Delegazione governativa ai Mondiali in Qatar?  L’argomento caldo è sempre rimandato

Delegazione governativa ai Mondiali in Qatar? L’argomento caldo è sempre rimandato

PAPÀ

Calcio NOSTRO

Sette settimane prima dell’inizio dei Mondiali, non è noto se i Paesi Bassi invieranno una delegazione governativa in Qatar. La decisione di inviare al torneo funzionari del governo o del re sembra rimandata all’ultimo minuto. Perché è questo comunque?

“Ora bisogna prendere una decisione. Siamo appena prima di questo torneo. Quanto tempo vuoi aspettare?”, ha detto il deputato dell’SP Jasper van Dijk. Essendo una delle voci politiche più forti, sta cercando di convincere il primo ministro Mark Rutte e i suoi soci a mostrare colore.

Mercoledì, durante un dibattito in commissione, ha riprovato. Invano. Secondo Liesje Schreinemacher, ministro del Commercio estero e della cooperazione allo sviluppo, una decisione del gabinetto è ancora all’esame.

Schreinemacher promette che il problema sarà affrontato “il prima possibile” e lascia loro suggerire cosa ne pensa lei stessa. “Se non andassimo ora, saremmo soli nel boicottaggio del Mondiale”.

Il ministro sulla delegazione del Qatar ai Mondiali: “Se non vai non riesci a gestire il dialogo”

Van Dijk ha ascoltato il ministro con le dita dei piedi storti. Se dipenderà da lui, il governo starà lontano dal torneo che inizierà domenica 20 novembre.

Indica una mozione approvata a maggioranza dalla Camera l’anno scorso, chiedendo che nessuno venga inviato a nome del governo. Ad oggi, la richiesta del parlamento rimane senza risposta.

duro come il vetro

“Trovo fastidioso che il cabinet sia così poco chiaro”, afferma Lisa Westerveld a nome di GroenLinks. È sostenuta dal membro dei D66 Sjoerd Sjoerdsma, che definisce il veto della Camera “duro come il cristallo” e afferma che nessun membro del governo dovrebbe essere autorizzato a partecipare alla Coppa del Mondo “a causa delle gravi violazioni dei diritti umani” nella costruzione degli stadi. .

READ  Mourinho: "Rui Patricio, Smalling e Mkhitaryan riposeranno al CSKA Sofia" - Forzaroma.info - Notizie As Roma calcio - Interviste, foto e video

All’interno della coalizione, le opinioni sono divise sul boicottaggio. Il partito al potere VVD pensa che una delegazione governativa dovrebbe visitare il Qatar. Rudmer Heerema, deputato VVD: “È meglio essere lì, perché così puoi partecipare alla discussione e sollevare questioni”.

La cooperazione e il dialogo con il Qatar sono necessari alla luce di una serie di altre questioni che toccano gli interessi dei Paesi Bassi.

Wopke Hoekstra, ministro degli Affari esteri

Il tema caldo è stato più volte sollevato da vari ministri negli ultimi mesi. Quando è stato chiesto di prendere posizione su un boicottaggio, Rutte e i suoi associati hanno risposto per lo più in modo diplomatico.

“Ne parleremo ancora”, ha risposto il primo ministro Rutte nell’aprile di quest’anno. “Prendiamo sempre una decisione del genere a seconda della situazione in tale paese”.

Cooperazione e dialogo

Wopke Hoekstra, ministro degli Affari esteri, non si è lasciato indagare. A maggio, ha dichiarato alla Camera che il governo stava optando per “cooperazione e dialogo” con il Qatar per apportare miglioramenti alle riforme del lavoro. “È necessario alla luce di una serie di altri dossier che ledono gli interessi dei Paesi Bassi”.

Gli altri fascicoli cui fa riferimento Hoekstra sono di natura politico-strategica. Secondo l’azienda, il Qatar ha svolto un “ruolo critico” nel trasferimento sicuro di persone dall’Afghanistan quando i talebani hanno preso il potere lì. Lo Stato petrolifero ha anche un importante ruolo futuro per le importazioni di energia.

Per ora Rutte IV sta optando per il percorso “costruttivamente critico” nei confronti del Qatar. È meglio parlare e collaborare che non presentarsi e criticare a distanza. Questo atteggiamento si può osservare anche all’estero. Nessun governo di un Paese partecipante ai Mondiali ha ancora denunciato un boicottaggio.

Tuttavia, i principali sponsor della nazionale olandese, come KPN, ING e Albert Heijn, lo hanno fatto. Hanno annunciato che non si sarebbero recati in Qatar a causa della situazione dei diritti umani.

“Speriamo che venga annunciato poco prima dell’inizio del torneo se ci sarà una delegazione”, ha affermato Ruud Bosgraaf di Amnesty International. “Qualcosa del genere è successo ai Giochi invernali di Pechino all’inizio di quest’anno. È ovviamente una patata politica bollente”.

Quando un ministro va al torneo, non deve semplicemente sedersi sugli spalti con una sciarpa arancione.

Amnesty International

Secondo Amnesty, boicottare la Coppa del Mondo non è necessariamente un bene o un male. Ma nel prossimo futuro, l’organizzazione per i diritti umani spera in un governo che sarà più esplicito di quello attuale.

sciarpa arancione

“Se un ministro va al torneo, non dovrebbe sedersi sugli spalti con una sciarpa arancione”, conclude Bosgraaf. “Se dipende da noi, dovrebbe essere pubblico? il fondo di compensazione Indirizzo. In caso contrario, permetterai a te stesso di essere maltrattato per scopi di pubbliche relazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *