Due uomini ritenuti colpevoli di aver minacciato Akwasi: “Ti spareranno” |  Affiggere

Due uomini ritenuti colpevoli di aver minacciato Akwasi: “Ti spareranno” | Affiggere

Due uomini che hanno minacciato di morte Akwasi nell’estate del 2020 devono rimborsare il costo del sistema di allarme che l’artista ha acquistato in risposta alle minacce.

Bisogna pagare anche il conto della sicurezza che ha accompagnato Akwasi alle esibizioni nelle settimane successive alle minacce. Inoltre, i minatori ricevono un’ordinanza di servizio civile rispettivamente di 30 e 20 ore e devono essere risarciti 1000 euro di danni. Questo è quanto ha deciso giovedì il giudice.

Dopo il suo discorso durante la protesta di Black Lives Matter in Piazza Dam il 1 giugno 2020, Akwasi ha ricevuto centinaia di reazioni minacciose e razziste. Il pubblico ministero ha potuto risalire all’identità e al luogo di residenza solo di due mittenti: uno stuccatore di Amsterdam e un meccanico di Everdingen.

Entrambi i sospettati hanno confessato alla polizia e si sono scusati. Tuttavia, non erano presenti all’udienza. Akwasi era presente e ha raccontato come le minacce abbiano colpito lui e la sua famiglia. “Sono sempre in guardia. Non riesco a dormire se non ho attivato il mio sistema di allarme.

“Cane tifoide”

Lo stuccatore aveva inviato la sua e-mail una settimana dopo la dimostrazione. “Akwasi, stai lontano dal nostro paese, o tu stesso andrai in Spagna nel sacco”, ha scritto, tra le altre cose. “Ti prego, perché credimi, stai per morire, sporco tifo.” E, riferendosi al discorso di Akwasi sull’impatto del passato coloniale: “Dopo la schiavitù, nessun negro ha funzionato.

Il secondo sospetto era stato notevolmente più breve nella sostanza. In un post di Facebook sulla nuova casa di Akwasi a Weesp, il meccanico aveva lasciato la risposta: “Basta appendere una bomba a mano alla porta. Il giudice l’ha preso sul serio, soprattutto perché l’indirizzo dell’artista e le foto della sua casa erano inseriti nello stesso messaggio.

READ  SERKAN rivela un segreto a EDA

“Azione sconsiderata”

Sedizione, ha notato il giudice, che ha anche fatto riferimento a una lettera minacciosa con una pallottola che l’artista aveva trovato sullo zerbino poche settimane dopo. “La causa non può essere provata, ma il sospettato potrebbe aver fatto riflettere altri con il suo commento”.

Anche il meccanico era assente dalla seduta, ma ha comunque inviato una mail alla procura per scusarsi. “È stata una decisione avventata durante la pausa pranzo”. Ha anche indicato che ha lottato con tutti i suggerimenti sui social media e che intendeva dedicarci meno tempo.

All’epoca, il discorso di piazza Dam ha anche acceso una denuncia contro Akwasi, che ha concluso la sua storia con la promessa di “tagliare in faccia il prossimo Zwarte Piet” di persona. Questo caso non ha portato ad un procedimento giudiziario. L’artista si è scusato pubblicamente per la sua affermazione “super stupida”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *