Covid, oltre 8mila persone già vaccinate in Italia | Ema: AstraZeneca in ritardo

Distribuzione nella prima fase affidata all’esercito“La prima fase di distribuzione del vaccino è sostenuta dall’esercito – spiega il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli -. Poi ci sarà una seconda fase, dove il numero di vaccini sarà molto più consistente e verranno certificati anche altri vaccini, in quel momento. punto ci sarà un intervento di tutta la logistica privata italiana che è pronta ”.

Oltre 94mila dosi in Lombardia La Lombardia riceverà la maggior parte delle dosi dal primo lotto di 469.950 dosi del vaccino Pfizer, dove dovrebbero arrivare immediatamente 94.770 dosi, annuncia l’assessore regionale Giulio Gallera. Altre regioni in cui si prevedono oneri significativi sono Lazio (44.000), Piemonte (40.000), Veneto (38.000) e Liguria (16.000).

Le scadenze si allungano in alcune regioni E in alcune regioni sono stati ulteriormente allungati i tempi di arrivo delle merci, che continuano a slittare. In Sardegna le scorte arriveranno a Cagliari il 31 dicembre, mentre in Campania la maggior parte dei 35mila vaccini arriveranno nelle prossime ore fino al 2 gennaio.

Per ogni flaconcino 6 dosi e non 5 Nel frattempo, tenendo conto delle indicazioni ricevute dall’agenzia farmaceutica italiana, per ogni flaconcino di vaccino anti-Covid Pfizer-Biontech, sarà possibile ottenere 6 dosi e non 5. La dose di vaccino per ogni persona è 0,3 mm, che deve essere assunto in modo asettico e utilizzando siringhe di precisione appropriate, da una fiala di vaccino contenente 2,25 mm, dopo la diluizione prevista con una soluzione di cloruro di sodio 0 , 9%. In questo modo, spiega la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera, “con mille fiale si possono curare 6000 persone invece di 5000”.

READ  Mercedes, ecco come appare davvero la Classe C: Auto World

Palestre e piscine, ipotesi di riapertura entro fine gennaio Entro la fine di gennaio, nel frattempo, sarà possibile “ma con alcune limitazioni, riaprire palestre, piscine e centri di danza”. Ne è convinto il ministro dello sport Vincenzo Spadafora. Il Comitato per la bioetica raccomanda cautela su questo tema.

Negli Stati Uniti il ​​picco è “fuori controllo” La pandemia, tuttavia, non sta allentando la presa. Negli Stati Uniti il ​​picco è addirittura “incontrollabile”, avverte il primo virologo Anthony Fauci. E in Colorado è stato individuato il primo caso della variante inglese. In Europa, la Gran Bretagna è la più colpita da Covid e il governo si prepara a un nuovo giro di vite sui viaggi, proprio come la Francia. Anche se il ministro della Salute assicura che non ci sarà alcun nuovo blocco. Il coprifuoco sarà probabilmente anticipato (da 20 a 18) nelle regioni francesi con più contagi.

Israele, già mezzo milione di vaccinati Mentre dalla Cina arrivano rivelazioni allarmanti su quanto siano state sottovalutate le infezioni a Wuhan, dove tutto è iniziato. Nel primo epicentro Covid, le infezioni avrebbero potuto essere anche 10 volte maggiori di quelle registrate: 500.000, invece di 50.000 funzionari, secondo uno studio del Centro cinese per il controllo delle malattie. Altrove nel mondo, l’aumento dei casi in Israele continua a destare preoccupazione, nonostante la terza serrata, anche se mezzo milione di persone sono già state vaccinate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *