Condanne al carcere per i tifosi dell’AZ che infuriavano dopo la partita contro il West Ham: ‘Gruppo di iene’ |  interno

Condanne al carcere per i tifosi dell’AZ che infuriavano dopo la partita contro il West Ham: ‘Gruppo di iene’ | interno

Il giudice della polizia di Alkmaar ha condannato i primi cinque tifosi dell’AZ, tra le altre cose, a pene detentive per il loro ruolo nelle rivolte dello stadio il mese scorso dopo il duello perdente con la squadra inglese del West Ham United.

Oggi sono comparsi i primi sei uomini che hanno preso parte ai disordini. Domani ce ne saranno altri sette.

Il primo oggi è stato Tom S., 38 anni. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a 9 settimane di reclusione nei confronti di Tom S., di cui 3 settimane sospese. Anche il Pubblico Ministero (OM) ha voluto che l’uomo non si presentasse in un raggio di 500 metri intorno allo stadio dell’AZ per tre anni.

Secondo il procuratore, S. è stato protagonista dell'”esplosione di violenza eccessiva” allo stadio AFAS lo scorso 18 maggio, dopo la partita europea persa 0-1 dalla società di casa. I tifosi dell’AZ hanno preso d’assalto gli spalti dove, tra gli altri, erano seduti ospiti del club inglese e parenti di giocatori della squadra di calcio londinese. Successivamente la violenza si è concentrata anche sugli steward e sulla polizia antisommossa.

Il calcio è importante per molte persone, ma spesso è anche circondato dalla violenza. Perché? (video):

“Nel gruppo delle iene”

Il pm ha detto in aula che S. era in prima linea rispetto alla folla che ha preso d’assalto le scale che portano alla tribuna. In cima alle scale, ha preso a calci “a tutta forza” un inglese che stava cercando di fermare il gruppo. Lo ha anche preso a pugni e poi lo ha trascinato giù per le scale per la cintura. “Quindi il gruppo di iene stava aspettando al piano di sotto.” Secondo l’accusa, i calci e le percosse sono continuati lì.

READ  Inter, cambio di strategia di mercato: da Tonali e Kumbulla a Vidal e Kolarov | Prima pagina

T. ha confessato la maggior parte delle accuse. Ha detto che era davvero dispiaciuto e si vergognava. Ha un lavoro come installatore, figli e nessun precedente penale ed è stato il primo di quattordici fan dell’AZ a essere processato per i guai martedì e mercoledì.

Solo il giudice di polizia ha ritenuto troppo leggera l’opera di interesse generale e troppo elevato il requisito del pubblico ministero ed è quindi arrivato a 30 giorni di reclusione, di cui 22 di sospensione

Attacca i ME

Un secondo sospettato, un uomo di 32 anni di Alkmaar, ha preso a calci un poliziotto antisommossa contro il suo scudo e ha alzato il dito medio. È stato condannato a 28 giorni di carcere, di cui 13 sospesi e due anni di libertà vigilata.

Il numero tre, un Alkmaarder di 29 anni, ha dato un pugno alla testa a un poliziotto antisommossa. Ha confessato la sua colpa. L’agente ME ha sporto denuncia e ha anche chiesto un risarcimento. Il giudice lo ha condannato a 30 giorni di reclusione, di cui 15 sospesi, perché possa tornare a casa oggi, dopo più di due settimane di custodia cautelare. Riceverà anche 80 ore di servizio alla comunità e un anno di squalifica dallo stadio.

Anche il numero quattro, un Alkmaarder di 45 anni, è accusato di aver ripetutamente aggredito gli agenti del ME. Lo ha fatto per proteggere suo figlio, ha detto. Ma l’uomo ha anche continuato a calciare mentre suo figlio era al sicuro. Ha anche ricevuto due settimane di carcere e qualche altra settimana in libertà vigilata.

Anche un uomo di 37 anni è stato condannato a due settimane di carcere, il tempo che ha già trascorso in custodia cautelare. Presumibilmente ha attaccato alle spalle un tifoso del West Ham.

READ  Riuscirà Van der Poel a conquistare la prima maglia gialla? 'Questo tour è davvero al mio limite' | Giro di Francia

Infine, un uomo di 41 anni di Obdam è stato una delle figure che ha abbattuto la recinzione tra le tribune e poi si è schiantato contro i tifosi del West Ham. È stato condannato a un mese di carcere, inclusi 16 giorni di sospensione. Ha anche ricevuto 150 ore di servizio alla comunità. Inoltre non gli è permesso entrare nello stadio per un anno.


Guarda i nostri video di notizie più popolari nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *