La CBS corregge l’errore doloroso nella ricerca sulla collocazione della detenzione nel caso di benefici

La CBS corregge l’errore doloroso nella ricerca sulla collocazione della detenzione nel caso di benefici

Un evento di sostegno a beneficio dei genitori e dei loro figli il 6 aprile.  Immagine w

Un evento di sostegno a beneficio dei genitori e dei loro figli il 6 aprile.Immagine w

È un tema delicato e la denuncia, resa pubblica il 1° novembre, era molto attesa: gli oltre duemila figli di genitori beneficiari di sussidi sono stati collocati fuori casa perché i genitori hanno avuto difficoltà a seguire denunce al fisco? Il rapporto della CBS lo diceva chiaramente e inequivocabilmente nel riassunto pubblico: essere ingannati non aumenta le possibilità di un’azione di protezione dei minori.

Questa formulazione è troppo precisa, ha ammesso giovedì una delegazione di Statistics Netherlands durante un briefing tecnico alla Camera dei Rappresentanti. Nel rapporto sottostante, è stato formulato in modo più cauto: “Non ci sono prove che, in media, le vittime entrino più spesso in contatto con la protezione dei minori a seguito di una truffa. Non si può escludere che ciò avvenga in singoli casi.

colpo di traduzione

La differenza sta nella sfumatura, afferma Casper Albers, membro del comitato di supervisione dello studio CBS e anche professore di statistica applicata. Giovedì ha colpito nel segno alla Camera dei Rappresentanti. «Solo perché non è stata trovata alcuna prova, non significa che lo sia. A livello individuale, o tra piccoli gruppi di vittime, potrebbe esserci stata una relazione così piccola da non poter essere rilevata statisticamente.

La CBS è molto delusa dalle turbolenze che si sono verificate ora. “Continuiamo a sostenere pienamente le analisi e le conclusioni di questo rapporto. Ma non è andato bene nel processo di traduzione per renderlo accessibile. Un portavoce sottolinea che dice sempre che, in media, non può esserci una relazione molto ampia tra essere ingannati e ricevere un ordine di protezione dei minori. Ma ora l’immagine minaccia di girare dall’altra parte: che l’indagine della CBS fosse completamente fasulla.

duemila bambini

Gli eurodeputati Pieter Omtzigt, Peter Kwint (SP) Farid Azarkan (Denk) hanno reagito con sgomento. Kwint: “È proprio questa frase che è stata sottolineata ovunque e presentata come conclusione principale. È tanto più doloroso che l’errore sia stato commesso con un argomento così pesante. I collocamenti fuori casa sono stati sotto i riflettori da quando Statistics Netherlands ha pubblicato i dati su questo un anno e mezzo fa. A quel tempo erano ancora più di 1.100 i figli delle vittime del caso beneficio che venivano collocati fuori casa, oggi sono più di duemila. La domanda era se questi genitori, che erano già stati ingannati da un’ingiusta accusa di evasione fiscale, avessero perso i figli a causa di questo caso.

Per lo studio su questo argomento, Statistics Netherlands ha confrontato il gruppo di genitori beneficiari con un gruppo di genitori non interessati dal caso, con all’incirca le stesse caratteristiche. L’analisi ha mostrato che i genitori beneficiari avevano una probabilità superiore alla media di entrare in contatto con la protezione dei giovani. Ma ciò era dovuto alle caratteristiche di questo gruppo, che Statistics Netherlands aveva precedentemente mappato: ad esempio, un numero relativamente elevato di famiglie beneficiarie sono famiglie monoparentali e hanno un reddito relativamente basso.

Inoltre, la ricerca non è ancora finita. L’Ispettorato per la giustizia e la sicurezza sta attualmente conducendo una nuova ricerca qualitativa sulla questione del motivo per cui i bambini sono stati allontanati dalle loro case. A tal fine l’Ispettorato si rivolge anche a genitori e figli. I risultati sono attesi per la metà di quest’anno.

READ  Alla tua salute - Medico e Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *