è PERFETTO per una fascia di età specifica, ha spiegato il prof. Matteo BASSETTI »ILMETEO.it

VACCINO JOHNSON & JOHNSON: È PERFETTO per una fascia di età specifica, ha spiegato il prof. Matteo BASSETTI

JOHNSON & JOHNSON è PERFETTO per una fascia di età specificaCresce l’attesa per il vaccino Johnson & Johnson che arriverà in Italia a metà di questo mese e di cui basterà una dose. E solo per il dubbi che ruotano in queste ore attorno al vaccino AstraZeneca, l’attenzione va indubbiamente a qualcos’altro. E le notizie che giungeranno in queste ore avvalorano ulteriormente questa tesi.

“Il Johnson & Johnson sarà il VACCINO perfetto per i giovani dai 30 ai 65 anni. Sarà il vaccino per immunità molto elevate ed è un vaccino simile AstraZeneca, batteria virale. Quando Pfizer è uscito i critici hanno detto che avrebbero aspettato un vaccino normale come AstraZeneca, ora tutti vogliono Pfizer. Noi italiani siamo strani “. Lo ha detto il direttore delle malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, Matteo bassetti

Lo specialista in infezioni, come riporta anche la rivista Repubblica, dopo le preoccupazioni in onda sulla sicurezza di AstraZeneca lo ha ricordato con forza “La trombosi segnalata in tutto il mondo associata al vaccino Astrazeneca è inferiore a quella segnalata nella popolazione non vaccinata”. Secondo Bassetti, dopo la pausa L’Italia ha fatto bene a seguire ciò che dice l’EMA, perché io benefici Vaccino AstraZeneca “superano di gran lunga i rischi”.
E così, la posizione di Bassetti sui vaccini è chiara: tutte le tipologie autorizzate dall’autorità sanitaria prevengono le infezioni da COVID e devono essere utilizzate per combattere la pandemia.

Dobbiamo metterlo in testa, venire dovremmo convivere con il virus per gli anni a venire, quindi dovremmo farlo con le tante varianti che verranno scoperte “. La variante potrebbe essere più contagiosa, ma “non siamo sicuri che possa sfuggire ai vaccini, sono necessari ulteriori studi” e secondo Bassetti, “il Il Giappone ha gestito molto bene tutte le fasi della pandemia, ma è molto indietro rispetto alle vaccinazioni. È quindi probabile che, trattandosi di una quarta ondata di casi, la responsabilità ricada su questa variante perché il virus gira liberamente ”.

READ  Cashback, attenzione al bancomat: non sempre funziona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *