ecco le date del taglio

Il TAR Lazio ha respinto le chiamate di alcune aziende riguardanti nuove modalità del digitale terrestre. Ora è tutto pronto per lo spegnimento che avverrà gradualmente

Fonte Instagram – @videocenterplus

Il passaggio dal vecchio digitale terrestre al DVB-T2 di ultima generazione può finalmente avvenire. L’ultimo ostacolo che si frapponeva tra l’abbandono del vecchio segnale e quello del futuro è stato rimosso.

Il Tar della Lazio ha infatti respinto ufficialmente il ricorso presentato da Comunicazione dal Cairo e Persidera. Le due società avevano chiesto l’annullamento del Delibera Agicom 129/19 / Contro nonché il programma per disattivare il vecchio segnale e attivare quello nuovo.

Questo perché il cambiamento in corso comporterà la trasmissione di più canali con meno frequenze. Quindi dalle 20 frequenze del digitale terrestre DVB-T1 si passa alle 10 frequenze del DVB-T2.

Un aspetto poco apprezzato dai due sopracitati colossi che l’avevano chiesto Catrame per bloccare la procedura. Non lo era (i ricorsi sono stati dichiarati inammissibili) e quindi ora possiamo ufficialmente iniziare spegnere che, come avvenuto con il passaggio dall’analogico al digitale circa 10 anni fa, sarà progressivo a seconda dei diversi territori del Bel Paese.

LEGGI ANCHE >>> Digitale terrestre, non vedremo più Rai e Mediaset, c’è la data

LEGGI ANCHE >>> Nuovo digitale terrestre, eccoci qua: ecco chi dovrà acquistare un nuovo televisore

Digitale terrestre, le date del taglio

Il programma era già stato ponderato da allora Ministero dello Sviluppo Economico e ovviamente questo cambia a seconda del diverso Regioni.

Comincia 1 settembre 2021, mentre la fine è prevista per il 20 giugno 2022 quando il vecchio digitale terrestre sarà permanentemente spento in tutti gli angoli del bagagliaio.

READ  Alla Borsa di Milano oggi ci sono stati acquisti sulle banche e in particolare su un titolo che ha sorpreso

Ecco le date di disattivazione in base ai territori:

  • 1 settembre 2021 – 31 dicembre 2021: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia,
  • 1 gennaio 2022 – 31 marzo 2022: Liguria, Umbria, Lazio, Toscana, Sardegna, Campania,
  • 1 aprile 2022 – 20 giugno 2022: Sicilia, Basilicata, Puglia, Calabria, Molise, Abruzzo, Marche.

Quindi c’è molto tempo per adattarci alla nuova tecnologia, che ci permetterà di liberarci Banda radio 700 MHz. Purtroppo non tutti i televisori “vecchi” sono compatibili con il nuovo sistema. È bene quindi informarsi se è necessario modificare il proprio, magari approfittando del Bonus TV che ti permette di risparmiare fino a 50 euro se acquisti un dispositivo al passo con i tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *