Come il presidente italiano ha portato la pace per un po’

Come il presidente italiano ha portato la pace per un po’

Era sospeso in aria. O in effetti egli sospeso nell’aria. O almeno così pensavamo. Questo è Sergio Mattarella, il Presidente della Repubblica Italiana. La mattina presto del 4 ottobre un elicottero ha sorvolato Assisi. Non c’era altro modo in cui il Presidente doveva essere presente.

Era in visita alla città di Francesco, Città della Pace, in occasione della festa del santo. Adoro vedere Mattarella apparire nei telegiornali italiani. Con i suoi bei capelli bianchi e l’aspetto calmo. Mi riconcilia con l’esistenza.

Cerco regolarmente Mattarella su Google, solo per vedere una sua foto. I 40 secondi necessari hanno su di me lo stesso effetto di un corso di consapevolezza di tre giorni.

Chi ci aiuterà ora?

D’altronde nessuno ad Assisi poteva sottrarsi alla visita di Mattarella. Ghirlande con bandiere italiane erano appese per giorni sulle strade. L’arrivo del presidente è stato annunciato su grandi manifesti, incollati su tutte le vecchie mura della città con colla moderna. Arrivò la mattina presto e assistette alla messa nella chiesa superiore della basilica che porta il nome di Francesco. Lì avrebbe consegnato un messaggio alla nazione. Visiterà anche la tomba di Francesco nella cripta della basilica.

In vacanza sono partito presto con il mio gruppo di pellegrini. L’elicottero ci ha accompagnato nel nostro viaggio. Siamo andati a San Damiano, l’antica chiesa, dove nel 1205 il crocifisso parlò a Francesco. “Francesco, va’ a restaurare la mia chiesa. Non vedi che è un pasticcio?”

Il mondo è un disastro in questi giorni. Chi ci aiuterà ora? Forse Mattarella può chiamare Mosca con un messaggio per nostro conto.

Preda

Abbiamo subito incontrato un folto gruppo di scolaretti che – con le bandiere italiane in mano – stavano andando a tifare Mattarella. Camminavano mano nella mano. Due ragazzi sono rimasti con il gruppo. Un ragazzo ha poi tirato l’altro in modo che non perdessero il contatto con gli altri. In chi è rimasto ho riconosciuto i nervi che avevo in gita scolastica. Paura di perdersi.

Abbiamo attraversato il paese fino alla chiesa. È stata una bella giornata. L’autunno era arrivato e la morte era già tra le foglie, ma gli alberi non si erano ancora arresi. Era di nuovo lì, in giro per la città come un falco in cerca della sua preda. Probabilmente ha fatto lasciare il presidente da qualche parte. Era già entrato in basilica, ma non prima di essere acclamato dagli scolari.

Quando siamo arrivati ​​a San Damiano, sembravamo essere gli unici visitatori. La chiesa era ancora chiusa. Fratello Sole brillava di mille luci. Per giorni siamo stati in una specie di bolla, una bolla di Francis. Fu solo quando una mattina non c’era acqua calda nel nostro hotel che qualcuno disse: “Putin avrebbe potuto chiudere il gas qui?” C’era di nuovo la guerra.

In mezzo al campo abbiamo fatto una festa e lì qualcuno ha pregato per la fine della guerra in Ucraina. Può essere ingenuo, ma hai sempre l’idea che stai facendo qualcosa.

Applausi

Abbiamo concluso la mattinata a Santa Maria degli Angeli, un’enorme basilica costruita come una sala da tè sopra l’antica chiesetta della Porziuncola. Franciscus ei suoi fratelli vivevano in squallide baracche intorno alla chiesa. È qui che il santo morì nel 1226. Julian Green racconta come il giorno prima della sua morte arriva un volo di allodole che inizia a volteggiare – cantando a squarciagola – sopra la cella dove sta morendo Francesco.

Quando siamo entrati non abbiamo sentito allodole ma ancora l’elicottero. Non abbiamo potuto visitare la Chiesa della Porziuncola. A causa delle vacanze, ho capito. Ci unimmo all’esercito deluso che si era schierato fuori dall’ingresso.

Poi ci sono stati gli applausi e Mattarella è venuto da un portone. Entrò in chiesa e si fermò. Stavamo dietro un nastro teso e ancora non ci era permesso continuare, ma il presidente guardava avanti. Era il nostro testimone. Mattarella era in controluce, si vedeva solo il bagliore dei suoi capelli bianchi ancora lucenti.

C’è stato un silenzio e la pace è tornata nel mondo. Solo per un po’, ma abbastanza per ora.

L’editore di Trouw, Stijn Fens, segue da vicino la Chiesa cattolica da decenni e scrive di fede e della sua vita personale. Esaminali qui.

READ  A Bruxelles, un pesce d'aprile si è concluso molto male

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *