Commissione Europea: prestito italiano da 400 milioni ad Alitalia illegale

Commissione Europea: prestito italiano da 400 milioni ad Alitalia illegale

BRUXELLES/ROM (Dpa-AFX) – L’Italia ha violato il diritto dell’UE concedendo un prestito di 400 milioni di euro alla compagnia aerea in difficoltà Alitalia. L’Italia deve quindi ora recuperare i fondi più gli interessi da Alitalia dalla fine del 2019, ha annunciato lunedì a Bruxelles la Commissione.

Ma probabilmente non accadrà: la compagnia aerea tradizionale non esiste più. Sarà sostituita dalla nuova Ita Airways nell’autunno del 2021. E poiché non è considerata il successore economico di Alitalia, i milioni non possono essere recuperati da Ita; la stessa Commissione Europea lo aveva già stabilito nel 2021. Lufthansa sta attualmente negoziando un’acquisizione parziale di Ita Airways.

Alitalia ha subito enormi perdite per anni e nel 2017 e nel 2019 ha ricevuto un totale di tre volte milioni di prestiti dallo Stato italiano. Anche i due prestiti del 2017 per un totale di 900 milioni di euro erano illegali, la Commissione europea ha stabilito alla fine del 2021. I garanti della concorrenza hanno concluso allora, come adesso, che l’Italia non aveva agito come un investitore privato e aveva presunto nella misura necessaria che i soldi sarebbero stati rimborsato. Piuttosto, era per preservare le operazioni di volo: Alitalia aveva quindi un indebito vantaggio competitivo.

“Ci aspettavamo queste conclusioni dalla Commissione europea”, ha detto lunedì il ministro italiano dell’Economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti. Ma allo stesso tempo si è detto soddisfatto della sentenza di Bruxelles secondo la quale il successore di Alitalia, Ita, non può essere perseguito per colpa nella concessione del prestito ponte. “Siamo nei nostri diritti e continueremo su questa strada”, ha detto a proposito dei piani di sviluppo e privatizzazione di Roma a Ita Airways./msw/DP/ngu

READ  Torino, Museo dell'Automobile, Caffè Baratti e Salone del Gusto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *