Calcio, Covid: taglio di stipendio per quasi 500 milioni

MADRID. Ridurre gli stipendi dei giocatori: questo il messaggio della Liga spagnola ai club di prima e seconda divisione, ai quali oggi è stato chiesto di ridurre di quasi 500 milioni gli stipendi dei giocatori e di tutti gli altri dipendenti, nell’ambito il sistema del tetto salariale in voga da diversi anni. In particolare, Barcellona (circa -50%) e Real (-30%) sono state interessate dai nuovi tetti. Meno spesa che i club dovranno adeguare rapidamente in quanto si riferisce alla stagione appena iniziata e – come ha detto il boss della Liga Javier Tebas – mira a salvare il calcio spagnolo dagli effetti della pandemia su i registratori di cassa del club. Ogni società avrà quindi i suoi importi massimi da destinare alle spese del personale, che comprendono gli stipendi di giocatori e allenatori in primis, ma anche di medici, massaggiatori, assistenti e collaboratori vari.

La maggiore riduzione delle spese (quasi il 50%) dovrà essere fatta dal Barcellona, ​​che ha già avviato una discussione con i giocatori per arrivare ad un taglio salariale condiviso; il club catalano potrà spendere al massimo 382 milioni di euro, contro i 671 della scorsa stagione. Anche per il Real si registra un calo significativo del costo degli stipendi, infatti nel 2020-2021 potranno spendere 468 milioni di euro contro i 641 precedenti. Il taglio ha un impatto minore sull’Atletico Madrid, che passerà da 348 milioni a 252. Per Tebas, come riportato dai media spagnoli, che il provvedimento non aveva alternative, e “se a luglio non avessimo Non deciso a finire il campionato adesso avremmo perdite tra gli 800 ei 900 milioni ”.

READ  Che spettacolo Ibrahimovic. Ecco chi può sbloccare l'ultima parte del calciomercato del Milan

L’andamento della pandemia ha stravolto molte aspettative, riduzione degli introiti e aumento dei costi per la tutela della salute: in primavera “solo 5 giocatori sono risultati positivi, ora tra staff tecnico e giocatori abbiamo 260 positivi, di cui 137 giocatori “. rifiuta la prospettiva di aprire gli spalti al pubblico a gennaio. Oggi “il calcio spagnolo avrebbe bisogno di circa 490 milioni di euro per completare la stagione”. Da qui il tetto salariale dei club, “dobbiamo abbassare gli stipendi dei giocatori. I club. Non hanno altra scelta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *