Berlusconi molto malato, perché Ruby ter ha chiesto un estratto della sua posizione

Una nuova udienza, il 26 maggio, per decidere sull’eventuale abolizione della carica di Silvio berlusconi. Questo è quanto stabilito da collegio presieduto dal giudice Marco tremolada, nella vena milanese di Ruby ter.

Giovedì il rinvio del Ruby ter a Siena (con la condanna del “pianista di Arcore” Danilo Mariani due anni per falsa testimonianza), oggi la richiesta in vena milanese del medesimo processo del sostituto procuratore Tiziana Siciliano e il pm Luca Gaglio ritirare la posizione di Berlusconi e proseguire il processo per gli altri 28 imputati.

Un modo per continuare il processo e lasciare in sospeso la posizione di Berlusconi fino a quando la sua salute non migliorerà. Anche la difesa dell’ex premier aveva chiesto un ulteriore rinvio – come nelle udienze precedenti – per legittimo impedimento.

La richiesta del pm: “Berlusconi gravemente malato”

“Siamo assolutamente convinti che Berlusconi sia gravemente malato e soffra di una grave patologia ed è quello che dicono i certificati medici e le consultazioni”, ha detto sul caso il sostituto procuratore siciliano nell’aula del processo di Milano. Ruby ter chiedendo che la posizione del leader di FI venga “temporaneamente” rimossa da quella degli altri imputati.

Richiesta associata alla difesa dell’ex premier all’Avv Federico cecconi che aveva specificato in che modo fosse necessario per il cavaliere un periodo di “riposo assoluto” con una struttura “ospedale-domestica” ad Arcore.

La difesa di Berlusconi aveva chiesto un altro legittimo impedimento aggiungendo agli ultimi certificati medici della scorsa settimana anche un altro certificato di ieri a conferma delle sue dimissioni dal San Raffaele ma sottolineando la necessità di un “periodo di riposo assoluto” che Berlusconi trascorre nella sua villa di Arcore trasformata in. un tipo di ‘ospedale domiciliare“.

READ  Covid, esodo al sud: esauriti i treni Milano-Napoli | Hope: "Ritiro tra il 24 dicembre e il 6 gennaio" | CHI: "Resta a casa questo Natale"

IL PROCESSO RUBY TER

Un riposo assoluto che “non credo si possa risolvere in sette, quindici giorni”, ha spiegato in aula l’avvocato Federico Cecconi, che ha ritenuto “irrealistico” il rinvio del processo di una settimana.

Je pm: “Continua il processo per gli altri 28 imputati”

Sostituto Procuratore Tiziana Siciliano e Procuratore Luca Gaglio ha sostanzialmente chiesto che il processo possa continuare per i restanti 28 imputati, “che hanno diritto a un processo entro un termine ragionevole perché dura da molto tempo”, e che la carica dell’ex primo ministro sia temporaneamente revocata. , perché almeno qualche udienza per poi riunirla più tardi nel processo. L’avvocato Cecconi aveva sostenuto che questa non sarebbe stata una “situazione di pregiudizio” per la difesa Berlusconi e quindi l’avvocato aveva dato il suo consenso.

Altre difese in aula: “Noi, come adesivi Panini, non separiamo le posizioni”

Altre difese presenti in aula, come quelle dell’imputato Luca Giuliante e Raissa Skorkinaavevano invece chiesto il rigetto della richiesta di separazione. “Per la maggior parte delle difese – ha sostenuto l’avvocato Mirko Palumbo, L’avvocato di Skorkina – questo processo ha senso solo per la presenza della difesa del medico Berlusconi, che è la difesa principale che garantisce l’imputato principale, le altre sono come le figurine Panini ”.

Berlusconi era stato ricoverato per sequele di Covid

L’ex presidente del Consiglio è stato rilasciato sabato scorso dal San Raffaele dove è stato nuovamente ricoverato per i postumi del Covid che lo ha colpito lo scorso settembre. Per Cecconi, come ha chiarito a lezione, il quadro clinico non è praticamente cambiato e alcune settimane fa i consulti medici hanno indicato la necessità di un periodo di riposo e di cure “60 o 90 giorni”.

READ  Stati Uniti e Trump-Biden si scontrano sull'immigrazione al confine messicano - ultime notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *