dosi immediatamente ai medici di base. Come funziona il farmaco monodose

Sulle poltroncine, nell’avenue de l’Audotorium, che è diventato il centro vaccino oggi, come sempre, aspettano la loro dose di anti-Covid decine di anziani, tranquilli, fiduciosi, che possono finalmente farsi vaccinare. E tutto funziona in questo hub. Il vaccino è Moderno, due dosi, e non appena arriverà la notizia che dal 16 aprile in Italia sarà possibile fare anche il Johnson & johnson, alcuni di loro dicono: “Ah, dannazione, se facessi il vaccino un po ‘più tardi, potrei farlo, che è una singola dose, e mi sbarazzerei di quel pensiero tutto in una volta.” Ma ehi, l’importante è che le vaccinazioni continuino e che debbano essere inviate sempre di più. Il 16 aprile il J&J sbarcherà anche in Italia, saranno i medici di base a farlo per primi. E c’è grande attesa, e assoluta fiducia, per questa novitàCovid che è risultato essere efficace al 67%.


Vaccini, Curcio: “Siamo in guerra, servono regole di guerra”. E il sopralluogo del mercoledì in Lombardia

Vaccino monodose

È il primo vaccino monodose autorizzato nell’Unione Europea (tramite l’EMA) e in poche settimane “oltre aAstraZeneca J&J può essere somministrato anche in farmacia “, secondo il Sottosegretario alla Salute, Andrea Costa. Il tipo di vaccino che potrà essere somministrato in farmacia sarà infatti quello che potrà avere un’adeguata conservazione nei confronti del freddo in particolare. Il vaccino Pfizer, ad esempio, ha metodi di conservazione più complicati. Quella di Johnson & Johnson, che dopo l’approvazione dell’EMA ha ricevuto il via libera dall’ente regolatorio italiano Aifa, certamente “è un vaccino gestibile”. Il fatto che possa essere utilizzato come dose singola, almeno a questo punto della campagna di vaccinazione pandemica, è utile e renderà le cose più facili. Può essere conservato in frigorifero, quindi sarà di grande aiuto per raggiungere la popolazione. È certamente un’opzione gradita ”, afferma Marco Cavaleri, responsabile della strategia sui vaccini dell’EMA.

READ  scadenza, chi paga e calcolo. Istruzioni AdE

Nei territori

Le Regioni, alcune delle quali come la Campania spingono per lo Sputnik russo, appena arrivata la data certa dell’arrivo di J&J, si sono subito mobilitate per avere quante più dosi possibili di questo vaccino che è il quarto – dopo quelle di Pfizer -BioNTech, Moderna e AstraZeneca – per essere stato approvato dall’EMA e che ha ricevuto il via libera anche dal regolatore italiano Aifa. E non solo nel centro vaccinazioni dell’Auditorium ma anche in altri qui a Roma, ora che è arrivata la notizia dell’arrivo sicuro il 16 aprile, gli anziani, un po ‘per curiosità, un po’ pensando ad amici o parenti che magari questo vaccino farà. , iniziano ad essere compulsivi sul cellulare – almeno le informazioni cliniche più geniali su J&J. E leggono cose del genere.

Caratteristiche e produzione

È un vaccino costituito da un adenovirus modificato per contenere il gene per la produzione della proteina Spike di Sars-CoV-2. Una volta somministrato il vaccino, questa proteina stimolerà il sistema immunitario a produrre anticorpi e attiverà i globuli bianchi per bersagliarlo. L’adenovirus contenuto nel vaccino non può riprodursi e non causa malattie. In Italia Catalent produrrà il vaccino nello stabilimento di Anagni a Frosinone. L’accordo con l’azienda Janssen prevede l’arrivo di 7.307.292 dosi tra aprile e giugno, 15.943.184 dosi previste per il terzo trimestre e 3.321.497 quelle per l’ultimo trimestre del 2021. Il vaccino J&J è facilmente conservabile in frigorifero essendo monodose questo semplificherà e accelererà la campagna di vaccinazione.

“È un vaccino monodose – spiegano in queste ore infermieri e medici che entro il 16 aprile lo ripeteranno innumerevoli volte – e per questo non è più consigliato a chi soffre di allergie o di problemi”. Mentre J&J ha dimostrato una riduzione del 67% della malattia Covid-19 sintomatica, i dati hanno anche dimostrato che il vaccino è efficace all’85% nel prevenire malattie gravi. Sebbene non abbia valori alti come Pfizer, che raggiunge il 95%, J&J ha le qualità di facilità di archiviazione e velocità di amministrazione.

READ  Riforma Irpef, modello tedesco, semplificazione ed equità: la ricetta del CNDCEC

Così ora che la data di arrivo è diventata ufficiale, il commissario straordinario per la campagna di vaccinazioni, il generale Figliolo, è particolarmente felice e sia a Palazzo Chigi che al Ministero della Salute, da Draghi a Speranza, c’è la consapevolezza di avere un’altra arma. nella battaglia perché il 16 aprile si avvicina velocemente e l’obiettivo dell’immunità collettiva, ancora lontano, si avvicinerà gradualmente con quattro vaccini a terra e milioni di dosi da sparare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *