ESCLUSIVA MN – Carmignani: “Deluso da Donnarumma, il Milan gli ha dato tanto. Calhanoglu? Non fa differenza”

Dall’addio di Donnarumma alla telenovela di Calhanoglu, a Tonali, Giroud e non solo: abbiamo parlato del mondo rossonero con un grande calciatore come Pietro carmignani, ex preparatore dei portieri nel Milan nonché vice allenatore durante la gestione di Sacchi. Ecco le sue dichiarazioni.

Alla fine Donnarumma ha scelto il PSG. Qual è la tua idea di questa storia?
“Sposso totalmente la scelta del Milan. Lascialo andare! Stimorò sempre Donnarumma come portiere, ma come persona e come uomo si è innamorato di me. Lui e tutto il suo gruppo. , compresi i familiari. Non si può lasciare Milan, che ti dà un contratto così., dopo che ti sei “coltivato” e ti sei fatto esplodere. Ha dato tanto al club? No, è stato il Milan a dargli tanto, e lui ha scelto il discorso economico. Spiega a io cosa non possiamo fare con 8 milioni all’anno. all’anno e cosa possiamo fare con 10 o 12? qualcosa che la gente normale non può capire. Rifiuta un contratto da 8 milioni e lascia il posto che ti ha cresciuto e al quale devi tutto. ..Bisogna essere grati a chi lo ha reso possibile”.

C’è chi dà la colpa a Raiola, ma alla fine è sempre il giocatore che decide.
“Raiola è un personaggio scomodo per i club perché cerca di attirare gli interessi più grandi per i suoi giocatori, che sono gli interessi più grandi per lui. Più prende il giocatore, più vince in percentuale. È tutto merito di questo movimento che è iniziato qualche anno fa, quando si diceva che aveva raggiunto il successo dei lavoratori. Ma quali lavoratori? Sono grandi fiere che guadagnano i soldi che le persone normali sognano. Sono maestri del passato. per fare quello che vogliono do un esempio: un attaccante firma un contratto da diversi milioni all’anno, se dopo la prima stagione segna 12-13 gol chiederà subito un aumento, ma se ne prende zero o due o tre cosa fa? difficile da seguire”.

READ  Juve-Napoli, i duelli di una partita che vale tutto

L’esempio sembra corrispondere a Calhanoglu. Giusto per compiacerlo?
“Secondo me dovrebbe prendere i soldi che sta prendendo ora. Calhanoglu è così elogiato ma non è che abbia fatto cose così grandi. Sì, è un buon giocatore e può rimanere dentro la squadra, ma può anche stare fuori. Lui non è il calciatore. Questo fa la differenza, ce ne sono pochi in giro. Calhanoglu è stato incoerente, chiedere il doppio stipendio è paradossale. Se tutte le società facessero quello che dice il Milan, andrebbe tutto bene. Bisogna calmarsi.: Il Milan è diritto di offrire ciò che propone e di non salire al piano di sopra.

In queste settimane avete avuto modo di vedere e “scoprire” Maignan?
“Per vederlo, devo vederlo giocare. Lo vedrò all’inizio delle amichevoli, poi potrò dare un parere. Sinceramente mi piacerebbe vederlo in allenamento, perché lì si intuiscono subito le potenzialità”.

È più facile per un portiere ambientarsi dopo essere passato da un campionato all’altro?
“Credo che il quadro sia trovare nuovi amici e cambiare abitudini, ma soprattutto cambiano i percorsi: il cibo, la casa, ecc. Non credo però che questo influisca sul rendimento del giocatore. Un centrocampista potrebbe dover integrarsi con la squadra., e questo può avere qualche difficoltà, ma un portiere è lì ad aspettare che tiri in porta o esca, quindi questa è una domanda specifica che non include un quadro tattico. vero che oggi i portieri giocano molto con i piedi, ma è molto più relativo a un giocatore in movimento. Penso che se il Milan, che aveva in porta uno come Donnarumma, prendesse Maignan, c’è che va bene. Sarà stato giudicato dal punto di vista carismatico, tecnico e tattico, avranno sicuramente fatto “un’ottima scelta, perché non si tratta di sostituire il pinco palino, quindi hanno dovuto stare attenti. asset”.

READ  Live Juventus - Torino: 0-0 Serie A 2020/2021. La partita in diretta

I francesi avranno molta pressione su di lui.
“Non deve averlo. Ognuno è se stesso. Ho avuto Frey dopo Buffon, e lo ha sostituito benissimo. Non devi mettergli pressione, devi stargli vicino. L’allenatore deve essergli vicino, così come Pioli, che è fantastico: conosco tutto il suo staff, lui e Murelli e Bonera erano i miei giocatori, sono convinto che Maignan non avrà problemi, si troverà benissimo.

Passiamo a Tonali. Maldini non ha dubbi sul valore del ragazzo, ma vorrebbe uno sconto dal Brescia.
“Secondo me va bene. Va bene prendere Tonali, ma torniamo al discorso precedente: se un giocatore sta facendo bene viene valutato molto, ma se sta facendo meno bene? l’ambientazione: anche se la distanza Brescia-Milan non è grande, ciò che conta è il rapporto che hai con i compagni, i moduli tattici, l’interpretazione che devi dare al ruolo. Ci sono tante cose che possono mettere in difficoltà un giocatore solido come Tonali. Mi sembra un tipo tosto e sono fiducioso che il prossimo anno farà molto bene. Quando un giocatore ha successo ti chiede di più, quando non lo fa bene puoi cercare un taglio, come giustamente fa il Milan. Ma lo farebbe con chiunque, non solo con i rossoneri.

Dal centrocampista all’attacco: Giroud è il profilo giusto?
“Penso che Giroud vada preso nel contesto di chi ci sarà. Ci sarà un Ibrahimovic sano e fisicamente recuperato? Sì, quindi è un attaccante destro, che può alternarsi con Zlatan. Il Milan ci aveva già provato con Mandzukic, ma ovviamente aveva dei problemi. Credo che Giroud possa essere un’alternativa. Poi, secondo me, c’è da considerare – e lo direi a Pioli, di cui sono amico – che Ibra non può partire. mettere in campo la loro classe e sono spesso decisivi, ma spesso il recupero conta, bisogna fare un programma particolare, poi il Milan giocherà ogni tre giorni, ci sarà la Champions League, quindi nell’affrontare gli attaccanti bisogna pensare su quanto può dare Ibrahimovic”.

READ  Polveriera Napoli: insulti di Insignia alla rabbia dell'ADL contro Gattuso

Ibra è stato costretto ad operarsi, a questo punto il Milan potrebbe affrontare un altro attaccante. Se il budget lo consente…
“Esatto. Abbiamo parlato di Belotti, ma quanto costa? Bisogna sempre contare su quello che si può. Gli allenatori più forti fanno spendere i soldi ai club: i diversi Ancelotti, Guardiola, Mourinho, Conte hanno fatto tanti soldi. Guadagnano molto perché prendono in giro i migliori giocatori”.

Chiudiamo con la Nazionale. Qual è la tua opinione sugli Azzurri?
“La mia idea è eccitante. Innanzitutto per la grande stima che nutro per Mancini: il lavoro che ha svolto in profondità è ora visibile in tutta la sua grandezza. È una squadra tecnicamente e tatticamente, per le due partite che abbiamo visto, nettamente superiore. Rispetto agli altri, sembrano pieni di vigore, entusiasmo e convinzione. Si stanno divertendo molto, anche per suonare in Italia e avere il pubblico dalla loro parte. dall’interno o dall’esterno. Ma c’è una grande sostanza. Penso che gli avversari più importanti siano Francia e Belgio. Mi piaceva anche l’Inghilterra, ma non credo che abbiano la forza di queste tre squadre. Spagna e Portogallo non mi hanno entusiasmato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *