Era troppo inventato in The Crown?  “Lo spettatore comprende rapidamente la finzione”

Era troppo inventato in The Crown? “Lo spettatore comprende rapidamente la finzione”

netflix

Notizie ONS

  • Jesper di Aquisgrana

    editore in linea

  • Jesper di Aquisgrana

    editore in linea

Only One Day è l’ultima stagione della serie Netflix La corona rilascio, e la serie di successo sulla famiglia reale britannica può già contare su molte recensioni. “È finzione, è così semplice”, ha detto l’ex primo ministro John Major. “È molto doloroso.”

Principale e innumerevoli altri sento che i creatori di The Crown hanno mescolato troppo la realtà con la finzione, così che la storia non corrisponde più alla realtà. Gli stessi creatori hanno sempre descritto la serie come “un dramma immaginario basato su eventi storici”.

I Paesi Bassi hanno anche varie serie drammatizzate su eventi storici, in cui la realtà è anche mescolata alla finzione. Dove tracciano la linea i produttori?

Unisciti a un personaggio

“Quando fai una serie drammatica sulla realtà, devi condensarla”, spiega Pieter Bart Korthuis. È uno degli autori di L’anno di Fortuynuna serie sulle elezioni della Camera dei rappresentanti del 2002 e sull’omicidio del politico Pim Fortuyn.

C’è molto da pensare a mescolare realtà e finzione, dice Korthuis, ma è difficile per lui dire esattamente dove si trovi il confine.

“Nel nostro caso, racconti la storia di un anno in cinque volte 50 minuti. Non puoi raccontarla completamente, se non altro perché ci sono troppe persone coinvolte e troppe devono essere presentate. di persone. Ad esempio, noi hanno funzioni e caratteristiche fuse in un unico carattere.”

Posso permettermi molto poco con un personaggio principale come Beatrix.

Tomas Ross

“Non facciamo documentari”, dice Michael Leendertse. È l’autore della serie drammatica furto di calamitàsul disastro di Bijlmer nel 1992. “Vuoi dire una verità emotiva. Una storia gestibile è la cosa migliore. La cosa bella dei buoni drammi storici è che dopo lo spettacolo le persone guardano se è davvero successo in quel modo. In questo modo scavano più a fondo nel Astuccio.”

“Il personaggio deve essere credibile”

Di Beatrix, Arancio sotto il fuoco e Bernhard, cattivo di Orange I Paesi Bassi hanno anche due serie drammatiche recenti (di successo) sulla famiglia reale. Entrambe le serie sono state scritte da Tomas Ross. È anche consapevole del confine tra realtà e finzione.

“Posso permettermi molto poco con un personaggio principale come Beatrix. Anche se ipotizzo, deve essere completamente credibile. È mia responsabilità trattare le persone esistenti nel modo più pulito possibile”.

Questo vale anche per il dialogo, secondo Ross. “Quindi guardo molti archivi e parlo con persone che li conoscevano o che li conoscono. Ecco perché introduco anche un personaggio immaginario per definizione nella mia serie. Lo spettatore può identificarsi con esso. E dove i fatti sono sconosciuti, ma ancora necessario, lo lascio al mio personaggio immaginario”.

PAPÀ

I creatori del Rampvlucht, con lo scrittore Michael Leendertse sulla sinistra

Korthuis pensa che come creatore sei anche obbligato a fare narrativa in una serie basata sulla verità. Lo ha fatto anche nella serie su Pim Fortuyn. “Se vuoi coinvolgere lo spettatore nella tua storia, devi rendere umani i politici e poi vai anche nel soggiorno del personaggio. Anche se non sai esattamente cosa è stato detto lì. Non puoi mai raccontare una storia di conversazioni solo negli uffici. Ecco cos’è la politica. Quindi, in pratica, stiamo mentendo la verità.

READ  l'annuncio dell'avvocato sul caso - Il Tempo

Che ora ci siano così tanti critici La corona non è qualcosa di nuovo. Per anni si è parlato molto di mescolare la narrativa in serie basate su storie vere. Leendertse vede questa come una tendenza. “Sembra un clamore degli ultimi anni. Ma da quando è arrivato il film, sono state raccontate storie storiche, con un mix di realtà e finzione”.

“Come produttore, lo tratto con molta attenzione. Produttori di La corona anche fatto. Non giova loro se il 90% della storia è inventato”, dice Leendertse, che dice anche di sentirsi sicuramente responsabile. “Ma le persone non sono stupide. Capiscono molto rapidamente se qualcosa è finzione o meno”.

Un argomento comune è che le persone prenderanno la finzione nello spettacolo come un fatto. In particolare, lo farebbero le persone che non hanno vissuto consapevolmente l’evento reale. “Penso davvero che sia un argomento assurdo”, è convinto Korthuis. “Non puoi mai fare affidamento su una sola fonte.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *