Fed: tassi prossimi allo zero almeno fino al 2023

Un servizioL’INCONTRO DI SETTEMBRE

I tassi restano più a lungo fino a quando l’economia raggiunge il 2% di inflazione e tende a superare quel livello. Gli acquisti di titoli continueranno al livello attuale di 120 miliardi di dollari al mese

di Riccardo Sorrentino

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell

I tassi restano più a lungo fino a quando l’economia raggiunge il 2% di inflazione e tende a superare quel livello. Gli acquisti di titoli continueranno al livello attuale di 120 miliardi al mese

3 ‘letto

I tassi si sono fermati ai livelli attuali almeno fino al 2023 e gli acquisti di titoli ai tassi attuali più a lungo. La Federal Reserve prosegue la sua posizione espansionistica, a seguito dell’adozione della nuova strategia che le impone di raggiungere un target di inflazione del 2% in media “nel tempo”. Nelle circostanze attuali, ciò significa – spiega il comunicato diffuso dopo la riunione del Comitato di politica monetaria (il Fomc) – che la banca centrale americana da tempo punta a un’inflazione “moderatamente” superiore al 2% “. “.

Nello specifico, la Fed punta a colpire l’inflazione al 2%, indicando livelli leggermente superiori, oltre a un’occupazione “coerente” con la propria articolata valutazione del livello massimo raggiungibile. Fino al raggiungimento di questo target “intermedio” – funzionale a raggiungere la media del 2% dopo la lunga fase di bassa inflazione – i tassi si manterranno all’attuale livello dello 0-0,25%, mentre proseguiranno gli acquisti di titoli. continuerà agli attuali tassi di 80 miliardi di dollari al mese (più 40 per i titoli garantiti da ipoteca) al fine di mantenere il buon funzionamento dei mercati finanziari e garantire condizioni finanziarie espansive.

Per la Fed, ha spiegato il presidente Jerome Powell in una conferenza stampa, questa è una direzione “potente”. Senza contare che la banca centrale americana resta pronta a rivedere la propria politica, ovviamente in direzione espansiva, in caso di ostacoli al raggiungimento dei propri obiettivi.

READ  Cambia TV digitale terrestre, tutto quello che devi sapere per prepararti alla rivoluzione

Per chiarire cosa significano in pratica questi cambiamenti, aiutano i “puntini”, i puntini che indicano previsioni – in realtà non ufficiali – dei singoli governatori sull’evoluzione dei tassi. A giugno, hanno indicato i tassi ai livelli attuali per il 2021 e anche per il 2022, con un minimo di incertezza aggiuntiva. Le prime indicazioni per il 2023, che ora compaiono per la prima volta nelle proiezioni economiche trimestrali, rivelano che solo quattro governatori stanno valutando tassi più elevati (la media, però, guidata da una previsione di tasso unico da 1,25 a 1,50 %, supera di poco lo 0,25% che è oggi il limite superiore del corridoio).

In effetti, la decisione di settembre non è stata presa all’unanimità. Robert S. Kaplan, pur condividendo la necessità di mantenere le tariffe stabili per lunghi periodi di tempo, avrebbe preferito una maggiore flessibilità in quanto gli Stati Uniti superavano le difficoltà generate dall’epidemia, ovvero diciamo almeno in termini di inflazione, nel 2023 – mentre Neel Kashkari avrebbe preferito che si parlasse di inflazione cuore 2% da raggiungere in modo sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *