“Brogli covato da Chavez e finanziato da Soros”, e Giuliani cita “mio cugino Vinny” – Libero Quotidiano

Negli Stati Uniti la conferenza stampa degli avvocati di Donald Trump, diretto da Rudy Giuliani che ha citato un certo “cugino Vinny” come fonte “autorevole” sulla presunta frode. Il lavoro della squadra del presidente è encomiabile perché continuano a combattere incessantemente sulla via della frode elettorale, che però non dimostrano in alcun modo, al punto che ci sono state scene di tensione nel ripetute domande dei giornalisti “ma dove sono le prove?” . Ora è chiaro chi sia Trump disperato per ritardare il verdetto ufficiale chi decreterà la vittoria di Joe bidenNessuno sta dicendo che potrebbe non esserci stato un caso isolato di frode, ma per ora non ci sono prove di ciò che gli avvocati di Donald hanno definito “frode di massa coordinata”. “.

D’altronde, quattro anni fa si parlava ancora di frode e, come in tutti i casi precedenti, non era altro che uno scherzo post-elettorale: ma mai un presidente aveva fatto di queste supposizioni la battaglia principale per non ammettere la sconfitta. Ora, la battaglia trumpiana a volte diventa imbarazzante perché figure dominanti si impegnano in affermazioni sempre più estreme e surreali. Come quelli di Sydney powell, l’avvocato della campagna di Trump che, con voce in lacrime, ha parlato di a piano elaborato da diversi stati comunisti: dal Venezuela alla Cina passando per Cuba, ha definito “colpevoli” Hugo Chavez, Maduro e Castro di aver falsificato le elezioni, peccato che due su tre siano morti da tempo. “Inoltre, non abbiamo idea di quanti candidati locali abbiano pagato per acquistare la vincita”, ha aggiunto Powell. Poi Giuliani ha concluso il tutto dicendo che non solo la truffa organizzata dai comunisti era pura. finanziato da Soros, “Che rende l’antifa e le vite nere più importanti”. Povera America che dovrà continuare con questo teatrino fino a gennaio, gli unici fatti accertati parlano chiaro: tutte le autorità competenti e un giudice hanno negato la mancanza di osservatori repubblicani nei seggi di Atlanta e del presunta dichiarazione giurata di un elettore di Detroit sulla frode che si è rivelata falsa.

READ  Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità della situazione


Video su questo argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *