Così funziona la politica d’asilo della Danimarca, una delle più severe d’Europa |  ADESSO

Così funziona la politica d’asilo della Danimarca, una delle più severe d’Europa | ADESSO

NU.nl ha recentemente chiesto a voi, nostri visitatori, di scegliere tra due argomenti caldi. Di cosa volevi saperne di più? Questa era la politica d’asilo danese, in risposta ai problemi di accoglienza dei Paesi Bassi. L’approccio in Danimarca è conosciuto come uno dei più severi in Europa. Come è organizzato esattamente?

In effetti, l’approccio migratorio del governo di minoranza socialdemocratico danese mira a non avere richiedenti asilo. Dalla crisi dei rifugiati europei nel 2015, il governo ha solo inasprito questa politica. Ad esempio, il paese ha ridotto lo status di rifugiato da cinque a due anni. Il ricongiungimento familiare è possibile solo dopo due anni.

La politica danese in materia di asilo è contraria alle linee guida dell’UE sulla migrazione e alla Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati. Ma il Paese, come altri Paesi dell’UE, non è obbligato a rispettare queste linee guida a causa di un cosiddetto opt-out. Ciò dà alla Danimarca la possibilità di discostarsi dalle linee guida.

La Danimarca ha diversi tipi di centri di accoglienza per richiedenti asilo. Questi sono destinati principalmente al rimpatrio dei richiedenti asilo. Le persone le cui domande di asilo sono state respinte finiscono in austeri centri di rimpatrio da dove devono lasciare il Paese.

La Danimarca pensa che i siriani possano tornare

Ai richiedenti asilo viene chiesto all’arrivo se hanno contanti o altri oggetti di valore per un valore superiore a 10.000 corone danesi (convertite in circa 1.344 euro). In tal caso, il Servizio danese per l’immigrazione sequestrerà i beni, in modo che il richiedente asilo contribuisca alle spese di accoglienza.

READ  La Stampa - Donnarumma si rivolge a Raiola: "Resto a Milano, come la pensi?"

La politica danese in materia di asilo differisce anche per quanto riguarda i rifugiati siriani. Secondo la Danimarca, la capitale siriana Damasco e i suoi dintorni sono al sicuro. Dal 2019 le autorità danesi possono rimpatriare i siriani fuggiti a causa della situazione generale della sicurezza. I siriani che hanno un permesso per motivi individuali possono rimanere.

In pratica, la Danimarca non può espellere nessuno perché il governo non ha relazioni diplomatiche con la Siria. Ciò significa che è possibile solo il rimpatrio volontario. I rifugiati il ​​cui permesso di soggiorno è stato ritirato devono recarsi in un centro di rimpatrio dove non c’è lavoro o istruzione.

Il governo vuole rifugio in Ruanda

Coloro che ricevono il riconoscimento come rifugiato e sono autorizzati a rimanere si troveranno in un lungo processo fino a quando non verrà loro concesso lo status e gli sarà permesso di vivere in modo indipendente da qualche parte. Con il rischio che qualcuno possa essere licenziato ancora per i primi dieci anni.

Inoltre, il parlamento danese ha adottato lo scorso giugno una legge che permette di accogliere i richiedenti asilo fuori dall’Europa. La Danimarca sta discutendo possibili sedi con il Ruanda, ma devono ancora essere raggiunti accordi concreti con il Paese africano. Non si sa quando la legge entrerà in vigore.

Numero di domande di asilo in Danimarca e Paesi Bassi

  • Secondo gli ultimi dati dell’agenzia di statistica europea Eurostat, nel 2020 in Danimarca sono state 1.475 le persone che hanno presentato domanda di asilo. Nei Paesi Bassi sono state presentate 15.255 domande. I numeri erano inferiori in entrambi i paesi rispetto agli anni precedenti a causa della pandemia di corona.
  • Nello stesso anno, la Danimarca ha respinto 765 domande di asilo e i Paesi Bassi 4965. Inoltre, la Danimarca ha visto il ritorno di 1.130 persone e i Paesi Bassi 8.870. Va notato che le persone non sono partite sempre lo stesso anno in cui erano state respinte.
  • La popolazione dei Paesi Bassi (17,4 milioni) è tre volte quella della Danimarca (5,8 milioni).
READ  "Materazzi? Si accontenta di un trofeo ogni 10 anni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *