La più grande ricerca al mondo sulla cultura sportiva ad alte prestazioni

La più grande ricerca al mondo sulla cultura sportiva ad alte prestazioni

Hockey su ghiaccio, judo, pallavolo e ciclismo. Si tratta del primo degli sport 20-24 in cui si svolgerà un’ampia e approfondita ricerca sulla cultura sportiva di alto livello. Lo hanno affermato mercoledì pomeriggio il professore di sport e diritto Marjan Olfers (VU) e il criminologo Anton van Wijk durante un incontro a Utrecht, dove hanno spiegato per la prima volta come la loro ricerca.

Questo è il più grande studio al mondo sulla cultura sportiva d’élite, ed è solo all’inizio. Mai prima d’ora un paese ha esaminato così a fondo come è organizzato lo sport di alto livello e quali sono le implicazioni per atleti, allenatori, medici sportivi e altre parti interessate.

L’obiettivo è presentare questionari standardizzati a centinaia, se non migliaia, di atleti. Si tratta di elenchi di una ventina di pagine, il completamento può richiedere fino a quaranta minuti. Le questioni vanno dal modo in cui viene fornita la formazione alla supervisione medica e ai finanziamenti per lo sport. Inoltre, i ricercatori parleranno ampiamente con atleti, allenatori e altre parti interessate e visiteranno sessioni di allenamento, competizioni e tornei. “Vogliamo ridefinire una sana cultura sportiva d’élite. Non è mai stato fatto prima”, afferma Marjan Olfers.

Nessun comportamento trasgressivo

L’inchiesta è stata decisa lo scorso anno, quando gli abusi nel mondo della ginnastica sono arrivati ​​alla Camera dei Rappresentanti e il segretario di Stato Paul Blokhuis (ChristenUnie) ha promesso che tutto lo sport di alto livello sarebbe stato esaminato. Il ministero sta fornendo 220.000 euro quest’anno e 440.000 euro l’anno prossimo.

In ginnastica, le cose erano andate terribilmente male per anni. Le ragazze sono state maltrattate fisicamente e mentalmente, la cultura si è rivelata così orientata alle prestazioni che la dignità umana è passata in secondo piano. Le ragazze venivano costantemente pesate da alcuni allenatori, a volte rimproverate se erano in sovrappeso agli occhi dell’allenatore. Un’ex ginnasta ha detto che lei andò a vivere con il suo allenatore e ha continuato a monitorare il suo ciclo mestruale, poiché avrebbe influenzato le sue prestazioni.

READ  I finanzieri delle proteste per il clima spesso si rivelano gli eredi dei miliardari del petrolio: "Ha a che fare con il potere"

Questo ricercare Chi ha seguito gli abusi nel mondo della ginnastica è anche quello che molti sanno di Olfers e Van Wijk. Hanno scritto il rapporto di ricerca con la loro agenzia di ricerca Verinorm nell’aprile dello scorso anno Scaffali irregolari, con cui hanno esposto la cultura malata nella ginnastica di alto livello. Ora stanno anche indagando sugli abusi nel mondo della danza.

Quando gli atleti riferiscono, lo trasmettiamo all’organismo che può indagare sul loro caso

Tuttavia, vogliono sottolineare che la ricerca sulla cultura sportiva di alto livello nei Paesi Bassi non riguarda comportamenti che attraversano i confini. Olfers: “È davvero un tipo di ricerca completamente diverso. Per noi è una questione di cultura: non siamo qui per indagare sui comportamenti transfrontalieri all’interno dei sindacati o di allenatori specifici. Il collega Anton van Wijk: “Se indaghi sul comportamento transfrontaliero, è reattivo, perché sono state ricevute segnalazioni. Questa ricerca è proattiva: cos’è una sana cultura sportiva di alto livello?

Sembra difficile separare i due argomenti. Soprattutto nella ginnastica, il comportamento trasgressivo era possibile a causa della cultura prevalente lì, iniziata dall’arrivo di allenatori dall’Europa orientale nei Paesi Bassi negli anni ’80. il triathlon c’era una cultura che permetteva che gli abusi avvenissero per anni. Lo stesso valeva per la squadra di hockey femminile: lì, la cultura della performance sotto la guida dell’allenatore Alyson Annan era così dura che gli atleti venivano sminuiti.

Leggi anche: questo documento di ricerca NRC su Cultura come parte della squadra di hockey femminile di successo

Olfers: “Certo, guardiamo ai comportamenti indesiderati se sono il risultato di una cultura sportiva di alto livello. Nel judo, ad esempio, che studiamo, ci sono stati segnali di comportamento trasgressivo: vogliamo sapere fino a che punto la cultura sia la causa. Ma se i singoli atleti ci segnalano perché hanno subito comportamenti indesiderabili, li indirizzeremo a un’agenzia che può indagarli.

READ  Alla scoperta dello spazio interstellare

Ritardo

È stato formato un grande team per mantenere l’equilibrio nella ricerca e garantire che venga svolto un lavoro scientificamente puro. I ricercatori di Verinorm lavorano insieme, tra gli altri, alla Hogeschool Utrecht e al Knowledge Center for Sport and Exercise, e c’è una sorta di consiglio di sorveglianza composto da scienziati di sociologia, metodologia, pedagogia e psicologia.

Non è del tutto casuale l’inizio dell’hockey su ghiaccio, del judo, della pallavolo e del ciclismo. Si tratta di sport collettivi e individuali, outdoor o indoor, tutti organizzati e finanziati in modo molto diverso. Di conseguenza, i ricercatori sperano di scoprire immediatamente le differenze nella cultura di questi sport specifici. Non si sa ancora quali sport seguiranno. Molto probabilmente verrà pubblicato un rapporto individuale per ogni sport studiato, con un ampio rapporto alla fine sulla cultura sportiva più importante nei Paesi Bassi. “Poi infiliamo lo spiedo in tutti questi rapporti e possiamo trarre alcune conclusioni generali”, afferma Olfers.

Le conclusioni potrebbero essere molto ampie, affermano i ricercatori. È importante che gli atleti si allenino centralmente nel centro sportivo all’avanguardia di Papendal? I grandi team di vendita hanno molta influenza sulla cultura? Esistono metodi di allenamento che creano condizioni tossiche o molto piacevoli? Cosa fa a uno sport se la partecipazione alle Olimpiadi è consentita in giovane età? Ci sono differenze culturali tra gli sport indoor e quelli outdoor? Tra sport di squadra e sport individuale? Cosa succede a un paese in cui una medaglia d’oro è considerata la più alta ambizione sportiva?

Ricerca ambiziosa

In precedenza, Olfers aveva anche studiato la cultura del ciclismo e gli eventi che circondano Michael Rasmussen, il corridore danese della Rabobank che è stato espulso dal Tour 2007 e dopato. Olfers: “Poi ho notato quanto fosse incredibilmente individualista il mondo del ciclismo. Mi chiedo se ora è diverso. Ad ogni modo, sono molto curioso dei risultati.

READ  Da una montagna di segnali vaghi, l'IA può dedurre che la Terra sta diventando pericolosa

È uno studio ambizioso, come concordano Olfers e Van Wijk. L’intenzione era in realtà che i primi sottostudi fossero già pronti, ma c’è “un certo ritardo” perché il disegno della ricerca non era ancora pronto. In ogni caso, i ricercatori sperano di aver completato i rapporti parziali sui primi quattro studi entro il prossimo anno.

Può anche fallire? “Lo stai chiedendo alla persona sbagliata”, ride Van Wijk. Olfers: „Gli atleti e gli allenatori devono ovviamente partecipare, abbiamo bisogno di quante più persone possibile ci parlino e riempiano i questionari. Ma questa ricerca è molto importante per lo sport: non la lascerò fallire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *