Tempio di una grande civiltà spesso trascurata ma scoperta in Italia

Tempio di una grande civiltà spesso trascurata ma scoperta in Italia

Il tempio fu costruito dagli Etruschi ed è registrato nei libri come uno dei più grandi templi scoperti di questa civiltà “dimenticata”.

Gli archeologi delle università di Friburgo e Magonza hanno scoperto il tempio di Vulci, una delle più importanti città etrusche, situata nell’Italia centrale. Il tempio misura circa 45 metri per 35 ed è quindi notevolmente grande. “È raro trovare templi di queste dimensioni in Etruria (la patria degli Etruschi, ndr)”, ha detto la ricercatrice Mariachiara Franceschini. Scientias.nl. “Le dimensioni possono riflettere una certa prosperità a Vulci, cosa che si riflette anche nelle necropoli di questo tempo”.

due templi
Ma non sono solo le dimensioni a rendere questo tempio – che si dice sia stato costruito verso la fine del VI o l’inizio del V secolo a.C. AD – speciale. Almeno altrettanto sorprendente è il fatto che assomigli molto al vicino Tempio Grande. “Il nuovo tempio ha all’incirca le stesse dimensioni e orientamento del vicino Tempio Grande ed è stato anch’esso costruito nello stesso periodo”. “Questa duplicazione di edifici monumentali in una città etrusca è rara e fa pensare che si tratti di una scoperta eccezionale”, aggiunge il suo collega Paul Pasieka.

Qui puoi vedere il tempio appena scoperto (che è stato parzialmente scavato) e si trova vicino all’altrettanto grande Tempio Grande. Foto: ©: Mariachiara Franceschini.

Perché gli Etruschi costruirono due templi così simili uno accanto all’altro rimane un mistero per gli archeologi. “Questo può essere spiegato dalla loro intenzione di adorare due divinità di simile stima nel centro della città”, ha detto Franceschini. “In questo modo, due diverse parti della popolazione potrebbero essere state affrontate o rappresentate”.

READ  Coronavirus, le ultime notizie di giornata sul Covid: torna la Basilicata nella zona arancione. Figlio: tutti vaccinati in estate

Importante scoperta
La scoperta del tempio è importante. “La nostra conoscenza dell’aspetto e dell’organizzazione delle città etrusche è piuttosto limitata”, afferma Franceschini. “La scoperta e lo studio di un nuovo tempio nella città ci permette di comprendere il rapporto tra la religione e l’organizzazione della città, e come gli edifici sacri erano integrati nelle diverse parti funzionali di una città antica. e come le persone interagivano con il sacro nella loro vita quotidiana. Abbiamo molte domande al riguardo a cui speriamo di poter rispondere negli anni a venire, quando verranno effettuati ulteriori scavi e ricerche”.

Etruschi dimenticati
Dovrebbe eventualmente fornire anche maggiori informazioni sugli Etruschi; una civiltà spesso trascurata che era per molti versi in anticipo sui tempi. Gli Etruschi furono tra i popoli più sviluppati dell’antichità e, in un certo senso, diedero origine ai ben più famosi Romani; devono la loro scrittura, cultura e religione agli Etruschi che governarono l’Italia centrale per 700 anni. Non l’hanno dimenticato in Italia, dice Franceschini. Ma al di fuori di questo. “In Italia ci sono sempre state molte ricerche sugli Etruschi, ma in altri Paesi sono state largamente trascurate perché l’attenzione si è concentrata sul mondo greco e romano”.

costruzione della città
Forse gli scavi di Vulci possono riaccendere la nostra attenzione sulla grande civiltà degli Etruschi. Perché è certo che c’è molto altro da scoprire sugli Etruschi lì. “È tutta una città tutta da scoprire”, è la convinzione di Franceschini. Ma il tempio che gli archeologi hanno recentemente scavato ha anche dei segreti da rivelare, sospettano gli scienziati. Non solo su quando è nato e utilizzato, ma anche sul tempo precedente. Perché non solo le fondamenta del tempio sono straordinariamente ben conservate; anche gli strati di suolo sottostanti sono poco disturbati. E questo offre ai ricercatori l’opportunità di esplorarli ulteriormente – e quindi anche il tempo da cui provengono. «Vogliamo capire meglio la struttura della città prima della costruzione del tempio, cioè le origini ancora velate della città», dice Franceschini.

READ  Nel Regno Unito, 40.000 altre infezioni e 1.400 decessi. Biden: "Negli Stati Uniti ci saranno almeno 600.000 vittime". Macron: "Restrizioni per almeno altri 6 mesi"

Caduta degli Etruschi
Inoltre, i ricercatori sono anche molto curiosi della scomparsa del tempio. E con ciò di nuovo all’influenza dei romani, perché furono loro a saccheggiare e distruggere il tempio. “E vorremmo capire meglio il rapporto tra la città etrusca e quella romana. Proprio come la trasformazione che subì Vulci in epoca romana.

E quindi c’è ancora molto da studiare. Fortunatamente, gli archeologi hanno tutte le possibilità di farlo; nei prossimi anni intendono studiare più in dettaglio il tempio e gli strati sottostanti per ottenere un quadro molto più dettagliato della religione degli Etruschi, delle loro strutture sociali e della vita quotidiana di questa civiltà, spesso trascurata ma innegabilmente potente e influente .

Lo sapevate…
…gli Etruschi erano anche in anticipo sui tempi in termini di emancipazione? Oltre a prendersi cura dei figli e gestire la casa, le donne spesso avevano anche un lavoro; tessevano tessuti o lavoravano come sacerdotesse o querelanti. E questo era molto insolito all’epoca. Inoltre, a differenza delle donne greche e romane, potevano fare la spesa da sole. Avevano anche il permesso di assistere a partite sportive e di andare a teatro. Saperne di più ? Giglio qua tutto sugli Etruschi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *