Dal vivo: Festival di Cannes 2023 |  Harrison Ford si asciuga una lacrima: “Ho visto la mia vita passare davanti a me”

Dal vivo: Festival di Cannes 2023 | Harrison Ford si asciuga una lacrima: “Ho visto la mia vita passare davanti a me”

Dal vivo: Festival di Cannes 2023 |  Harrison Ford si asciuga una lacrima: “Ho visto la mia vita passare davanti a me”

Oggi, il primo vero giorno del festival, erano le 10:00. la prima mondiale al mattino città affollata. Era uno “spettacolo chiuso”, ma quando ho controllato cinque minuti prima dell’inizio per vedere se c’erano ancora dei biglietti, sono riuscito a entrare. Prima dell’inizio, il direttore del festival Thierry Frémaux ha ricordato il 2008, quando il primo lungometraggio di Steve McQueen affamato nella seconda competizione è stato proiettato Un Certain Regard – che alla fine ha ricevuto la Caméra d’or, il premio per la migliore opera prima, e il Premio Fipresci, il premio della critica cinematografica internazionale.

Per questo, ha annunciato Steve McQueen, che ha fatto un doppio salto mortale al microfono mentre entrava sul palco. “Sono stato qui quindici anni fa con Thierry e Michael Fassbender; è caduta una lacrima, è stato bellissimo”, ha detto il regista britannico di Amsterdam. “La prima volta è sempre la migliore. È stato così speciale… Ho detto a Thierry: la prossima volta alla competizione per la Palma d’Oro, ma indovina un po’, non è successo. Mai, peccato. Ma è andata così, ce lo siamo tenuti per noi, vero Thierry?”

Ha poi presentato sua moglie Bianca Stigter e il produttore Floor Onrust (“Unrest”), dopo di che Onrust ha presentato il resto della troupe presente. “Era così”, ha detto McQueen, ma Frémaux aveva un’altra domanda: “Questa città, Amsterdam, è la tua città, vero?” “Esatto”, ha risposto McQueen. “Vivo lì da 27 anni ormai. “Ed era per questo che volevi fare questo film?” allora Frémaux volle sapere. “Come artista e regista, i soggetti a volte sono letteralmente a portata di mano. Non devi sempre viaggiare lontano per vedere qualcosa di nuovo. Questa storia era letteralmente in palio. Allora eccoci qua: città affollata.”

READ  “Era ora di cercare altrove. Ricci non voleva vedere l'episodio dell'addio "

Diversi servizi igienici nella hall
Va benegrazie mólto, disse Frémaux, ma era McQueen che intendeva qualcos’altro. “Mi scuso, ma ho un annuncio molto importante: il film durerà quattro ore e mezza e ci sarà un intervallo di 15 minuti. Ci sono servizi igienici su entrambi i lati della sala e tre all’esterno della sala; uno a sinistra e due a destra. Grazie.” McQueen e Onrust erano lì, gesticolando come commissari di bordo e hostess che segnalano le uscite di emergenza.

Poi è arrivato il momento per città affollata (Nei Paesi Bassi, il film uscirà come La città frenetica, con voce fuori campo in olandese). È una meravigliosa evocazione, in cui le storie di traditori ed eroi di guerra di Stigter sono illustrate da immagini contemporanee dei luoghi evocati. Sono splendidamente girati da Lennert Hillege, e anche il montaggio di Xander Nijsten, che ha compresso 130 ore di film in un insieme ritmico, merita un elogio. Non un secondo di troppo, comunque; le storie penetranti giustificano pienamente la lunghezza.

Sputare sui giornalisti
La transizione è stata fantastica, ma dopo città affollata Ho dovuto andare rapidamente alla conferenza stampa di Giovanna di Barry. La prima fila era completamente chiusa, cosa che non avevo mai sperimentato a Cannes. Forse era per non aggredire Johnny Depp, ha suggerito qualcuno – del resto, la notte della premiere, c’era già stata una protesta contro il suo arrivo. Forse era così che Maïwenn non potesse sputare sui giornalisti, ha scherzato qualcun altro. “Ordini dall’alto”, ha riferito la signora della stampa.

Dopo un quarto d’ora, Didier Allouch, che era stato assunto per dirigere la conferenza stampa, ha cominciato a scusarsi in modo sempre più dettagliato, in francese e in inglese. Ci sono quasi. Sono così lì che ne dici di un po’ di pulizie? Dopo venti minuti buoni, ha annunciato che la conferenza stampa sarebbe iniziata, ma senza Johnny Depp. Le prime domande erano per Maïwenn. Disse, tra l’altro, che aveva preso in considerazione anche attori francesi per il ruolo di Luigi XV, ma non potevano o non volevano e poiché doveva avere un attore, alla fine non decisero. uno attore sexy.

READ  Come hanno vissuto insieme le famiglie Geurts e Mensing il loro viaggio Even Away? - Io lascio

Di nuovo Depp
Dopo quaranta minuti, Depp è entrato contro ogni previsione. E non vedeva l’ora. Loda Maïwenn per aver osato sconfiggere Luigi XV con a hillbilly dal Kentucky giocare, e ha parlato dolcemente della sua lezione di francese (“La mia insegnante di francese mi ha fatto fare le facce più strane, ma la amo ancora”) e delle storie su di lei: “La maggior parte degli ultimi cinque scritti su di me nei media per anni è fantasticamente orribile finzione scritta. Depp non vede la sua presenza a Cannes come un ritorno. “Vivo a 45 minuti da qui. Sì, le persone hanno smesso di chiamarmi a un certo punto, ma non sono stato da nessuna parte. Il ritorno mi sembra di dover mettermi alla prova qui, come se dovessi ballare un po’ per te e sperare che ti piaccia. È uno strano mistero”.

Oh sì, ho visto anche altri film: Anselmo è uno speciale documentario in 3D del veterano tedesco Wim Wenders (che vinse la Palma d’Oro nel 1984 con ParigiTexas) sul grande artista megalomane (e compatriota) Anselm Kiefer. La giornata si è conclusa con Capriccio del maestro giapponese Hirokazu Kore-eda (palma d’oro 2018 con Taccheggiatori; era l’anno scorso Broker ancora da vedere a Cannes), un tenero incrocio tra Rashmon, Caccia E Chiudere. A proposito, la giornata è iniziata con alcune lunghezze di crawl nel Mar Mediterraneo, quindi non poteva essere andata male.

AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *