Crazy PSG-Bayern, una lezione di calcio italiano. Mai visto un Neymar come questo! | Prima pagina

Una partita come quella tra Paris Saint Germain e Bayern Monaco ci fa capire quanto sia lontano il calcio italiano dalla parte più alta d’Europa. Il Bayern ha vinto, il PSG è passato, Neymar ha dominato e con lui il calcio. Il 10 brasiliano ha giocato una delle più grandi partite della sua carriera. Non ha segnato, ma Colpisce tre volte il palo, semina dribbling e exploit su tutto il campo adeguatamente assistito da Mbappé e soprattutto Di Maria. Il Bayern non ha raggiunto la qualificazione per i baffi e forse con Lewandowski sarebbe finita diversamente. Adesso Il PSG è atteso in semifinale dal Manchester City o dal Borussia Dortmund.

LA PARTITA OPPOSTA.

Il PSG e il Bayern hanno giocato la partita opposta a Monaco. Così, all’andata, 31 tiri e una dozzina di gol sbagliati per i tedeschi a causa di imprecisioni o per l’abilità di Keylor Navas. Questa volta, a Parigi, solo nel primo tempo una pole piena, una pole appena sfiorata e uno spostamento della pole per il francese (in realtà tutto su Neymar) e altre due grandi parate di Neuer (anche su questo fenomeno brasiliano). Morale: 1-0 per il Bayern con gol di Choupo-Moting, in sostituzione di Lewandowski.

PAZZO NEYMAR. Sette gol per il PSG in questi 45 ‘, cinque con la firma di un giocatore che presto metterà in bacheca il Pallone d’Oro. Il suo primo tempo è stato la sintesi del gioco del calcio, della tecnica, della fantasia, del genio, irrefrenabile dal primo all’ultimo minuto. Con la palla e la catena ha fatto impazzire la difesa bavarese. Ma tutto il PSG ha giocato una partita di straordinaria profondità tecnica, dalla riconquista palla (Gueye), alla costruzione della manovra (Paredes), passando per l’attacco sull’esterno per finire con le opere d’arte di Neymar. In un tale contesto, un giocatore di Draxler di buona qualità sembrava un attore non protagonista.

READ  "Non voglio essere una vittima" (VIDEO)

LA FORZA DELLA BAYERN. Per passare il turno doveva segnare due gol, sperando di non subirne uno, e per questo motivo Flick non aveva alternative nel controllare la partita. Con la libertà di cui gode Kimmich (era nella regione di Neymar che non gli interessava molto il lavoro sporco …), il Bayern cercava costantemente le sue ali, a destra Sané ea sinistra Coman ben controllato da Dagba. Gli assenti di Flick erano troppo numerosi e troppo pesanti, senza Lewandowski, ma anche senza soluzioni come Gnabry e Douglas Costa, il Bayern mancava di scintilla nella regione parigina. Sané e Kimmich si sono avvicinati alla porta, ma con due tiri da fuori area sono usciti di poco. All’interno dell’area, nonostante l’assenza (anche di rilievo) di Marquinhos, e nonostante l’assetto (comunque positivo) di Danilo Pereira nel ruolo di difensore centrale, il Paris Saint Germain ha resistito bene fino al tempo del gol, a 5 ‘dal termine. La prima metà. Nella prima parte dell’azione, il tocco di Müller per Alaba (un centrocampista che va a tirare dentro l’area di rigore …) è stato una delizia, la conclusione dell’austriaca è stata respinta da Keylor Navas, palla drogata e Choupo-Moting , mettendoci tutto il corpo, spinse la testa nella rete con il suo attaccante Kimpembe.

AZIONE PAZZA. L’ottavo gol del PSG era qualcosa di inimmaginabile, concluso da Di Maria con un tunnel esterno su Neuer e la palla che oltrepassava la linea di porta, ma era un’idea così folle che nemmeno uno come Neymar pensava che il pallone sarebbe uscito. e infatti la sua diapositiva è arrivata un istante in ritardo. Bello, incredibilmente bello, ma nel calcio bisogna segnare e fino ad allora il PSG, pur qualificato, era un gol in ritardo. L’esibizione parigina è proseguita con due calci di tacco nella stessa azione di Di Maria e Neymar. Come spettatore neutrale è stato un vero spasso, ma chissà cosa pensavano i fan parigini (e quanto temevano). E infatti, dopo lo spettacolo di tacco, hanno ringraziato Paredes che, nella piccola area, ha portato via un gol al Bayern con l’aiuto di Coman.

READ  MotoGP, Pol Espargarò: "Per trovare il limite della Honda dovrò cadere"

ALTRI GIOVANI. Flick ha inserito nell’unico livello di riserva, la giovanissima Musiala. E a proposito di giovani anche Pochettino ha sostituito Kean per Draxler. L’ex juventino ha mancato un gol in contropiede. Il Bayern non si è arreso fino all’ultimo, la finale è stata emozionante, i bavaresi hanno ancora tre possibilità di segnare e passare. Invece, sono usciti. Il PSG è passato, ma è uscita una squadra infinita.

PARIGI SAINT GERMAIN-BAYERN MONACO 0-1
————————————————– ——–
PARIGI SAINT GERMAIN (4-2-3-1): Keylor Navas 7; Dagba 7 Danilo Pereira 7 Kimpembe 5,5 Diallo 6 (13 ‘St Bakker 5,5); Gueye 7 Paredes 7; Di Maria 7.5 (43 ‘st Herrera sv) Neymar 8.5 Draxler 6; Mbappé 7. A disposizione: Rico, Florenzi, Pembele, Kehrer, Rafinha, Verratti, Sarabia, Kean, Nagera, Saidani. Gestore: Pochettino 7.5
BAYERN MONACO (4-2-3-1): Nuovo 7.5; Pavard 6,5 Boateng 6,5 Hernandez 7,5 Davies 5,5 (26 ‘st Musiala 5,5); Kimmich 6 Alaba 6.5; Sané 7 Muller 6.5 Coman 6; Choupo-Moting 6 (39 ‘st Javi Martinez sv). Una disposizione: Nübel, Sarr, Nianzou, Stanisic, Zaiser. Allenatore: Flick 6.5
ARBITRO: Orsato 7
VAR: Radio
MARCATORI: Choupo-Mouting (B) a 40 ‘pt
AVVERTENZE: Alaba (B) al 7 ‘st, Dagba (P) al 10’ st, Müller (B) al 22 ‘st, Herrera (P) al 45’ st per antigioco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *