Dagli Stati Uniti all’Italia, ai vertici del Vaticano: i documenti esclusivi di Wikileaks sui finanziatori occulti dell’estremismo cattolico in atto

Arrivano al momento giusto. considerando che in Italia e in paesi comeUngheria continuano le guerre politiche e religiose per i diritti della comunità LGBTQi. Al di là 17 mila documenti appena rivelato da WikiLeaks esclusivamente con il fatto Quotidiano, con giornali spagnoli e tedeschi Pubblico e Taz e con la rivista messicana Contralin permettono di aprire una breccia nelle dinamiche interne dell’organizzazione cattolica spagnola ultraconservatrice Fatti sentire e la sua filiale internazionale, CitizenGO, in prima linea contro Comunità LGBTQ, vs eutanasia, Aborto, diritti delle donne.

Hazte Oir e CitizenGO fanno parte della coalizione di associazioni che organizzano questo Congresso Mondiale delle Famiglie (Congresso Mondiale delle Famiglie), tenutosi nel 2019 presso Verona e vista la partecipazione di Matteo salvini. E sono un terreno fertile per i candidati dell’estrema destra spagnola che è il partito Vox. I file documentano in dettaglio e per più di un decennio le relazioni di Hazte Oir con un’intera rete ben nota, che va dalle organizzazioni di destra cattoliche e cristiane a stati Uniti fino agli ultraconservatori russi, come Costantino Malofeev e Alexei Komov.

L’importanza di questi documenti è dovuta anche al fatto che consentono di ricostruire la rete di donatori, dagli Stati Uniti alla Spagna passando per l’Italia, e i rapporti con le più alte sfere del Vaticano e il mondo cattolico che conta. Infine, nel database sono presenti file sulla famigerata organizzazione segreta cattolica l’incudine. il fatto Quotidiano pubblicherò domani l’indagine completa sulla base dei documenti.

“Poiché i gruppi di estrema destra si sono rafforzati negli ultimi anni, con crescenti attacchi ai diritti delle donne e alla comunità LGBT, è importante avere accesso ai documenti su coloro che hanno pressione a loro favore a livello globale. L’opinione pubblica ha il diritto di sapere da dove vengono le scelte politiche “, ha al. Evento quotidiano Giornalista investigativo islandese Kristinn Hrafnsson, direttore di WikiLeaks.

READ  Il presidente del Perù è stato rimosso dall'incarico

L’organizzazione è tornata a pubblicare nonostante il fondatore, Julian Assange, stare nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh una Londra. È lì da aprile 2019, in attesa che le autorità britanniche decidano di estradarlo negli Stati Uniti, dove rischia 175 anni di carcere per aver pubblicato i documenti segreti del governo degli Stati Uniti che hanno autorizzato a rilasciare crimini di guerra e torture. Lo scorso gennaio il giudice inglese Vanessa Baraitser ha negato l’estradizione solo ed esclusivamente sulla base delle sue gravi accuse problemi di salute mentale. Ma gli Stati Uniti hanno presentato ricorso e la prima udienza si terrà la prossima settimana. La vita e la libertà di Julian Assange sono appese a un filo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *