“Ferito, Zlatan non si ferma mai e continua più a lungo”

“Ferito, Zlatan non si ferma mai e continua più a lungo”


5 luglio 2022 – Una bella notizia dall’Italia, visto che Zlatan Ibrahimovic ha deciso di prolungare di un anno il suo contratto con il Milan. Lo svedese è diventato campione d’Italia la scorsa stagione, ma nei prossimi mesi sarà escluso per un grave infortunio al ginocchio. Tuttavia, si rifiuta di porre fine alla sua impressionante carriera.


Rendi questa serata più emozionante e divertente: scommetti su una partita di calcio e ricevi fino a € 50,00 extra di bonus di benvenuto su Jacks.nl con il tuo primo deposito!
Quanto ti costa il gioco d’azzardo. Fermati alle ore 18+, hands24x7.nl

Il Milan è stato incoronato campione d’Italia per la prima volta dopo tanto tempo due mesi fa. Ma il campionato è dovuto solo in parte a Ibrahimovic. Lo svedese, che compirà 41 anni ad ottobre, ha sofferto regolarmente di problemi fisici e ha quindi giocato solo 23 volte nella competizione. In quelle 23 partite, ha segnato otto gol e fornito anche tre assist.

Quanto possa aumentare ulteriormente il suo bottino di gol al Milan – che attualmente è di 92 gol – rimane la domanda. Lo svedese sarà assente fino a gennaio a causa di un infortunio al ginocchio, già operato. Ibrahimovic resta comunque legato al Milan. Secondo i media italiani e guru dei trasferimenti, Romano, prolungherà di un altro anno il suo contratto ormai scaduto, il che significa che sarà fissato fino all’estate del 2023. Inoltre, Ibrahimovic accetta una riduzione dello stipendio.

Secondo Gianluca Di Marzio, giornalista a sport del cielo, Ibrahimovic riceverà “solo” 1,5 milioni di euro. I bonus possono ancora essere aggiunti. Tuttavia, dipendono dai suoi obiettivi e assist. Il Milan si rafforza martedì con Divock Origi. L’attaccante belga è arrivato dal Liverpool a parametro zero. Hakim Ziyech è anche nell’interesse esplicito del Milan. Quindi ci sono buone possibilità che Ziyech condivida presto lo spogliatoio con Ibrahimovic.

READ  Festival di Sanremo, la rivolta dello spettacolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *