Commissione dà il via libera: la Polonia riceve decine di miliardi di denaro per le riparazioni |  All’estero

Commissione dà il via libera: la Polonia riceve decine di miliardi di denaro per le riparazioni | All’estero

La Polonia riceverà decine di miliardi di euro dal fondo di stimolo della corona. La Commissione europea ha spianato la strada a questo mentre il governo polacco si adopera per garantire un potere giudiziario indipendente. Gli Stati membri devono ancora essere d’accordo.

In precedenza, la commissione ha bloccato il pagamento di 36 miliardi di euro di riparazioni alla Polonia a causa di una controversia in corso sullo stato di diritto polacco. Bruxelles protesta da anni contro l’arbitrarietà con cui il governo di destra di Varsavia destituisce i giudici e nomina al loro posto nuovi giudici favorevoli al governo.

La Commissione europea e la Corte di giustizia europea del Lussemburgo hanno ripetutamente condannato la commissione disciplinare motivata politicamente, che può appellarsi e sanzionare i giudici polacchi i cui verdetti non sono di loro gradimento.

Camera disciplinare smantellata

Oggi Bruxelles ha ceduto alle concessioni del governo di Varsavia. La scorsa settimana, il parlamento polacco ha approvato una legge volta a smantellare la controversa camera disciplinare dei giudici.

Non è stato facile per la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, poiché cinque dei suoi commissari non supportano la mossa. Tra loro ci sono due importanti vicepresidenti, Frans Timmermans e la danese Margrethe Vestager, i due portafogli Didier Reynders (Giustizia) e Vera Jourová (Stato di diritto) e Ylva Johansson (Affari interni).

dissidente

È insolito che la Commissione, un “collegio”, voti sulle decisioni, e ancor più insolito che i nomi dei dissidenti vengano rivelati in anticipo. Ma i cinque segnano il loro voto di dissenso. Ritengono che la Polonia debba soddisfare irreversibilmente tutti i requisiti di Bruxelles e Lussemburgo prima che venga pagato il primo euro.

READ  La Russia blocca la dichiarazione finale dell'Onu alla conferenza sulle armi nucleari

A Bruxelles circolano varie storie sul perché dell’indulgenza di von der Leyen. È chiaro che è colpita dallo schiacciante sostegno della Polonia all’Ucraina. La Polonia ha ospitato più di 3,5 milioni di rifugiati ucraini, la maggior parte dei quali è rimasta. Ha fornito armi su larga scala e ha sostenuto le sanzioni più severe contro la Russia.

ricatto polacco

Altre fonti parlano di ricatto polacco, perché Varsavia è l’unica a bloccare l’introduzione di un’aliquota minima sull’imposta sugli utili delle grandi multinazionali, questione su cui la Francia, in qualità di presidente del Consiglio, vuole una decisione entro il 14 giugno. Ma nessuno dei due ha a che fare con lo stato di diritto polacco.

Lo stesso Von der Leyen fornirà domani ulteriori informazioni sulla Polonia. Ha scritto che Varsavia deve assumere un chiaro impegno per l’indipendenza della magistratura prima di trasferire denaro (24 miliardi in sovvenzioni, 12 in prestiti a basso costo). Ma prima, entro le prossime quattro settimane, gli Stati membri devono ancora approvare il rilascio. “Dopodiché, presumiamo che la Polonia onorerà i suoi accordi. E di questo ce ne stiamo assicurando”, ha affermato il commissario Ue agli Affari economici Paolo Gentiloni, che ha riferito sulla riunione del Consiglio di stasera.

furioso

Il gruppo liberale al Parlamento europeo, Renew, è indignato per la decisione della Commissione e chiede che von der Leyen risponda alla sessione plenaria di Strasburgo la prossima settimana. “Ci siamo battuti contro il regime comunista perché volevamo un Paese che rispettasse la democrazia e lo stato di diritto. Contavamo sull’UE per una magistratura indipendente. Se questa non è più la priorità, sarà l’inizio del marciume in questa bellissima costruzione”, ha affermato il polacco Róza Thun und Hohenstein.

READ  Il grande bluff di Ungheria e Polonia

Sophie in ‘t Veld, anche lei di Renew: ,, Von der Leyen ha promesso di non scendere a compromessi sullo stato di diritto, ma è esattamente quello che sta facendo ora. Con questa soluzione politica a breve termine, sta causando un danno irreparabile all’UE come comunità giuridica. Dovrebbe essere ritenuta responsabile. GroenLinks in Europa descrive la decisione della Commissione come “un errore storico”.

Guarda i nostri video sulle notizie di tendenza nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *