Come è nato lo storico aumento salariale degli insegnanti della scuola primaria

Come è nato lo storico aumento salariale degli insegnanti della scuola primaria

Insegnanti delle scuole primarie nello Zuiderpark nel 2017, durante la manifestazione per lo stesso reddito degli insegnanti delle scuole secondarie.  foto dell'Anp

Insegnanti delle scuole primarie nello Zuiderpark nel 2017, durante la manifestazione per lo stesso reddito degli insegnanti delle scuole secondarie.foto dell’Anp

Giovedì il professor Jan van de Ven ha ricevuto un messaggio da Thijs Roovers. Il suo ex compagno di PO in Actie, con il quale hanno protestato contro gli alti carichi di lavoro e gli stipendi bassi nell’istruzione primaria dal 2017, ha chiesto in un gruppo di app se altri avessero qualcosa da fare il giorno successivo.

“Puoi essere all’Aia domani alle 16?”

“Non è l’ideale”, ha risposto Van de Ven. “Per poter vendere questo con noi, ci deve essere un’ottima ragione”.

Al che Roovers ha risposto: “Completare il lavoro di una vita?

Ed è stato il lavoro di una vita. PO in Actie ha lottato per cinque anni per colmare il divario retributivo tra istruzione primaria e secondaria: secondo il gruppo d’azione, gli insegnanti della scuola primaria avrebbero dovuto guadagnare lo stesso stipendio degli insegnanti della scuola secondaria inferiore. I sindacati, le organizzazioni ombrello delle scuole e il Ministero dell’Istruzione hanno chiuso venerdì un accordo

Con ciò, “la missione è stata compiuta”, afferma Van de Ven. “Era nostro compito farlo. Il divario è stato completamente colmato. Tutto sarà pareggiato, compreso il bonus di fine anno. Ciò consente di risparmiare più di un sorso di bevanda.

“Un risultato eccellente”, afferma il deputato Paul van Meenen della D66. «È una specie di totem. Con questo, L’Aia mostra finalmente il suo apprezzamento per l’istruzione.

“Storico”, Tamar van Gelder, presidente dell’Associazione per l’educazione generale (AOb), chiama l’accordo. “Una ricompensa per tutti coloro che hanno fatto così tanta campagna negli ultimi anni. Anche se la carenza di insegnanti è ovviamente lungi dall’essere risolta con questo.

Comprare un appartamento impossibile con lo stipendio di un insegnante

La battaglia iniziò quando Thijs Roovers volle acquistare un appartamento ad Amsterdam. Ciò si è rivelato impossibile con lo stipendio del suo insegnante. “Gli insegnanti guadagnano così poco? si chiese il suo prestatore di mutui. Roovers ha scritto un blog a riguardo.

Poco dopo, Jan van de Ven ha pubblicato un articolo di opinione su Limburger, in cui chiede lo stesso compenso degli insegnanti primari e secondari. Il pezzo è stato ampiamente condiviso sui social. Un terzo insegnante, Paul de Brouwer, ha creato il gruppo Facebook PO ad Actie, al quale si sono uniti quindicimila insegnanti in una settimana.

Nel marzo 2017, i tre si sono incontrati in un caffè sul Korenmarkt ad Arnhem. Insieme ad altri quattro, hanno escogitato piani nefasti. Il contratto collettivo stava per scadere. C’era un nuovo gabinetto. Adesso era il momento di agire. PO in Actie ha presentato rapidamente un manifesto con due punti chiave: salari più alti e meno pressione sul lavoro. Il documento è stato firmato anche dai sindacati e dalle organizzazioni dei datori di lavoro.

Poi è andato rapidamente. Il numero di follower del gruppo Facebook è salito a oltre 40.000. Roovers, Van de Ven e De Brouwer sono riusciti ad attirare l’attenzione dei media con i loro nuovi look. Il divario retributivo è entrato nell’agenda politica.

“Sono stato coinvolto nell’istruzione per tutta la vita”, dice Paul van Meenen di D66 a riguardo ora. “Ma non mi è mai venuto in mente che la discrepanza fosse inspiegabile. Fino a quando non l’hanno inventata.

“In AOB sentivamo già da tempo che bisognava fare qualcosa per risolvere questo divario retributivo”, afferma il presidente di AOB Van Gelder, “ma non pensavamo che fosse così diffuso. Avevamo bisogno di una forza esterna per svegliarci.

Anche l’allora segretario di Stato Sander Dekker (VVD, Istruzione) diede inconsapevolmente al movimento un pendolo in più. Nel maggio 2017 ha detto alla Camera dei Rappresentanti che, per lui, la perequazione salariale non necessario era perché una classe piena di adolescenti è più occupata di una classe di scuola elementare.

“Hai visto che il fuoco è diventato ancora più grande”, dice Van Meenen. “Anche io.”

club ribelle vs sindacato

PO in Actie ha organizzato varie campagne durante questo primo anno, in collaborazione con sindacati e datori di lavoro. A giugno, le scuole primarie hanno aperto i battenti un’ora dopo per protesta. In autunno le scuole hanno scioperato per un’intera giornata, durante la quale circa 60.000 insegnanti si sono recati allo Zuiderpark.

“Dovevamo convincere gli uomini del PO in Actie che gli insegnanti in sciopero dovevano essere riuniti sul campo”, spiega Tamar van Gelder, all’epoca responsabile delle azioni per conto dell’AOb. “All’inizio non lo volevano. Ma produce un’immagine potente.

Il PO in Actie si presentava a quel tempo come un club ribelle giovane e veloce, l’opposto del sindacato tradizionale. Contro di Volkskrant pochi giorni prima dell’incontro allo Zuiderpark hanno parlato con disprezzo di uno sciopero del 2012. “Non protesterai con un fischio, vero? disse Rovers. “È così 1980.”

Jan van de Ven (a sinistra) e Thijs Roovers di PO ad Actie nel 2017, quando hanno affermato che gli insegnanti della scuola primaria dovrebbero guadagnare tanto quanto gli insegnanti della scuola secondaria.  Statua Freek van den Bergh

Jan van de Ven (a sinistra) e Thijs Roovers di PO ad Actie nel 2017, quando hanno affermato che gli insegnanti della scuola primaria dovrebbero guadagnare tanto quanto gli insegnanti della scuola secondaria.Statua Freek van den Bergh

Questo atteggiamento ha portato a opinioni parziali all’AOB, ammette Van Gelder. “Abbiamo pagato la tappa dello Zuiderpark e gli autobus per arrivarci”, dice. “Alcune persone con noi hanno avuto difficoltà a non ottenere i crediti, il tempo per raggiungere un obiettivo comune.

Nell’autunno del 2017, gli attivisti hanno ottenuto il loro primo successo. Il gabinetto Rutte III ha stanziato 430 milioni di euro per ridurre il carico di lavoro nell’istruzione primaria e 270 milioni per aumentare gli stipendi.

PO insufficiente, tuttavia giudicato in Actie. “In totale, non sono gli 1,4 miliardi di euro che chiediamo”, ha detto Van de Ven. di Volkskrant† “I bambini del gruppo tre o quattro possono anche calcolarlo.” Gli insegnanti sarebbero presto tornati in sciopero, ha annunciato, senza prima consultare sindacati e datori di lavoro.

“A volte siamo stati sorpresi da PO in Actie”, afferma Van Gelder. “Era un motoscafo, veloce e manovrabile. Siamo una grande nave con i nostri 80.000 membri. Hai bisogno di entrambi. Ci hanno mostrato la strada, abbiamo avuto la forza, la potenza e il respiro per continuare. Pensa, ad esempio, al nostro fondo per gli scioperi per risarcire gli scioperanti.

Lobby per ottenere domanda nei manifesti elettorali

Seguirono nuove azioni. Un secondo sciopero a livello nazionale nel dicembre 2017. Un pieno Malieveld nel 2019. Uno sciopero di due giorni nel 2020, appena prima che la corona colpisse. Ma con questo, gli insegnanti non potevano portare avanti la politica. Non hanno ricevuto più soldi da Rutte III.

“È sempre difficile se una cosa del genere non viene organizzata durante l’allenamento”, dice ora il deputato Van Meenen a riguardo.

“Era denaro serio che l’azienda ha dovuto piegare”, dice Van de Ven. “Doveva arrivare da qualche parte. Era impossibile.

Pertanto, insegnanti, sindacati e datori di lavoro hanno rapidamente messo gli occhi sulle imminenti elezioni parlamentari del 2021. Hanno cercato di fare pressione sui politici affinché includessero nella piattaforma elettorale la necessità di colmare il divario retributivo.

“Ogni volta che incontravamo un politico ne parlavamo”, dice Van de Ven. “Non dimenticate di inserirlo nel manifesto elettorale, vero? D66, GroenLinks, SP, PvdA e Christenunie, tra gli altri fatto Chi.

“Non è nemmeno così difficile inserire qualcosa nell’agenda politica”, dice Van de Ven del passaggio dalla campagna elettorale al lobbismo, “ma tenerlo all’ordine del giorno richiede molta pazienza. E a volte devi cambiare strategia.

Vittoria elettorale “decisa” D66

Il fatto che il D66 abbia ottenuto 24 seggi alle elezioni parlamentari dello scorso anno è stato “decisivo”, afferma Paul van Meenen. “Ci ha dato una posizione di forza al tavolo della formazione per essere in grado di stabilire con precisione i requisiti di istruzione”.

Da quel momento in poi anche Van de Ven si è fidato di lui. “Sapevo che il D66 non si sarebbe unito a un governo se non fosse stato organizzato”.

Ed esso era. La riduzione del divario salariale è finita nell’accordo di coalizione, anche se VVD e CDA non l’avevano nel programma elettorale.

“Al tavolo di formazione ha prevalso un senso collettivo di urgenza”, afferma Van Meenen. “Le preoccupazioni, tra le altre cose, per la carenza di insegnanti, le disparità di opportunità e il calo delle prestazioni erano diventate più visibili. Corona avrà avuto un ruolo in questo. Abbiamo visto allora quanto siano cruciali gli insegnanti nella nostra società.

La rapidità con cui il nuovo gabinetto ha attuato i piani è stata indicativa di questo senso di urgenza. Meno di quattro mesi dopo l’istituzione della nuova squadra ministeriale sulla piattaforma, venerdì è stato raggiunto un accordo tra gabinetto, datori di lavoro e sindacati.

E quello con alla testa un ministro del VVD, il partito di Sander Dekker, che non ha mai ritenuto necessario pareggiare gli stipendi. “Dennis Wiersma è un sollievo”, afferma Van Meenen. “C’è un vento diverso che soffia al VVD. Lo noto anche nei dibattiti.

Insegnanti della scuola primaria nello Zuiderpark, ottobre 2017. Immagine ANP

Insegnanti della scuola primaria nello Zuiderpark, ottobre 2017.foto dell’Anp

Ordine di acquisto inattivo

Jan van de Ven dubitava da tempo che avrebbe fatto il viaggio di andata e ritorno dal Limburgo all’Aia. Da un lato, voleva vedere come Thijs Roovers si sarebbe posizionato nella sua nuova posizione di membro del comitato esecutivo dell’AOb, il sindacato di cui un tempo era così critico. In casa invece c’era molto da fare: sabato mattina sarebbe andato in vacanza.

“Sai cosa fai domani pomeriggio? ha chiesto a Paul de Brouwer nel gruppo di app inattive PO, come è stato chiamato da quando i fondatori se la sono presa facilmente, giovedì. “Se non sei qui, gli sparerò comunque. In caso contrario, riprenderò la lotta qui a casa per un po’.

“Non riuscirò ad arrivare in tempo”, ha risposto De Brouwer. “Quindi non devi combattere.”

Van de Ven ha poi dedicato il venerdì pomeriggio al suo “lavoro dell’altra vita”, come lo chiama lui: la famiglia che a volte vedeva molto poco nel periodo d’oro del PO ad Actie. Bevvero insieme un drink su una terrazza soleggiata.

READ  Bergkamp vuole che la Camera dei Rappresentanti venga richiamata durante la pausa estiva • Tre quarti degli olandesi non vogliono che Rutte torni come primo ministro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *