Coppa Italia: Napoli-Spezia 4-2, gli Azzurri sono le ultime semifinaliste | Nuovo

Il Napoli è l’ultima semifinalista della Coppa Italia. Al San Paolo gli Azzurri hanno sconfitto lo Spezia 4-2, vendicandosi della clamorosa sconfitta in campionato il 6 gennaio. Primo tempo senza storia e prove chiuse in 40 ‘: Koulibaly il tallone rompe l’equilibrio a 5 ‘, Lozano doppia a 20 ‘, Politano il tris cade al 30 ‘, poi il tris diamante. Gyasi (70 ‘) e Acampora (73 ‘) rendono il passivo meno amaro. In semifinale c’è l’Atalanta (3-10 febbraio).

IL GIOCO
Basta un primo tempo praticamente perfetto al Napoli, che in un sol colpo vendica la clamorosa sconfitta in campionato al San Paolo del 6 gennaio e accede alle semifinali. Un grande impegno di squadra per dimostrare l’attaccamento a Gattuso, che si è ritrovato in griglia dopo i recenti deludenti risultati. Troppo facile contro uno Spezia che, lontano parente della squadra che la scorsa settimana ha ucciso la Roma, concede i primi 45 ‘e solo nella ripresa fa emergere il suo orgoglio e rende più accettabile il passivo. Il Napoli, a cui Gattuso ha spesso contestato la mancanza di veleno, è cinico come mai prima d’ora, soprattutto nell’analisi dei numeri della partita di campionato, visto che con 29 tiri ha segnato un solo gol.

Al primo affondo passano i padroni di casa: il tiro di Zielinski viene deviato da Ricci e prende una strana parobola che colpisce la traversa e rientra in campo, Hysaj serve Koulibaly che non sbaglia pochi passaggi (5 °). Unica scossa dei Liguri all’8 ‘, quando Estevez colpisce male contro Manolas e conclude in poche battute. È in questo momento che inizia il lungo monologo del Napoli e iniziano le prove di tiro per il povero Krapikas, bravo a salvarsi su Mario Rui, ma impotente su colpo di Lozano colto sul limite del fuorigioco (20 ‘), sul tocco delizioso di Politano (30 °) ed Elmas 10 minuti più tardi, che non sbagliava a tu per tu con il portiere lituano dopo una fantastica azione di Insigne.

READ  Bakayoko su Theo Hernandez rischia il rigore

L’italiano si mette al riparo e fa un triplo cambio: fuori Galabinov, Estevez e Dell’Orco e dentro Agudelo, Leo Sena e Bastoni. Gattuso fa rifiatare Lozano e concede qualche minuto a Mertens. Politano spaventa ancora Krapikas dopo pochi secondi e il Napoli lascia lentamente il gioco. Col passare dei minuti i giocatori dello Spezia si fanno coraggio, anche perché i padroni di casa non guardano più ai quarti di Krapikas. A 20 ‘dalla fine c’è spazio anche per Osimhen: Elmas gli dà spazio e Gattuso torna sul 4-2-3-1. Forse per caso, lo Spezia nello spazio di 3 ‘dal 70’ al 73 ‘trova due gol, prima con Gyasi e poi con Acampora. Koulibaly ei suoi compagni si dissolvono e vecchi fantasmi riaffiorano. Il palo di Demme (conclusione deviata da Krapikas) è l’ultimo respiro di una partita che ha visto un Napoli a doppia faccia, brillante nel primo tempo e inesistente nella ripresa. Per difendere il trofeo e battere l’Atalanta ci vuole decisamente molto di più.

BOLLETTINI
Lozano 7
– Gattuso lo classifica da 9 e con la sua velocità mette in crisi la retroguardia spezzina. Il gol del 2-0 è bellissimo e prezioso, resta negli spogliatoi e la squadra soffre. Al momento, è il più in forma tra gli attaccanti.
Badge 6.5 – Il gol del numero 100 in maglia azzurra non è ancora arrivato, ma gioca un primo tempo favoloso rafforzato dal super passaggio di Elmas.
Mertens 5 – Gattuso lo inserisce all’inizio del secondo tempo per dargli minuti e riportarlo allo stato originale. Purtroppo per lui il Napoli smette di giocare e il belga non la vede mai.

Acampora 6.5 – Combatte come tutta la squadra nel primo tempo, aumenta di livello nella ripresa e toglie la soddisfazione di segnare il 2-4, che crea apprensioni al Napoli. È anche d’aiuto per Gyasi.
Krapikas 5.5 – Prende 4 gol e il primo viene tradito dalla traiettoria del pallone deviato da Ricci. Avrebbe potuto fare qualcosa di più, ma evita una passività più pesante con gli stop su Politano e Demme.
Dell’Orco 4 – Va in profondità come tutta la difesa dello Spezia nel primo tempo. Da parte sua, i padroni di casa scendono troppo facilmente. Questo non fa parte del recupero.

READ  "Materazzi? Si accontenta di un trofeo ogni 10 anni"

LA TAVOLA
NAPOLI-SPEZIA 4-2

Napoli (4-3-3)Stk #: Ospina 6; Hysaj 6, Manolas 6, Koulibaly 6, Mario Rui 6; Elmas 6.5 (24 ‘st Osimhen 5), Demme 6, Zielinski 6.5 (24’ st Lobotka 6); Politano 6.5 (43 ‘st Di Lorenzo), Lozano 7 (1’ st Mertens 5-43 ‘st Bakayoko), Distintivo 6.5. A disposizione.: Meret, Contini, Ghoulam, Maksimovic, Rrahmani, Petagna, Cioffi. tutto.: Gattuso 6.5
Spezie (4-3-3): Krapikas 5.5; Vignali 5 (29 ‘st Ramos 6), Ismajli 5, Terzi 5, Dell’Orco 4 (1’ st Bastoni 6); Estevez 5 (1 ° Leo Sena 6), Ricci 5,5, Acampora 6,5; Verde 5.5, Galabinov 4.5 (1 ‘st Agudelo 6), Gyasi 6 (29’ st Farias 6). A disposizione.: Zoet, Rafael, Marchizza, Agoume, Chabot, Maggiore, Erlic. tutto.: Italiano 5.5
Arbitro: Fornace
Marcatori: 5 ‘Koulibaly (N), 20’ Lozano (N), 30 ‘Politano (N), 40’ Elmas (N), 25 ‘st Gyasi (S), 28’ st Acampora (S)
Ammoniti: Lozano (N), Mario Rui (N)
Escluso: –
Nota: –

STATISTICHE
Il Napoli accede alla semifinale di Coppa Italia per due stagioni consecutive per la prima volta dal 2013/14 al 2014/15.
Il Napoli ha segnato almeno quattro gol in cinque partite casalinghe in questa stagione, almeno il doppio rispetto a qualsiasi altra squadra di Serie A in tutte le competizioni.
Sei volte una squadra di Serie A ha segnato almeno quattro gol nel primo tempo di questa stagione: in tre di quelle occasioni è stato il Napoli (Atalanta, Inter e Roma le altre).
Quattro volte in questa stagione, una squadra di Serie A ha avuto otto giocatori con almeno una partecipazione attiva tra gol e assist: tre volte il Napoli, una volta la Roma.
Hirving Lozano ha segnato cinque gol nelle ultime cinque presenze con il Napoli (quattro gol e un assist), avendo segnato un solo gol nelle sei precedenti.
Hirving Lozano ha segnato 12 gol in 27 partite con il Napoli in tutte le competizioni 2020/21: più del doppio di quelli realizzati nella scorsa stagione: cinque, ma con altre sette presenze.
Kalidou Koulibaly ha segnato il suo primo gol stagionale oggi, diventando il 13 ° marcatore del Napoli nel 2020/21.
Kalidou Koulibaly non trovava gol per il Napoli dall’aprile 2019, quando segnò due volte contro il Chievo: oggi era il suo primo gol in Coppa Italia.
Presenza come titolare del numero 100 per Mário Rui con la maglia del Napoli in tutte le competizioni.

READ  Calciomercato Juventus, Kean svela tutto: "Potevo tornare, ma ..."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *