cosa succederà davvero il 15 maggio

Rivoluzione in Whatsapp. L’app di messaggistica istantanea più popolare al mondo è alle prese con un grande cambiamento.

Cosa accadrà a WhatsApp? Cosa succederà all’app di messaggistica istantanea, forse la più famosa al mondo? La famosa notifica sul cambio di Le impostazioni per quanto riguarda la riservatezza di utenti, è successo a tutti i proprietari di app, cosa significherà veramente? Politica sulla privacy recente anno Domini infatti grandi cambiamenti riguardano la gestione dei dati sensibili da gestire, possibilmente con l’altro colosso Facebook.

Questo perché, da qualche anno WhatsApp è di proprietà di Facebook. Dal prossimo 15 maggio, insomma, all’inizio, avrebbe dovuto essere 8 febbraio, gli utenti della nota app di messaggistica istantanea possono ritrovarsi con i propri dati e qualsiasi altra cosa condivisa Facebook. La cosa, però, al momento non interesserà ancora gli utenti Europei, ancora tutelato da alcune regole, che potrebbero però presto essere cancellate.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp sempre più abbandonata: i motivi della fuga di milioni di utenti

Whatsapp in preda al panico: la posizione della grande azienda

Attraverso una serie di dichiarazioni Niamh sweeney, WhatsApp Policy Director per EuropaIn Medio Oriente e Africa, la società ha quindi assunto questa posizione: “È stato segnalato erroneamente che gli ultimi aggiornamenti dei Termini di servizio e dell’Informativa sulla privacy di WhatsApp obbligare gli utenti nell’area europea a consentire la condivisione dei dati con Facebook a fini pubblicitari, altrimenti non potranno proseguire usare WhatsApp. È sbagliato. Non ci sono modifiche alle pratiche di condivisione dei dati di WhatsApp nell’area europea dopo l’aggiornamento. WhatsApp non condivide i dati utente della zona europeo con Facebook in modo che possano usarli per migliorare i loro prodotti o annunci pubblicitari La pubblicità“.

READ  Ronaldo: "Continuo a scrivere la storia della Juve". E fai una dedica ...

Chiodo situazione che potrebbe quindi cambiare, sia in Europa che in altre parti del mondo, ma che resta oggi come prima. Insomma, l’azienda nega quello che è utenti si dicono l’un l’altro e quello che sembra, il famoso preavviso.

LEGGI ANCHE >>> Senza lavoro dopo il covid, il maestro di sci fa un annuncio sui social network

I giochi, quindi, almeno in Europa non sarebbe stato ancora fatto, dovremo aspettare e capire cosa è veramente cambiato in altre parti del mondo. Utenti, possono solo aspettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *