“È come fargli fare brutti scherzi”

“È come fargli fare brutti scherzi”

Non dovrebbero più essere creati programmi che coinvolgono persone con sindrome di Down. È stato ieri sera HLF8 Parlare di. Dopo la trasmissione di Lo spettacolo serale con Arjen Lubach la scorsa settimana c’è molto da fare.

“Molte volte è molto dolce e carino ed è vicino anche al mio cuore, ma ci sono anche critiche”, ha detto HLF8il presentatore Johnny de Mol, che dalla scorsa settimana, dopo alcuni mesi movimentati restituito nel talk show di SBS6. Programmi in cui le persone con sindrome di Down, spesso accompagnate da celebrità, fanno paracadutismo, cucinano o viaggiano vengono esaminate.

Critico

In questi programmi, sembra che le persone con sindrome di Down siano solo felici e felici: “Adesso è solo intrattenimento, e non si tratta più degli svantaggi di avere la sindrome di Down”, ha detto Arjen Lubach in precedenza nel suo programma.

L’ex direttore del programma SBS6 Tina Nijkamp capisce molto bene che ci sono critiche. Ha partecipato al programma in passato Abbasso Johnnyin cui l’adesso HLF8il presentatore Johnny de Mol ha frequentato persone con sindrome di Down. “Riguardava molto le persone stesse, ma in seguito è diventato sempre più formattato”. In questo momento lo è lungo la strada in onda, in cui le persone con sindrome di Down “hanno spinto i propri limiti” sotto la direzione di Gordon. “La prima stagione non è stata un grande successo, e ora con la seconda la gente sembra averne avuto abbastanza”, dice Nijkamp.

HLF8 su Down Entertainment

Il programma originariamente belga è stato criticato anche dai nostri vicini del sud: “Tiri fuori dall’armadio dei bei bambini Down ed è divertente, carino e dolce. Ma se vuoi davvero che svolgano un ruolo nella società, saremo lì solo se presenteranno le notizie o lavoreranno qui sul campo, per esempio”, afferma il politico, psicologo e sessuologo belga Goedele Liekens .

Ma i programmi hanno anche portato all’accettazione da parte delle persone con sindrome di Down, afferma il pediatra Michel Weijerman, che lavora spesso con bambini con sindrome di Down. “È doppio, perché è uno spettacolo su Down. È Gordon con i bambini Down, e con un certo tipo di bambini Down. Quando Gordon dice “tutti dovrebbero avere un po’ di Down”, posso immaginare i genitori di bambini con sindrome di Down che dicono che bisogna provarla una volta”. Liekens aggiunge che il Down esiste in vari gradi: “E mostri solo un grado, quello bambini che amano andare in vacanza, ma i genitori a volte devono fare i conti con altre lauree”.

“È come fargli fare brutti scherzi”

Ape HLF8 siede Edwin Janssen, padre di suo figlio Stijn che ha la sindrome di Down. “Stijn ha tredici anni e si è evoluto in due o tre anni, quindi si comporta così. Pertanto, ha bisogno di cure e non puoi lasciarlo solo. Janssen dice di aver lasciato il lavoro per prendersi cura di Stijn e pensa che il downentertainment sia troppo comune. “È come costringerli a fare brutti scherzi. Questo non è un vero riflesso della realtà. Viene creata un’immagine che i bambini Down sono sempre facili.

spettatori di HLF8 ha risposto alla conversazione su Downentertainment. Alcuni non trovano affatto sfruttatore il programma con Gordon, mentre altri semplicemente non sono fan del presentatore. Ci sono anche spettatori che sono stufi di Downentertainment e ringraziano Janssen per aver condiviso la sua storia.

Vuoi vedere lo spettacolo HLF8? Puoi farlo qui.

I soldi (non) rendono felici: Stef inizia la sua carriera con 23.000 euro

Hai visto un errore? Mandaci una email. Noi siamo grati.

Risposta all’articolo:

È ora di lasciare Downentertainment? “È come fargli fare brutti scherzi”

READ  Tony Awards Organization premia per la prima volta attori non binari | Libri & Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *