Chiusura dei test di ammissione: 9 milioni di appuntamenti, di cui l’1,5% risultato “positivo” |  Interno

Chiusura dei test di ammissione: 9 milioni di appuntamenti, di cui l’1,5% risultato “positivo” | Interno

Se le ultime restrizioni sulla corona verranno revocate domani, anche i test per l’accesso verranno chiusi. Tuttavia, la base rimane “pronta per essere in grado di costruire e distribuire rapidamente test su larga scala, se necessario”.

Non servivano più per stadi, caffè e festival all’aperto, ma da mercoledì nessuno che vuole andare a un grande concerto dovrà fare il corona test. Con l’abolizione di una delle ultime restrizioni corona (la policy 1G per gli eventi indoor con più di cinquecento visitatori), si possono quindi chiudere anche le porte di centinaia di siti Test for Access.

La rete di test è stata istituita nel febbraio dello scorso anno per impedire alle persone con infezioni da corona di partecipare a eventi affollati e infettare gli altri. Da allora, sono stati programmati 9 milioni di appuntamenti per i test, riporta oggi la Open Netherlands Foundation (SON) in un comunicato stampa. SON ha creato la testnet su richiesta del governo.

ottobre e novembre

Il focus era su ottobre e novembre dello scorso anno. In questi mesi sono stati presi circa 2 milioni di appuntamenti ciascuno per un test rapido gratuito. Durante questo periodo, in molti luoghi era in vigore una politica 3G, in base alla quale le persone avevano accesso a eventi e ristorazione solo se erano state vaccinate, testate per la corona o guarite dal virus. Circa l’1,5% dei 9 milioni di test sono risultati positivi, riferisce la fondazione. Ciò equivale a circa 135.000 casi di corona.

357 milioni

I test rapidi sono stati eseguiti da società di test commerciali. A causa dell’evoluzione della politica corona del governo, in diverse settimane c’era una capacità di test significativamente maggiore di quella concordata. Anche le strade di prova vuote hanno dovuto essere pagate durante queste settimane. Non si conoscono ancora i costi esatti di un anno di prova per l’accesso, fino a fine agosto sono stati spesi 357 milioni di euro. Inizialmente, è stato calcolato per questo periodo che i costi potrebbero salire a 1,1 miliardi.

READ  Il consiglio comunale stanzia fondi per GVB e North Bridge, il debito rimane alto

La Open Netherlands Foundation riferisce che entrerà in modalità standby, ma “rimani pronto per essere in grado di implementare nuovamente test su larga scala, se necessario”. Il presidente Pier Eringa: “Se dovessimo incontrare nuovamente una crisi simile, ora abbiamo uno strumento in più nei Paesi Bassi per limitare il più possibile i blocchi. Faremo in modo che i sistemi siano preservati e saranno presto consegnati al governo.

Guarda i nostri video sul coronavirus qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *