualcos’altro ”.

È la spiritualità che ritorna, in questa idea di essere collegati tra loro e persone all’universo: Franco Battiato crede nella reincarnazione. “Se una persona ha una sensibilità minima, come dice che veniamo dalle scimmie? Idiota !, dico: le scimmie stesse sono esseri umani messi lì per un motivo. Quando ti comporti in modo terribile, quando uccidi qualcuno, allora rinasci come un insetto, un serpente o qualche altro animale … ecco perché Cammino per le strade, facendo attenzione a non calpestare nemmeno le formicheNon nuoce neanche alle zanzare “Oggi ci sono cose profumate interessanti per tenerle lontane …”

Il viaggio spirituale gli è servito anche per prendere le distanze da certi sentimenti molto umani. Prova a spiegarlo, pregando di non essere frainteso, quando gli chiediamo come ha vissuto la morte dei propri cari, sua madre Grazia o il filosofo Manlio Sgalambro.

READ  Massimo Boldi innamorato di Anita Szacon: "Si ritira, ha un carattere impossibile"

“Mi sono allontanato da certi meccanismi. Mi piacciono molto le persone, mia madre, Sgalambro, altri colleghi che hanno lavorato con me: non ho mai avuto problemi con loro e non è un problema da poco. Ma è solo studiando che capisci certe cose. Forse in queste situazioni rimpiangiamo la perdita delle abitudini ”.

E Papa francesco? “Lo amo molto, lo amo. Ma ha una piccola visione delle cose spirituali. Non possiamo umanizzare Dio, ma lavoriamo come matti per avvicinarci a lui ”.

Franco Battiato, 23 marzo 1945-18 maggio 2021

Castità e donne

Battiato l’asceta: praticare la castità? “Forse! Ahimè no, questo era il mio problema. Ho bisogno di libertà, non potrei mai lottare per un dentifricio inappropriato ”.

Il suo rapporto con le donne? “Quando ero molto giovane e giocavo con il mio gruppo, ne ero sempre circondato: una volta ce n’era uno su cui avevo scommesso e una sera è venuto a casa mia. All’epoca avevo pochi soldi, quindi sono uscito e ho comprato tre yogurt, poi sono andato a farmi una doccia: quando sono uscito ho scoperto che li aveva mangiati tutti e tre. Ma come, ho detto, non me ne hai lasciato uno? Ecco, diciamo che non avevo l’anima gemella … Ma amici degni di questo nome, sìe ogni tanto qualcuno viene a stare qui con me per cinque, dieci giorni. In stanze completamente separate, ovviamente! “.

18 maggio 2021 (modificato il 18 maggio 2021 | 11:23)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *