Evenepoel mantiene con la Vuelta vincendo già all’età di 22 anni la sua immensa promessa en |  ADESSO

Evenepoel mantiene con la Vuelta vincendo già all’età di 22 anni la sua immensa promessa en | ADESSO

Remco Evenepoel era già la speranza belga del ciclismo prima di aver corso un metro da professionista. Con l’imminente vittoria della Vuelta a España – la prima vittoria belga in classifica generale in un grande round dal 1978 – il Fleming sta già mantenendo la sua immensa promessa a 22 anni.

Il sindaco Willy Segers ha chiesto questa settimana che l’intera Dilbeek diventi rossa, a sostegno del residente più famoso del comune del Brabante fiammingo. Il fan cafe In the Rustberg a Schepdaal ha riaperto venerdì, quando i proprietari erano effettivamente in vacanza.

Il canale televisivo fiammingo sporza ha deciso lunedì di fare altri sette spettacoli del popolare talk show sul ciclismo Viva la bici. E i giornali belgi sono stati riempiti per tutta la settimana di reportage e analisi sul più famoso connazionale del momento, e di interviste ad ex top ciclisti belgi sul loro giovane successore.

Chiamalo “Remcoorts” o “Remco-mania”. L’imminente vittoria di Evenepoel alla Vuelta porta grande euforia nel Belgio pazzo di ciclismo e soprattutto nelle Fiandre. Questa estrema attenzione per il giovane belga è stata presente dalla sua adolescenza, a malincuore, fino a quando il nuovo Eddy Merckx è stato bombardato.

Evenepoel domina tra gli juniores

In un soleggiato pomeriggio di settembre del 2018, Evenepoel ha tagliato il traguardo di Innsbruck con la sua bici sopra la testa. Il pilota diciottenne ha più che confermato il suo status di fenomeno nel Campionato Mondiale Junior Road Race. A seguito di una caduta e di un guasto all’attrezzatura, ha dovuto chiudere un gap di due minuti a 70 chilometri dal traguardo. Tuttavia, ha vinto con quasi un minuto e mezzo di vantaggio sul numero due. “Può diventare anche più grande di me”, afferma Merckx, il più grande ciclista di tutti i tempi.

READ  Intrigo Roma-Juventus, bloccata l'uscita di mercato bianconera

E questo mentre Evenepoel correva solo da un anno e mezzo in quel momento. Secondo la rivista fiamminga Rivista di sport/calcio Nel marzo 2017, l’ex giovane Anderlecht, PSV e KV Mechelen ha detto a suo padre ed ex ciclista professionista Patrick Evenepoel in una conversazione emotiva dopo un giro in bicicletta di 117 chilometri – con una velocità media di 33,6 chilometri orari – che si sarebbe fermato vogliono dare una possibilità al calcio e al ciclismo.

Si è rivelata una scelta d’oro, poiché Remco Evenepoel ha vinto 26 gare da junior. Anche se vincere è in realtà ancora un termine troppo morbido. Il belga di solito è molto meglio della concorrenza da essere più distruttivo. “Non ho mai visto un tale talento”, afferma Patrick Lefevere, l’esperto team manager della squadra di punta del Belgio Quick-Step, in vista del Campionato Europeo 2018. Volta. Durante questo torneo nella Repubblica Ceca, Evenepoel ha vinto la corsa su strada con quasi dieci minuti di vantaggio sul suo primo “concorrente”.

Lefevere ha visto abbastanza e offre un contratto a Evenepoel, rendendo il talento di punta già un professionista all’età di diciannove anni. “Ho già fatto grandi cose con le giovanili, ma con i professionisti parto da zero. Me ne rendo conto”, ha confidato dopo il Mondiale di Innsbruck. sporza. “Non ho ancora dimostrato di essere un fenomeno. Non credo che ci dovrebbe essere troppo rumore intorno a me”.

Remco Evenepoel festeggia il suo titolo mondiale juniores nel 2018.


Remco Evenepoel festeggia il suo titolo mondiale juniores nel 2018.

Remco Evenepoel festeggia il suo titolo mondiale juniores nel 2018.

Foto: Getty Images

Evenepoel viene criticato per aver deluso il Giro

Quick-Step opta consapevolmente per una breve fuga dall’Europa all’inizio del 2019 per il debutto di Evenepoel. Ha scarso effetto. Tutti i principali giornali belgi mandano un giornalista in Argentina per il Tour de San Juan, così come il canale televisivo sporza.

È un assaggio di ciò che Evenepoel può aspettarsi nella sua carriera professionale. Tutti i suoi movimenti sulla bici vengono tracciati, tutte le sue dichiarazioni vengono registrate e analizzate. Regolarmente positivo, ad esempio quando è il migliore della grande classica Clásica San Sebastián al suo primo anno e diventa il più giovane vincitore di una competizione WorldTour. “Incredibile: in una simile performance mancano i superlativi”, esultante Il giornale.

Ma inevitabilmente ci saranno anche feedback negativi. Questi raggiungono il culmine durante il Giro d’Italia 2021, il suo debutto in un grande tour. Evenepoel sta disputando la sua prima gara del Giro d’Italia dopo una dura caduta al Giro di Lombardia nell’agosto 2020 ed è deludente. Dopo diciassette tappe, ce la fa, dopo un’altra scivolata in discesa. “A volte sembra che Remco pensi che abbia già avuto successo”, scrive Merckx in una colonna per Il giornale.

“È sempre abbastanza facile buttare giù qualcuno, soprattutto se quella persona non si sente più molto bene mentalmente”, ha spiegato Evenepoel due settimane dopo il Giro.

Evenepoel è diventato molto più calmo

Sul Puerto de Navacerrada, un passo di montagna alle porte di Madrid, Evenepoel sabato finalmente si concede di far uscire tutte le emozioni. Piangendo, abbraccia la madre Anja e il padre Patrick, dopo aver vinto la classifica generale del Giro di Spagna nell’ultima tappa di montagna. ufficiosamente sicuro.

“Non so cosa mi passi per la testa in questo momento”, dice il primo vincitore della Vuelta del Belgio dai tempi di Freddy Maertens nel 1977. Trascorso il tempo, ho risposto a tutti con i pedali e alla fine si è visto”.

Con in mente le lezioni del Giro 2021, Evenepoel si è preparato tranquillamente per il secondo grande round della sua carriera negli ultimi mesi. Il pilota di Quick-Step Alpha Vinyl e la direzione del team hanno temperato le aspettative in ogni occasione affermando che l’obiettivo era raggiungere la top 10 della classifica. Evenepoel continua a irradiare calma durante le tre settimane di gare, anche se ha già conquistato la maglia rossa di leader dopo la sesta tappa.

“Penso che la mia vittoria questa primavera a Liegi-Bastogne-Liegi sia il motivo principale per cui sono più calmo quest’anno”, ha detto Evenepoel in Spagna venerdì. “È stata la mia prima grande vittoria e una dichiarazione. Con questo ho detto guarda, posso farlo”.

Domenica dopo la gara di gala di Madrid, Evenepoel può anche dire di poter vincere un grande round. “Speriamo che questo sia l’inizio di qualcosa di grande”, ha detto Lefevere. Il giornale. “Abbiamo appena iniziato.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *