Anna Nooshin è andata da uno psichiatra per attacchi di panico |  Stelle

Anna Nooshin è andata da uno psichiatra per attacchi di panico | Stelle

“Non ho memoria: oh quanto è stato difficile”, dice Anna del tempo che ha trascorso nei centri di asilo come rifugiata iraniana. “Penso che abbia lasciato il segno, ma da bambino ti sorpassa”. Nel terzo episodio della docuserie in quattro parti, Anna e sua madre visitano i tredici centri olandesi per richiedenti asilo dove hanno soggiornato.

Una volta arrivate ad Aalsmeer, dove lei e la sua famiglia hanno vissuto quando hanno ottenuto un permesso di soggiorno, Anna e sua sorella hanno dovuto spesso badare a se stesse a casa. Anna aveva undici anni all’epoca. “Mia sorella ed io eravamo soli. Ci prendevamo cura l’uno dell’altro, ma non per amore o altro, eravamo solo compagni di sventura.

Privilegio

A proposito di suo padre, lo YouTuber racconta sul giornale di aver bevuto e non l’ha mai picchiata, ma che sua sorella e sua madre lo facevano. “Ho avuto un privilegio che non volevo”. L’influencer cerca di capire suo padre invece di incolparlo. “In Iran, era tutt’uno con il suo ambiente. Era un giudice, aveva uno status. Secondo Anna, l’olandese si riteneva ‘stupido’, ‘perché ci metteva un po’ di più a comporre una frase’.

Come risultato della sua infanzia, Anna lotta con attacchi di ansia e talvolta attacchi di panico, spiega ulteriormente. “Se non mi sento a mio agio in un gruppo, comincio ad avere l’alitosi, e se dura troppo a lungo, ho questo attacco di panico”. A volte è anche assente, quindi è lì “fisicamente”, ma non con la testa, scrive NRC† Il regista della serie Niki Padidar l’ha mandata da uno psichiatra. “Ho dovuto raccontare a mia madre e mia sorella quello che ci è successo”.

READ  Harry e Andrew possono improvvisamente indossare costumi militari

Anna descrive il documentario come “terapia totale”. “Capisco che il mondo esterno pensi: perché in nome di Dio con le macchine fotografiche? Era principalmente perché avevo promesso a Niki di collaborare pienamente, volevo mantenerlo. E mi fidavo completamente di lui. Mi ha costretto a capire cose che avevo rimandato tanti anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *