Biglietti aerei cancellati a causa della folla in aeroporto?  Questi sono i tuoi diritti |  ADESSO

Biglietti aerei cancellati a causa della folla in aeroporto? Questi sono i tuoi diritti | ADESSO

Decine di voli sono stati cancellati durante gli scioperi e la folla che ne sono seguiti a Schiphol. A cosa hai diritto se il tuo volo non parte?

1. Cosa fare se il tuo volo viene cancellato?

Non concludere mai che il tuo volo sia stato cancellato. “Il tuo volo viene cancellato solo se sei stato avvisato tramite e-mail, SMS o segnaletica aeroportuale”, afferma Paul Vaneker di EUclaim, che informa i viaggiatori tramite rightsofairpassengers.nl. Se il tuo volo è stato effettivamente cancellato, ti preghiamo di presentarti allo sportello della compagnia aerea. “Hanno un obbligo di trasporto, quindi devono organizzare un’alternativa”.

Durante le intense vacanze di maggio, decine di voli sono stati cancellati (47 da solo KLM), ciò significava lunghe code allo sportello di servizio. “Allora è probabilmente più veloce prenotare un biglietto sul telefono con la stessa compagnia aerea o con una diversa per la tua destinazione”, afferma Vaneker.

“Puoi prenotare e segnalare un volo tu stesso se la tua compagnia aerea non lo fa per te – in tempo.”

Joyce Donat, Associazione dei consumatori

“Puoi davvero prenotare un volo tu stesso e dichiararlo se la tua compagnia aerea non lo fa per te – in tempo”, ha detto la portavoce Joyce Donat dell’associazione De Consumers. “Ma deve essere un volo paragonabile.” Vale la pena verificare in anticipo con la compagnia aerea come gestiscono il rimborso di voli alternativi comparabili.

2. Ricevete indietro i vostri soldi o un biglietto aereo sostitutivo?

Se la compagnia aerea ti offre un volo alternativo, puoi verificare se è “adatto”. “Diciamo che devi andare a Vienna per un breve viaggio in città. Se il volo alternativo parte un giorno dopo, il viaggio potrebbe non avere più senso”, afferma Vaneker. “In tal caso, puoi annullare il viaggio e richiedere il rimborso del tuo biglietto.”

READ  Meno persone con problemi di pagamento, ma aumentano tra i giovani

Se arrivi più tardi al tuo indirizzo di vacanza, non hai diritto ai giorni di vacanza che ti sei perso. In questo caso a volte è meglio optare per un pacchetto vacanza (es. volo e hotel). Donat: “Il fornitore di servizi è quindi obbligato a fornire una tariffa per l’hotel”.

3. Quando hai diritto al risarcimento?

Oltre a un nuovo biglietto o a un rimborso, a volte tu come passeggero hai diritto a un risarcimento. L’importo dipende dalla distanza percorsa, dalla durata del ritardo e da quando si viene avvisati. Il risarcimento ha effetto solo se arrivi alla destinazione finale con più di due ore di ritardo. Questa compensazione varia da 125 euro (per voli con una distanza fino a 1500 chilometri) a 600 euro.

Come passeggero, hai diritto al risarcimento solo se il ritardo non è causato da forza maggiore (come condizioni meteorologiche che impediscono il volo, terrorismo, eruzioni vulcaniche).

Scioperi del proprio personale, o carenza di personale come in Transavia, non è considerato un caso di forza maggiore. Quindi, i viaggiatori hanno diritto a un risarcimento. Gli scioperi di terzi (come il controllo del traffico aereo) comportano forza maggiore e decade il diritto al risarcimento.

“Un buono è consentito, ma solo se viene offerto anche per riavere i soldi”.

Joyce Donat, Associazione dei consumatori

4. Cosa succede se la compagnia aerea offre un voucher?

Soprattutto durante la corona, le compagnie aeree hanno offerto ai loro viaggiatori buoni se i voli non fossero partiti. “È consentito, ma solo se ci fosse anche un’offerta di rimborso”, afferma Donat. “E non è sempre successo.”

Inoltre, sono pervenute denunce presso l’Associazione dei Consumatori per la mancata consegna o il mancato riscatto dei voucher. “Non devi accettare un voucher come viaggiatore. Abbiamo lottato per questo a lungo.” I buoni ora vengono offerti raramente, se non mai, quando si cancella un volo.

READ  Vaccino Astrazeneca, controindicazione alla sindrome CLS: la nota Aifa

5. Come si richiede il risarcimento e il risarcimento?

“Cerca di organizzarlo tu stesso con la compagnia aerea”, consiglia Donat. “Nella maggior parte dei casi, va bene.” L’associazione ha preparato una lettera di esempio affinché i membri ricevano un compenso o un compenso. Devi inviarlo alla compagnia aerea. Fallo entro due anni, altrimenti il ​​diritto al risarcimento scadrà.

“In generale, si può dire: più basso è il prezzo di un biglietto, più è difficile reclamare i soldi”.

Paul Vaneker di EUclaim

Inoltre, diverse aziende, tra cui EUclaim, aiutano i consumatori a presentare un reclamo. “È fatto su una base No cure senza retribuzione”, afferma Vaneker. Se la richiesta viene accolta, la società riceverà una quota del denaro.

Alcune compagnie aeree rendono più difficile di altre richiedere risarcimenti o rimborsi, afferma Vaneker. “In generale, si può dire: più basso è il prezzo di un biglietto, più difficile è reclamare i soldi”.

6. Cosa succede se perdi il volo a causa dei lunghi tempi di attesa a Schiphol?

I requisiti sono stabiliti non solo per la compagnia aerea, ma anche per il viaggiatore. Un passeggero deve avere un documento di viaggio valido e un biglietto. “E lui o lei deve essere sia al banco del check-in che al gate in tempo”, afferma Vaneker.

Se sei in ritardo, ad esempio a causa di lunghe code in dogana, non soddisfi queste condizioni e il tuo diritto al risarcimento decadrà. Alcune polizze assicurative di viaggio coprono un check-in mancato, afferma Donat. “Quindi la tassa di cambio prenotazione sarà rimborsata.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *