Femminista e antirazzista, la battaglia della nuova ministra boliviana Sabina Orellana Cruz: “Basta discriminazioni contro i popoli indigeni”

Donne con potere economico, capaci di dare il loro contributo alla famiglia senza dover dipendere dal marito e senza timore di parlare la loro lingua o vestirsi con gli abiti tipici della loro gente: queste sono le battaglie che il nuovo Ministro della Cultura boliviano, decolonizzazione e depatriarcalizzazione, Sabina Orellana Cruz, ha combattuto per tutta la sua attività al servizio della Confederazione Nazionale delle Donne Campesin, originarie e originarie di Bolivia “Bartolina Sisa”, e che ora intende portare a livello nazionale in questo nuovo ruolo.

Etnico quechua, femminista, storica attivista impegnata nella formazione di donne leader, cresciuta in una piccola fattoria, ha detto Sabina Orellana Cruz sin dal giorno della sua inaugurazione, il 20 novembre, alla presenza del nuovo presidente socialista Luis Arce: “Sono una donna orgogliosa delle mie radici perché sono quechua, e dovremmo sentirci tutti orgogliosi di essere di discendenza indigena. Assumere questa posizione è una grande sfida, soprattutto per noi donne aborigene, sempre sminuite. Tutti i boliviani dovrebbero sentirsi orgogliosi – ha aggiunto – di essere e di indossare le nostre gonne, i nostri sandali, i nostri cappelli, i nostri Ch’ullusOltre a parlare le lingue delle 36 nazionalità che compongono lo Stato Plurinazionale, poiché queste “sono le nostre radici”. E non è un caso che abbia alluso gonne tradizionali (Questo gonne), sandali e cappelli, perché in Bolivia le donne quechua o aymara che li indossano sono spesso oggetto di discriminazione e attacchi. Le aggressioni che sono notevolmente aumentate nell’ultimo anno sotto il governo dell’ex capo di stato ad interim, Jeanine Añez. “Il la fine del razzismo è responsabilità di tutti andare verso una pacifica convivenza in cui nessuno vede una donna o un uomo inferiore perché diversi, siamo diversi come i colori dei nostri sei libero», Ha sottolineato in riferimento alla bandiera quadrangolare di sette colori, usata originariamente da alcuni popoli andini.

READ  Il più antico birrificio del mondo scoperto in Egitto - Ultima Ora

Ecco perché uno dei suoi primi atti come ministro è stato quello di lanciare un ‘indagini per razzismo e discriminazione sui membri diYouth Union Cruceñista e K’ochala Resistance (due associazioni di estrema destra) per gli atti commessi nel gennaio 2020 nella città di Cochabamba contro le donne indigene sotto il governo di Añez “solo per avere pollera o legare i capelli in trecce “.

Un altro fronte su cui il nuovo ministro vuole lavorare c’è ovviamente cultura, soprattutto i nativi: “Lavoreremo su arte e cultura, est e ovest, dalla campagna alla città, lavoreremo insieme, ti chiedo di darmi l’opportunità di lavorare per un gestione culturale collettiva e diversificata, a beneficio del nostro popolo boliviano ”. La pandemia ha causato enormi danni agli artisti. Dopo che Añez ha giustificato l’abolizione del Ministero della Cultura lo scorso giugno, definendo il “La cultura come spesa assurda”“Orellana ha assicurato in questi giorni che cercheremo di riattivare l’economia facendo attività culturali” ma con una pianificazione coordinata tra governo, ministero e livello locale. Riattiveremo il progetto di cooperazione italiana, paralizzato dalla pandemia, con il quale sarà possibile raccogliere fondi per 32 progetti ”. La cultura deve essere riattivata rispondendo alla domanda dei popoli indigeni boliviani che vivono sia in campagna che in città, “perché tutti i boliviani hanno radici autoctone”. E infine un ambizioso obiettivo a lungo termine: costruire “a patria decolonizzata, depatriarcato, orgoglioso delle sue radici e della sua grande ricchezza culturale autoctona. Penso che sarà – ha concluso – la migliore eredità per i nostri figli e le nostre figlie che vivono nello stato multinazionale della Bolivia ”.

READ  Cosa sta succedendo nel Golfo di Oman, 6 petroliere hanno perso il controllo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *