Cile, presidente Boric. Il rivale di estrema destra ammette la sconfitta – Corriere.it

a partire dal Sara Gandolfi

Il giovane candidato di sinistra (appena 35 anni) ha vinto il 55% dei voti quando il conteggio dei voti ha superato i due terzi. Boric promette una rottura con le politiche dei suoi predecessori

Il Cile gira a sinistra. Il candidato della coalizione Apruebo Dignidad (a sinistra) ha sconfitto l’avversario Jos Antonio Kast del Frente Social Cristiano (all’estrema destra) nel sondaggio presidenziale di ieri. L’attesa per il risultato è durata molto meno del previsto: già mezz’ora dopo o alla chiusura dei seggi elettorali, alle 18 locali (le 23 in Italia), è stata confermata la previsione del giorno prima. Con due terzi dei voti scrutinati, Boric è arrivato primo con il 55% dei voti contro il 45,88% di Kast. Un annuncio che il quotidiano cileno Il terzo ha definito insormontabile. E infatti subito dopo il controverso leader di destra ha ammesso la sconfitta: da oggi il nuovo presidente del Cile merita il nostro rispetto. Un riconoscimento che mira ad evitare, come temuto dalle autorità, scontri di piazza tra i sostenitori dei due fronti.

Con il passare del tempo il distacco si è confermato, con una vittoria che ha addirittura superato le aspettative. Finisce così una disputa elettorale molto tesa e molto polarizzata, che ha visto le due rivali scontrarsi senza sosta fino alla fine. I 15 milioni di cileni chiamati alle urne hanno finalmente scelto l’ex leader studentesco (ha solo 35 anni) che guida dal 2014 la coalizione di sinistra che riunisce il Frente Amplio e il Partito comunista. Si è presentato come l’uomo del cambiamento ed erede politico del movimento 2019 che, prima dello scoppio della pandemia, ha portato decine di migliaia di giovani e meno giovani nelle piazze cilene, per protestare contro la deriva ultraliberale decisa dal presidente uscente, il conservatore Sebastian Pinera.

READ  Atalanta, che spettacolo. Goal poker anche nella Lazio

Per la prima volta in tre decenni, le forze che hanno governato per sette periodi – Chile Vamos e l’ex Concertacin – non sono arrivate alle urne con un candidato. Boric ha potuto comunque contare sul sostegno dell’ex presidente Ricardo Lagos e Michelle Bachelet nel secondo turno.

19 dicembre 2021 (modifica 20 dicembre 2021 | 00:00)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *