Due fratelli contadini: uno come Dio in America, l’altro fatica a Keldonk

Vent’anni fa, l’allevatore di latte Teun Verhoeven (54) lasciò Keldonk per l’Ohio negli Stati Uniti. Suo fratello Marcel (53) è rimasto nel caseificio dei suoi genitori. In questo momento, il contrasto tra le due vite nella fattoria è enorme. “Qui, alcuni ci vedono come inquinatori ambientali e abusatori di animali”, afferma Marcel. “In America, sono orgogliosi dei loro agricoltori”, osserva Teun.

Madre Tiny Verhoeven (79) vede le differenze tra i suoi due figli crescere da Keldonk. “Penso che la situazione per gli agricoltori olandesi sia preoccupante. Il loro futuro è diventato così incerto qui. Mio figlio Marcel a Keldonk sta lottando tre volte più duramente dell’altro mio figlio in America”.

“Qui tutto è battaglia: permessi, eccedenze di letame, quote latte.

A Marcel piace la reazione di sua madre. “È soprattutto la pressione normativa che rende l’agricoltura qui sempre più difficile e meno divertente. Tutto è una battaglia: permessi, letame, quota latte, tutto è una battaglia”.

La differenza con l’Ohio, Contea di Madison, è davvero grande. Mentre Marcel possiede 130 mucche a Keldonk, suo fratello Teun ne possiede circa 2000. Teun ha 33 dipendenti, Marcel gestisce l’attività da solo. “E non mi dispiace essere pronto sette giorni su sette, 24 ore su 24. Lo faccio con amore. Il fatto che guadagni sotto la media con questo duro lavoro da dieci anni è positivo. Che anche i contadini siano visto come un post di piscio lo rende ancora più doloroso”.

“Vengo pagato per il mio letame qui invece di costarmi denaro.”

Dall’Ohio, Teun dice che emigrare è stata la decisione migliore che abbia mai preso. “Andare via fa male. All’inizio è stato difficile, perché qui si applicano regole diverse da quelle a cui sei abituato, ma dopo cinque anni avevo trovato la mia strada. La differenza è principalmente nello spazio. “L’Ohio ha undici milioni di persone ed è tre volte più dimensione dei Paesi Bassi, ciò che chiamano qui densamente popolato.

READ  Anouk: "Benissimo che parli Ellen ten Damme, Ali B ha bisogno di terapia" | Affiggere

“Qui non hanno problemi di azoto”, continua Teun allegramente. “In effetti, qui vengo pagato per il mio letame che gli agricoltori usano per coltivare i loro raccolti. Nei Paesi Bassi devi pagare per il trattamento del tuo letame in eccesso”.

“Spero di poter prendere io stesso la decisione di smettere di coltivare”.

“Ovviamente ho anche pensato di emigrare”, dice Marcel della sua stalla a Keldonk. “Non volevo rinunciare alla mia vita olandese. Non ho intenzione di guardare indietro. Ho preso questa decisione con le conoscenze che avevo all’epoca. Non consiglierò alle mie figlie di rilevare l’attività agricola . . Questo rende difficile investire nel futuro. Soprattutto spero di poter decidere da solo di interrompere l’attività e di non doverlo fare”.

La vita contadina in Ohio sorride alla famiglia Verhoeven. I due figli di Teun sono già pienamente coinvolti negli affari. “L’ho visto accadere negli anni ’80 con la legge sul letame e poi le direttive sui nitrati. In seguito è solo peggiorato”. Spera che gli olandesi dimostreranno comprensione nei confronti dei loro agricoltori e che ci saranno prospettive per il futuro.

“Sarebbe bello se i Paesi Bassi fossero di nuovo orgogliosi dei suoi agricoltori”.

A Keldonk, l’agricoltore Marcel si meraviglia di come il mondo vede gli agricoltori olandesi. “C’è paura all’estero. Qui innoviamo, siamo un esempio di come si può produrre in modo efficiente e pulito. Il resto del mondo ne fa un uso grato. Sarebbe bello se i Paesi Bassi fossero di nuovo orgogliosi dei loro agricoltori e non di noi… come mezzi criminali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.