Esami di licenza sospesi: allarme scuola guida

TUTTO RINVIATO – Il Ministero dei Trasporti ha appena comunicato i provvedimenti in materia patente di guida ei Foglie rosa, i documenti che ti permettono di esercitarti alla guida con un esperto al tuo fianco: una serie di estensioni che ha spinto un gruppo di autoscuole torinesi a organizzare un incontro online alla presenza di associazioni professionali, politici e giornalisti. I fogli rosa con scadenza tra il 31 gennaio e il 28 ottobre 2020 rimangono validi fino al 13 gennaio 2021. Se i 6 mesi per sostenere Prova pratica le prove di guida scadono tra il 31 gennaio e il 15 ottobre 2020, il termine per sostenere la prova pratica è prorogato al 13 gennaio 2021. Le prove pratiche sono sospese fino al 29 novembre in Campania, Toscana e provincia autonoma di Bolzano; fino al 3 dicembre in Abruzzo, Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta. Per quanto riguarda le patenti di guida, ecco le nuove condizioni: 31 dicembre 2020 per quelle scadute tra il 31 gennaio e il 31 maggio 2020; 31 marzo 2021 in caso di scadenza tra il 1 giugno e il 31 agosto 2020; 31 dicembre 2020 per le scadenze dal 1 settembre al 30 dicembre.

MOTORIZZAZIONI PARALIZZATE – Il problema, ha detto D’Amelio, uno degli organizzatori dell’incontro, è che il I motori sono paralizzati. Anche prima dell’era Cmvid, la situazione era problematica; ora è ingestibile. Le autoscuole di Torino hanno tentato invano di contattare la Direzione Autoveicoli della città. Poi hanno chiesto l’intervento di tutti i parlamentari eletti del Piemonte, senza distinzione di colore politico. Obiettivo: tutelare la sicurezza stradale, permettere all’esercito di persone che oggi guidano con il Foglio Rosa di sostenere gli esami il più rapidamente possibile.

READ  Elon Musk supera Bezos, è il più ricco del mondo. E Tesla vale più di Facebook

PROPOSTE – Come uscire? Non burocratizzazione è la parola d’ordine che emerge dall’incontro di oggi: magari facendo in modo che il candidato possa accedere al portale automobilistico tramite identità digitale (SPID), eliminando qualsiasi lavoro di ufficio. Sarebbe quindi utile consentire agli studenti di fare esami di teoria anche dall’utilizzo di agenti dello Stato diversi da quello del DMV (polizia locale ad esempio), e dagli esami di pratica presso la scuola guida di riferimento. Infine, c’è la richiesta di rendere obbligatorio un corso teorico e di aumentare le ore di guida certificata necessarie per accedere alesame pratico, con l’obbligo di fare di più in caso di rifiuto: tutto questo, con l’obiettivo di far circolare nuovi automobilisti più preparati e consapevoli, e quindi più sicuri per se stessi e per gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *