D66 si presenta come il custode della democrazia: applausi alla perdita del FvD | Interno

Il leader del partito Kaag è “cautamente ottimista”, dice poco dopo le undici e mezza. Crede che il suo partito possa mantenere i 602 seggi del consiglio conquistati nel 2018. Stiamo andando bene. È una notte molto eccitante, ma domani ci svegliamo in un altro paese. Questo dice molto che il D66 è in buona forma come partito al governo. la gente vota per un partito che si oppone all’estremismo.

‘Non troppo difficile’

Abbastanza sorprendentemente, gli applausi più forti del Muziekgebouw aan ‘t IJ di Amsterdam sono risuonati all’uscita del ballottaggio metropolitano. Non per il risultato in discussione dello stesso D66, ma per la prevista grossa perdita per FvD. In anticipo, Jan Paternotte, leader del partito D66 alla Camera dei Rappresentanti, aveva invitato i circa 350 partecipanti a “non applaudire troppo forte” se “altri partiti democratici” dovessero perdere.

L’affluenza alle urne nella capitale è stata ancora poco chiara mercoledì sera, l’affluenza alle urne a Rotterdam è stata deludente. “È scioccante”, dice l’ex leader del partito Rob Jetten, che vede come il suo partito non può raddoppiare in un comune come Nieuwegein, pieno di ex residenti di Utrecht, mentre il suo concorrente GL può farlo. Dà una svolta positiva: “Come ministro del clima, non mi dispiace che le persone votino verdi”.

Una partecipazione “preoccupante”.

Kaag definisce anche “preoccupante” la bassa affluenza alle urne. In annunci a tutta pagina, il leader del D66 nei giorni scorsi ha invitato gli elettori a votare per dimostrare quanto sia ancora forte la democrazia. “Ma ora tutte le parti devono iniziare a pensare a come sta andando”, dice. Un colpo attraverso l’arco a cosa dovrebbe produrre questo pensiero? “No, non lo farò.”

READ  Bonus verde 2021 fino a 1800 euro: come fare domanda

Paternotte vede anche punti luminosi. Dopo la modesta vittoria e gli stessi applausi per il suo partito a Nieuwegein, pensa che sia positivo “che i partiti progressisti stiano vincendo”.

Ucraina

“Si tratta di exit poll e sappiamo dal passato che molto può ancora cambiare”, ha affermato l’eurodeputata Sophie in ‘t Veld, che “non vuole speculare ulteriormente”. Ha anche sperato in anticipo in buoni risultati “nelle grandi città, ma anche nelle città più piccole, come in Frisia”, ma soprattutto ha detto di avere “la sensazione” che le persone quest’anno abbiano tenuto la matita in modo più consapevole “a causa dell’Ucraina .

Per Sjoerd Sjoerdsma, queste elezioni municipali sono state le sue seste come responsabile della campagna elettorale e anche le ultime. “Sotto il mio successore o successore, il D66 può salire dal secondo partito nel paese alla posizione di leader”, crede. Come regalo d’addio, dopo tutti questi fine settimana in campagna, la D66 ha in serbo per lei un fine settimana in famiglia. Sjoerdsma: „Penso che sarà l’Efteling, anche se in questi giorni sono più nauseato. Penso che andrò su queste discrete montagne russe di legno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *