“AstraZeneca? Il richiamo è sicuro. Le seconde dosi vanno posticipate ”- Corriere.it

Siamo in guerra contro un terribile nemico, non possiamo ragionare come se vivessimo nella normalità ”. Giorgio Palù, virologo, presidente dell’agenzia farmaceutica Aifa, difende le scelte dell’Italia sulla strada per somministrare i vaccini e per allungare l’intervallo tra le dosi.

Dopo un prima dose di AstraZeneca puoi passare a un richiamo con Pfizer o Moderna?
“I francesi e i tedeschi hanno suggerito di farlo rispettivamente per le persone sotto i 55 e 60 anni”.


Queste sono reazioni osservate solo dopo la prima dose. Che motivo c’è per non fare il booster con la stessa preparazione AstraZeneca?
“Il timore è che un individuo dopo la prima dose possa aver ricevuto uno stimolo, che però non ha avuto conseguenze, e che la seconda iniezione può riattivare questo meccanismo con risultati spettacolari. Siamo nel campo delle ipotesi ”.

La seconda dose di Pfizer e Moderna, che secondo la scheda tecnica deve essere somministrata rispettivamente 3 o 4 settimane dopo la prima, può essere ritardata fino al 42 ° giorno?
“Sì, è possibile, lo dimostrano studi recenti. Tuttavia, questo periodo non deve essere superato per non rischiare di annullare l’efficacia complessiva del vaccino ”.

Perché hai cambiato idea? Inizialmente, questa strategia, attuata dagli inglesi e molto criticata, era considerata pericolosa.
“Quando un vaccino passa dall’essere testato su poche decine di migliaia di persone ad essere applicato sul campo con decine di milioni, le prove possono consolidarsi e i piani cambiano. Non ci basiamo su opinioni ma su dati pubblicati. Una nuova ricerca indica che la seconda dose può essere ritardata. Ecco cosa è successo con il vaccino AstraZeneca: la seconda dose viene somministrata durante la dodicesima settimana. Dobbiamo riconoscere il merito degli inglesi per aver adottato un approccio pragmatico, non condiviso all’inizio. I risultati ottenuti dal governo Johnson si stanno arricchendo e speriamo che lo siano anche per noi ”.

READ  Trump vuole rinviare le elezioni: "Votando nella posta per frode". Quindi il passo laterale: "Far capire ai media i rischi, ma li vinceremo"

Vaccino AstraZeneca: decisioni, dati e informazioni

Ora, tocca all’Italia considerare soluzioni non ortodosse?
“In teoria sarebbe meglio rispettare l’intervallo di tempo tra le due dosi. Ma dobbiamo correre per metterci in salvo. Mancano i vaccini e va tutelato il maggior numero di cittadini: servono anche poche settimane risparmiate ritardando la seconda dose ”.

Non sarebbe più ragionevole proteggere i fragili rispettando i tempi?
“In un mondo ideale, sarebbe così, ma è proprio per queste persone che dobbiamo correre, vaccinandone il più possibile”.

Una singola dose di AstraZeneca può essere sufficiente per le persone sane, garantendo un’efficacia dell’80% dopo 3 mesi?
“No, il booster è essenziale per attivare la memoria immunitaria e una risposta efficiente e duratura”.

12 aprile 2021 (modificato il 12 aprile 2021 | 23:21)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *