BKS23: Julian Casablancas cerca di spaventare tutti lontano da The Voidz

BKS23: Julian Casablancas cerca di spaventare tutti lontano da The Voidz

Cosa significa che Julian Casablancas ha fatto più musica con The Voidz negli ultimi quindici anni che con The Strokes? Che non dipendeva da lui? O che si senta più a suo agio tra tante sciocchezze? Il fatto è che è tornato, un anno dopo essere andato alla ricerca della “signora del lago” con The Strokes.

Questa volta va alla ricerca del suo pubblico. Mentre la sua band sembra suonare tre canzoni di fila e all’indietro, Julian guarda dietro l’angolo verso lo Stage Two da dove stanno arrivando folle di persone, Charlotte Adigéry ha appena finito. Gilet in pelle con logo Playboy, guanti fluo, ecco l’outfit. Sì sì, la gente sta arrivando. La domanda è quanto tempo ci vorrà per cacciarli.

The Voidz è un miscuglio di stili che non vanno affatto d’accordo. Punk rock con sintetizzatori e riff metal? Oh, e sintonizzati automaticamente su quella voce scricchiolante, qualunque cosa tu voglia. Ci sono band che riescono a creare qualcosa di meraviglioso con elementi così contrastanti: prendi un Yves Tumor o un Foxygen. Ma Casablancas ei suoi sei pazzi cucinano una zuppa di streghe che non ha davvero sapore. “Ciao, dove vai?” chiama Casablancas a bordo campo. “Avete di meglio da fare, stupidi idioti!” Nessuno ride. Non è nemmeno divertente. In effetti, non dovrebbe nemmeno essere divertente.

IL MOMENTO:
Dopo quaranta minuti, The Voidz giunge al termine. La gente si volta e se ne va. Ah, cosa abbiamo visto? Una bellissima canzone e mezza di una rock star annoiata che, con il pretesto dell’alienazione, se ne lamenta. Depresso dal suo stesso successo, iniziò a fare l’esatto opposto di ciò che rendeva gli Strokes così bravi. Dopo circa tre minuti, la band torna per un insolito bis del festival. Tutto sommato, nessuno si gira e torna velocemente sul palco.

READ  Queste celebrità vincono l'edizione natalizia di LEGO Masters 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *