Ferrari, Mick Schumacher si sente pronto per la Formula 1

Mick schumacher, Campione del mondo di Formula 2 e nuovo pilota di Haas, stabile in orbita Ferrari, totalizzati più di 100 giri in due mezze giornate (ieri pomeriggio e questa mattina) sul circuito di Fiorano. Guidare il Ferrari SF71H, in verità non era troppo lontano dai proprietari Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Immediatamente dopo aver completato i test, il file Ferrari ribatté un’intervista rilasciata da Schumacher per il volume Attività in esecuzione di Cavallino, in cui il figlio d’arte ripercorre il suo 2020 (un anno di gioie e dolori come un po ‘per tutti) poi fa qualche pensiero sul suo futuro in Haas e, possibilmente, in Ferrari.

Inizia con un riassunto del 2020, anno segnato dalla pandemia anche nel mondo delle corse:

“Le persone che lavorano nelle corse tendono a vivere nel futuro e non guardano mai indietro: per me è lo stesso. È una questione di mentalità, perché in un ambiente così competitivo cerchiamo sempre di pensare a cosa si può fare di più e come fare meglio. Ma forse in questo caso si può fare un’eccezione e non solo per motivi personali. La pandemia ha colpito profondamente la vita di ciascuno di noi e ha creato problemi molto seri a molte persone. Per questo a volte mi sembra quasi ingiusto essere felice di quello che il 2020 mi ha regalato perché, ad essere onesti, è stato l’anno migliore della mia vita sportiva, quello in cui il sogno che avevo da bambino si è avverato. Ora posso dire che sono pronto per questo Formula 1“.

Ha poi parlato della Pandemia, e soprattutto di questo momento in cui abbiamo temuto di non poter correre:

READ  aumentano le infezioni. Si teme l'effetto domino

“All’inizio della pandemia, quando in molti paesi c’era confinamento quasi completamente, lo sport non era giustamente una priorità. Avevo paura che la mia seconda stagione in Formula 2 sarebbe stato rinviato di un anno e, con esso, il mio sogno di arrivarci Formula 1. Poi abbiamo iniziato a gareggiare Austria, anche se l’inizio del campionato per me è stato terribile: ho commesso due volte lo stesso errore, con il risultato di raccogliere pochissimi punti nelle prime due tappe ”.

A Mick Schumacher viene chiesto se c’è stato un momento decisivo nella sua stagione, in cui ha davvero capito di poter vincere:

“Non ce n’era uno in particolare. La realtà è che dopo questa brutta partenza non ci siamo persi d’animo perché sapevamo di aver lavorato bene con Prema, la mia squadra: non abbiamo mai perso la fiducia necessaria per poter vincere ed è stato così. Siamo rimasti concentrati e uniti, lavorando duramente per recuperare, passo dopo passo. Impegno, fiducia in se stessi, lavoro di squadra e divertimento: questi gli elementi che ci hanno permesso di scalare la classifica e, alla fine, di vincere il titolo, grazie soprattutto alla costanza dei risultati ”.

Ovviamente, la prossima domanda riguarda il suo futuro alla Haas come pilota di fabbrica:

“Era importante vedere che l’approccio ei risultati che abbiamo ottenuto sono stati così premiati e posso solo ringraziarla. Ferrari Drivers Academy per avermi dato fiducia, tanto che ho preso questa decisione ancor prima che si prendessero le tappe decisive del campionato. Per me è stato importante avere il supporto di FDA, per poter guidare auto di Formula 1, parlare con persone molto esperte o, semplicemente, sentirsi parte di una famiglia ”.

READ  F1 GP Imola 2021: Verstappen trionfa. Ferrari sul podio - Sport - Formula1

Una scelta, quella di Haas, arrivata ancor prima della conquista del titolo di Campione del Mondo F2:

“Anche se sapevo che stavo per correre Formula 1, Volevo assolutamente vincere il titolo: è normale, vero? Se corri, vuoi vincere. Non ho mai perso la fiducia di poter avere successo. Anche se le ultime gare non sono andate come avremmo voluto, ho voluto con tutte le mie forze essere campione: per me e per la squadra. Quando ho tagliato il traguardo dell’ultima gara, in tutta onestà non ero proprio sicuro di esserci riuscito e una parte di me non ha osato festeggiare: questi sono stati probabilmente i momenti più intensi della mia carriera, tant’è che quando sono arrivato nel parco chiuso e ho visto la mia squadra gioire, ho avuto bisogno di pochi istanti per rendermi conto di quello che era successo ”.

Un ultimo sguardo poi si rivolge alla nuova stagione 2021, l’ultima prima del grande cambio di regolamento tecnico:

“È passato molto tempo da quel giorno, soprattutto perché non vedo l’ora che inizi la nuova stagione, per essere sulla griglia di partenza per la mia prima gara con i migliori piloti del mondo. Fino ad allora, cercherò di sfruttare al meglio ogni momento e farò del mio meglio per prepararmi a quel momento, quindi quando si accenderanno i semafori sarà un momento molto emozionante ”.

OMNISPORT | 01-29-2021 18:04

Carattere: Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *