le vendite di alimenti biologici e alternative alla carne sono crollate

PAPÀ

Notizie ONS

Negli ultimi anni i sostituti della carne e i prodotti biologici hanno registrato una crescita costante e persino esplosiva nei supermercati e nei negozi specializzati. Ma in questi tempi di incertezza finanziaria, le cose stanno andando male.

La ricercatrice di mercato IRI segnala un’inversione di tendenza nella vendita di sostituti della carne. Negli ultimi anni c’è stato un forte aumento delle vendite (nel 2020 stesso del 34% a 141 milioni di euro), ora le vendite sono diminuite del 5%. per cento in più rispetto a carne fresca, selvaggina e pollame, ora è del 20%”, afferma la ricercatrice dell’IRI Sjanny van Beekveld.

Ancora più eclatante è la stagnazione del fatturato dei prodotti biologici. “Al tempo della crisi del coronavirus, tutti pensavano alla propria salute, a un’alimentazione consapevole”, afferma Roosmarijn Saat del supermercato biologico Gimsel di Rotterdam. “Poi abbiamo avuto il vento a nostro favore. Ora le persone pensano principalmente ai loro portafogli. Notiamo davvero che le vendite sono state sotto pressione dall’estate.

Secondo una ricerca di mercato di GfK, i negozi di alimenti naturali e in particolare i negozi di alimenti naturali stanno registrando un calo delle vendite. “I supermercati mostrano ancora a malapena un calo, ma potrebbe ancora accadere”, afferma Norman Buysse di GfK. Michaël Wilde, direttore dell’ombrello Bionext, conferma la tendenza al ribasso. “Dall’estate, la crescita si è fermata nei negozi specializzati”.

Saat è spiacevolmente sorpreso. “Penso che sia triste. Poiché tutti sentiamo l’enorme urgenza che il nostro sistema alimentare ha bisogno di cambiare”, ha detto questa mattina al NOS Radio 1 Notizie.

Calo del potere d’acquisto

L’organizzazione agricola LTO ha anche riferito la scorsa settimana che è più probabile che le persone optino per l’opzione più economica rispetto a quella sostenibile a causa del calo del potere d’acquisto nei supermercati. “Con la bolletta energetica in mente, le persone ignorano sempre il prodotto locale speciale per scegliere l’opzione più economica”, ha affermato il presidente dell’LTO Sjaak van der Tak.

READ  Nuova costruzione di case più difficile a causa di alti tassi di interesse e regolamenti edilizi | Economia

L’imprenditore Saat chiede ai politici di agire: “Serve un governo che faccia delle scelte. Abolire l’Iva sui prodotti biologici. Quindi questi prodotti saranno accessibili e convenienti per più persone.

Un cliente Gimsel non capisce che il biologico è in viaggio: “Ho comprato biologico per tutta la vita. Sì, cosa pensi sia più importante? Tre volte all’anno durante un viaggio in aereo o del buon cibo nel tuo corpo? fallo.”

Rottura di tendenza

Alla Schouten Europe di Giessen – produttore di sostituti della carne a marchio del distributore – sono più soddisfatti dei dati di vendita. “Nel periodo della corona siamo aumentati del 40%, ora siamo a -7”, afferma Kees van den Heuvel. “Quindi è una rottura rispetto alla tendenza. Le persone sono incerte sul futuro, la fiducia dei consumatori è bassa. Vediamo che ora i consumatori stanno tornando spesso alle ricette tradizionali. Quindi solo carne. È un peccato”.

Van den Heuvel si aspetta che tutto questo sia temporaneo: “Sappiamo che le persone sono molto disposte a passare ai sostituti della carne. Ma capita ancora troppo spesso che i consumatori siano delusi dal gusto. Se parlare una volta alla settimana sostituisce la sua carne, allora si stanno già facendo tanti profitti per l’ambiente. La gente lo sa e presto si comporterà di conseguenza”, è la sua ferma convinzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.