Crescita senza precedenti per Vingeaard: ‘Ora ha un motore Ferrari e una testa solida’ |  ADESSO

Crescita senza precedenti per Vingeaard: ‘Ora ha un motore Ferrari e una testa solida’ | ADESSO

Meno di quattro anni fa, Jumbo-Visma era l’unica squadra a interessarsi seriamente allo sconosciuto Jonas Vingaard. Sabato, il 25enne danese ha ottenuto ufficiosamente la vittoria nella classifica generale del Tour de France. La storia dello sviluppo tempestoso di un talento speciale. “Nel suo primo anno professionale, ha ceduto allo stress”.

Ore prima del suo debutto per Jumbo-Visma nel febbraio 2019 nella corsa a tappe Ruta del Sol in Spagna, Vingaard è a letto con una leggera febbre. “Ho capito subito che era dovuto solo allo stress”, ha detto il direttore sportivo Frans Maassen. “Non era malato, ma molto nervoso per la sua prima partita da professionista”.

Vingeard, a soli 22 anni, partirà alla fine in Andalusia, dove finirà 114° nella prima tappa collinare in un campo di 128 corridori. È a più di dieci minuti dal vincitore Tim Wellens. “Ma tre giorni dopo, Jonas ha già dimostrato di poter competere con i migliori uomini in salita”, spiega Maassen.

Sei mesi dopo, Vingegaard ha davvero catturato l’attenzione del pubblico ciclistico per la prima volta, registrando la sua prima vittoria nel WorldTour nella penultima tappa del Giro di Polonia. Il danese ha vinto anche la maglia di leader a Koscielisko, ma il giorno dopo ha perso più di quattordici minuti.

“Jonas ha ceduto allo stress lì”, spiega Maassen. “Ma da allora si è davvero evoluto in modo fenomenale. Mentalmente è diventato così forte che non si vede nulla dal pilota che era pieno di tensione nel suo primo anno da professionista. Si tratta di questo: quando sai che ‘noi siamo meglio, hai sempre più bagagli e cresci come persona, e Jonas ora sa che nessuno può arrampicare veloce come lui.

Aceto di Jonas biologico

  • Nato il 10 dicembre 1995 a Hillerslev
  • Squadre: ColoQuick (2016-2018) e Jumbo-Visma (2019-oggi)
  • Vittorie da professionista: vittoria di tappa Tour of Poland (2019), vittoria di tappa Tour of the United Arab Emirates (2021), due vittorie di tappa e vittoria assoluta Coppi e Bartali Cycling Week (2021), Drôme Classic (2022), vittoria di tappa Dauphiné (2022), due vittorie di tappa del Tour (2022)

Vingegaard si unisce a Jumbo-Visma come talento anonimo

Nel 2018, Jumbo-Visma ha avuto un notevole interesse per il campione del mondo junior in carica Julius Johansen quando il suo team manager del Team ColoQuick ha guidato la migliore formazione olandese verso un altro talento nella piccola rosa danese.

READ  Rimonta della Juve con Vlahovic: Salernitana sconfitta al 91’ - Sky Sport

“Guarda Jonas Vingaard”, l’ex pilota danese Christian Andersen ha detto al team manager di Jumbo-Visma Grischa Niermann. “Non si distingue nei risultati, ma è il miglior pilota che abbiamo”.

A quel tempo, Vingaard era un semi-professionista anonimo, che lavorava la mattina a un’asta di pesce vicino alla sua città natale di Hillerslev e si allenava nel pomeriggio. Il suo risultato più importante è che nel gennaio 2018, durante un ritiro nella regione di Alicante, ha battuto il record di scalata del Coll de Rates, una nota montagna di allenamento per i ciclisti.

Su consiglio di Andersen, la dirigenza di Jumbo-Visma sottopone Vinegaard a un test fisico ea un test della personalità. Il giovane danese può anche iscriversi a un ritiro, ma quell’invito è costretto a terminare dopo aver subito una commozione cerebrale dopo essere caduto in una piccola gara italiana.

Ciononostante, Jumbo-Visma è abbastanza convinta da offrire a Vingaard un contratto biennale nell’estate del 2018. “Avevamo la possibilità di portare uno o due talenti nella squadra”, spiega il ds Merijn Zeeman. “Abbiamo scelto Jonas perché abbiamo visto allora che aveva valori fisici eccezionali”.

Jonas Vingaard dopo la vittoria di tappa al Giro di Polonia 2019.


Jonas Vingaard dopo la vittoria di tappa al Giro di Polonia 2019.

Jonas Vingaard dopo la vittoria di tappa al Giro di Polonia 2019.

Foto: Getty Images

Jumbo-Visma sa dopo la Vuelta 2020 di avere l’oro nelle sue mani

Dopo la sedicesima tappa del suo secondo Tour de France, Vingaard è su un autobus con una maglia gialla sulle spalle per la sua conferenza stampa quotidiana. Le sue risposte sono, come sempre, brevi e professionali, finché non riceve una domanda sul suo allenatore Tim Heemskerk.

“Sono molto felice di lavorare con Tim dal 2019. Per quanto mi riguarda, è uno dei migliori allenatori al mondo”, ha detto il leader di Jumbo-Visma. “Sono sicuro che ti dirà che non ero un professionista quando ho iniziato con questa squadra più di tre anni fa. E da allora ho fatto molti progressi”.

Dopo essersi unito a Jumbo-Visma, Vingaard riceverà un piano pluriennale, come ogni talento. Il suo scopo principale è guidare con molta calma un giovane pilota verso la vetta. “L’abbiamo costruito passo dopo passo in Jonas”, afferma Zeeman. “Fisicamente, mentalmente, in termini di alimentazione, allenamento, programma di gare. Tim ha fatto un ottimo lavoro con Jonas. Ogni anno è stato aggiunto qualcosa in più”.

READ  Ten Hag registra la terza vittoria consecutiva con il Manchester United a Leicester | ADESSO

Vingeard non sarà autorizzato a guidare il suo primo grande giro fino alla fine della sua seconda stagione. Nella Vuelta a España 2020, Zeeman inizia a credere per la prima volta che il danese abbia il potenziale per competere per premi in denaro nelle gare più importanti.

“Prima di questa Vuelta non ero soddisfatto della struttura della sua vita. Il modo in cui si allenava, il modo in cui si preparava alle gare. Alla Vuelta tutto intorno alla gara era organizzato in modo ottimale, così si poteva vederlo migliorare ogni giorno.dodicesima tappa, in vetta all’Alto de l’Angliru, Jonas era già il miglior scalatore, anche se è arrivato quattordicesimo. In quel momento sapevamo di avere l’oro nelle nostre mani.

Jonas Vingaard (a destra) è nel 2020 nella squadra che aiuta Primoz Roglic (a sinistra) alla vittoria della Vuelta.


Jonas Vingaard (a destra) è nel 2020 nella squadra che aiuta Primoz Roglic (a sinistra) alla vittoria della Vuelta.

Jonas Vingaard (a destra) è nel 2020 nella squadra che aiuta Primoz Roglic (a sinistra) alla vittoria della Vuelta.

Foto: Getty Images

Roglic è il primo a prevedere che Vingaard possa vincere il Tour

Nella sua conferenza stampa a due giorni dall’inizio del Tour a Copenaghen, Vingaard ha messo rapidamente fine alle storie che potrebbero sorgere problemi all’interno della Jumbo-Visma tra i due leader della classifica. “Primoz Roglic e io siamo buoni amici”, ha detto. “Ci piace bere una birra insieme.”

Il tre volte vincitore della Vuelta Roglic ha dimostrato di essere un mentore per Vingaard negli ultimi anni. “Primoz è come un padre per Jonas”, dice Maassen. “E’ stato anche il primo a dire ad alta voce che Jonas avrebbe potuto vincere il Tour, al Tour dei Paesi Baschi l’anno scorso. Dev’essere così, ho pensato in quel momento. Ma Primoz aveva ragione. E Jonas potrebbe aver fornito lo slancio decisivo .”

Vingaard finirà secondo nella gara del WorldTour nei Paesi Baschi nell’aprile 2021, un minuto dietro Roglic. Questa performance lo ha aiutato a guadagnare un posto nella selezione del Tour, in sostituzione di Tom Dumoulin. Vingeard inizia come servitore di Roglic, ma dopo la caduta dello sloveno diventa la rivelazione. Il debuttante è arrivato secondo a Parigi, dietro all’insostenibile Tadej Pogacar.

READ  Inter e vicenda Hakimi: cosa succede ora e quando può tornare in campo | Prima pagina

“Ovviamente è stato difficile per Jonas diventare improvvisamente il leader del Tour l’anno scorso”, afferma il pilota Jumbo-Visma Wout van Aert. “Ho cercato di tenerlo calmo durante quelle tre settimane e dargli fiducia. Era uno dei migliori ogni giorno, solo che doveva crederci lui stesso. Quest’anno non è più un problema. È cresciuto davvero molto nell’ultimo anno .”

Secondo Vingaard, questa crescita è principalmente nella parte mentale. “Sapevo dopo il Tour 2021 di avere il livello fisico per competere al top. La differenza con l’anno scorso è che ora ho molta più fiducia in me stesso. Ed è per questo che ora indosso questa fantastica maglia gialla”.

Jonas Vingaard è sul Col du Granon in rotta verso la battaglia decisiva del Tour 2022.


Jonas Vingaard è sul Col du Granon in rotta verso la battaglia decisiva del Tour 2022.

Jonas Vingaard è sul Col du Granon in rotta verso la battaglia decisiva del Tour 2022.

Foto: PAPÀ

La fidanzata e la figlia sono le cose più importanti per Vingaard

Dopo la vittoria di tappa decisiva e spettacolare al Col du Granon nell’undicesima tappa del Tour, Vingaard chiede subito il suo telefono. “Ho subito voluto chiamare mia moglie Trine”, spiega un attimo dopo. “Lei e mia figlia Frida significano tutto per me. Non potrei farcela senza di loro”.

Secondo Zeeman, la moglie di Vingaard, Trine Hansen, gioca un ruolo importante nel successo del danese. “Assicura che Jonas rimane sempre molto calmo. E può mettere in prospettiva il ciclismo e lo sport di alto livello, perché la cosa più importante per lui è che sua moglie e sua figlia stiano bene”.

Questa capacità di mettere le cose in prospettiva ha aiutato Vingaard a far fronte alla pressione della maglia gialla nell’ultima settimana e mezzo. “Ovviamente è molto speciale che io sia il leader del Tour”, ha detto l’ultimo giorno di riposo. “Ma sono abbastanza rilassato al riguardo. Se vinco, vinco. E se non funziona, lo fa anche”.

Il contrasto con il suo nauseante stress nella Ruta del Sol 2019 non potrebbe essere maggiore. “Jonas è riuscito a fare una bella figura con il suo motore Ferrari”, ha detto Maassen. “Puoi solo sognarlo come pilota.”

Tutte le ultime notizie e gli sfondi possono essere trovati nel nostro file del Tour de France

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *