Difensore ambientale ucciso ogni due giorni: ‘Raramente si trovano colpevoli’ | All’estero

Il numero delle uccisioni di difensori ambientali è in aumento. Un ambientalista è stato ucciso ogni due giorni in tutto il mondo negli ultimi dieci anni. Lo afferma un rapporto dell’organizzazione britannica per i diritti umani Global Witness.

Dal 2012, più di 1.700 attivisti sono stati uccisi nella loro lotta per proteggere la terra, le foreste e l’acqua dal disboscamento illegale, dall’estrazione mineraria o dall’agricoltura industriale. Più della metà degli omicidi sono stati commessi in Brasile, Colombia e Filippine negli ultimi dieci anni, secondo il Rapporto di testimonianza globale.

“Questi omicidi continuano a verificarsi nel contesto di una più ampia gamma di minacce contro gli ambientalisti”, ha scritto l’organizzazione nel rapporto. “Le vittime sono il bersaglio delle azioni del governo, delle società e di altri gruppi, che usano la violenza, l’intimidazione, la diffamazione e la criminalizzazione per raggiungere i loro obiettivi”.

L’anno scorso sono stati uccisi duecento difensori ambientali, tre quarti dei quali in America Latina. Il Messico guida con 54 omicidi, seguito da Colombia (33), Brasile (26), Filippine (19) e Nicaragua (15).

Materie prime

Le comunità indigene sono le principali vittime, con quasi il 40% degli omicidi. “In tutto il mondo sono necessarie sempre più materie prime”, afferma Elske Swets dell’organizzazione per la natura IUCN NL. “Non vengono estratti in modo sostenibile, come nelle miniere. In particolare, le aree in cui vivono le comunità indigene sono ricche di risorse e biodiversità. Saranno quindi i più colpiti. »

Un ranger della Riserva Virunga in Congo, dove gli animali sono minacciati dai bracconieri. Diversi ranger del parco sono stati uccisi negli ultimi anni. © AP

In molti casi, si tratta di una disputa sulla terra su quali aziende o governi vogliono forzare il disboscamento o l’estrazione mineraria. Ma anche le bande criminali e i bracconieri sono colpevoli. Ad esempio, otto ranger del parco della Riserva Naturale di Virunga sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco nella Repubblica Democratica del Congo.

Gli interessi sono spesso grandi. Ad esempio, l’indagine Global Witness ha rilevato che il 40% delle uccisioni di difensori ambientali in Messico ha coinvolto le autorità locali. Solo in due della dozzina di omicidi un sospetto è apparso in tribunale. Swets: ,, Riguarda spesso gruppi paramilitari, esercito, polizia, agenti di sicurezza privati ​​o persone legate al governo. Raramente gli autori vengono trovati o condannati.

Realizzato

Dieci anni fa, Willem Geertman fu assassinato nelle Filippine. Geertman vive nel paese da più di quarant’anni, aiutando agricoltori, tribù e gruppi ambientalisti nella loro lotta contro la potente industria mineraria. L’allora 67enne olandese è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in pieno giorno fuori dal suo ufficio ad Angeles City, dopo essere stato costretto a inginocchiarsi. “È stato giustiziato per aver calpestato i piedi ricchi e lunghi”, ha detto. disse suo fratello Herman cinque anni fa contro questo sito.

All'inizio di luglio 2012, l'attivista ambientale olandese Willem Geertman è stato assassinato nelle Filippine.

All’inizio di luglio 2012, l’attivista ambientale olandese Willem Geertman è stato assassinato nelle Filippine.

Per molto tempo le autorità filippine lo hanno definito un “omicidio con furto” perché gli autori hanno sottratto migliaia di euro che Geertman aveva recentemente ritirato dalla banca. Ma i parenti e le organizzazioni per la conservazione della natura parlano di un “omicidio politico”. Alla fine, uno degli assassini è stato condannato all’ergastolo. Gli altri due aggressori non sono mai stati trovati.

Altri Interessi

“Posso conviverci”, dice ora Herman Geertman. “Quello che trovo più terribile è che non abbiamo ricevuto alcun aiuto dal governo olandese. Probabilmente ci sono altri interessi in gioco. Mio fratello è morto, ma non dovrebbe mai essere considerato normale che le persone che rischiano la vita per la natura vengano massacrate. “

I numeri effettivi sono probabilmente molto più alti. “Molti omicidi non vengono registrati”, dice Swets. “E oltre alle uccisioni, ci sono anche altri fastidiosi incidenti che coinvolgono ambientalisti, come le minacce”.


Preventivo

Quello che trovo più terribile è che non abbiamo ricevuto alcun aiuto dal governo olandese

Herman Geertman, fratello dell’assassinato Willem (67 anni)

Secondo Global Witness, i numeri effettivi sono ancora più alti e il pericolo per i difensori ambientali è solo in aumento. “Con lo scoppio della guerra in Ucraina, il mondo sta cercando di aumentare lo sfruttamento dei combustibili fossili in molti luoghi”, spiegano i ricercatori. “Questo minaccia di creare situazioni ancora più conflittuali con gli attivisti ambientali”.

IUCN NL sta lavorando a un sistema di registrazione, formazione sulla sicurezza e documentazione delle prove nei procedimenti penali. L’organizzazione dispone anche di un fondo di emergenza, in modo che i difensori ambientali possano essere immediatamente portati in salvo e beneficiare dell’assistenza legale.

READ  La Russia schiererebbe bombe a grappolo e sottovuoto, ma cosa sono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.