Factorio arriverà su Nintendo Switch il 28 ottobre con multiplayer e crossplay – Gaming – News

Wube Software rilascerà il gioco di costruzione e gestione Factorio per Nintendo Switch il 28 ottobre. Il gioco avrà il supporto multiplayer e il cross-play con la versione PC del gioco.

Il popolare gioco di costruzione e gestione sviluppato per mouse e tastiera non sarà limitato nelle possibilità o nei contenuti su Nintendo Switch, quindi sottolinea lo sviluppatore. “Il gameplay non è semplificato e non ci sono limiti artificiali integrati”. Non c’è supporto per le mod per la versione Switch, cosa che c’era da aspettarselo.

I file di salvataggio sono compatibili con entrambe le versioni del gioco, ma non esiste una funzione speciale per trasferire i file. Tuttavia, una mappa, anche se creata in modalità giocatore singolo, può essere trasferita a una sessione multiplayer per trasferire un file di salvataggio su un nuovo dispositivo tramite il cross-play.

Sia in modalità docking che in modalità portatile, Factorio dovrebbe essere in grado di funzionare a 30-60 fps per la parte normale del gioco. Wube Software avverte di potenziali problemi di prestazioni su Nintendo Switch quando i giocatori vogliono costruire una fabbrica enorme. Dopo aver “terminato” il gioco, i giocatori possono praticamente continuare a costruire indefinitamente, il che può anche portare a un minor numero di aggiornamenti al secondo sul PC. In questo modo il gioco può selezionare il numero desiderato zecche non riesce a tenere il passo a causa dei numerosi calcoli relativi alla CPU in corso. Di conseguenza, il gioco è più lento e può portare a “un significativo rallentamento degli aumenti” nelle cosiddette mega basi.

In Factorio, i giocatori si schiantano su un pianeta alieno. Trasformando le materie prime in prodotti sempre più complessi in una fabbrica sempre più complessa, alla fine è necessario costruire un razzo per lasciare il pianeta. Nel frattempo, creature native simili a insetti attaccano costantemente il giocatore a causa dell’inquinamento causato dalla fabbrica.

READ  Caso tampone: ecco cosa rischia la Lazio e perché la classifica può essere rivoluzionata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *